10°

20°

Arte-Cultura

Nando Negri, il pittore dell'anima

Nando Negri, il pittore dell'anima
1

 Stefania Provinciali

 E’ scomparso all’età di novant’anni Nando Negri, uno dei grandi artisti che hanno delineato la storia pittorica della città con la sua forza espressiva, votata al silenzio ed all’indagine interiore. A Parma, dove era nato il 28 maggio del 1922, aveva scelto di rimanere dopo i successi ed i riconoscimenti nazionali che lo avevano accompagnato fino alla fine degli anni Sessanta. Aveva scelto l’antica villa immersa nel verde di via Cremonese, l’insegnamento e la famiglia come punti di riferimento nella vita, pur senza mai tralasciare quel grande amore per la pittura che lo ha accompagnato fino agli ultimi giorni.
 Da tempo ormai faceva vedere i suoi quadri solo sporadicamente, in qualche mostra collettiva, ma tutti sapevano che la sua vita artistica era sempre in fermento a fianco della figlia Anna Cristina, scultrice, che con lui divideva la passione per l’arte. 
Scontroso e burbero quel tanto che basta per restare lontano dai clamori del mondo, amava ripetere a chi gli chiedeva le ragioni delle sua arte: «Sono le mie tele che devono parlare di me».
 Così l’accento cadeva sulle tematiche predilette, sui ritratti e sul modo di approccio al vero. «Sono le passioni e non i propositi a dettare la mia pittura. Guardo il vero, il resto viene da sé», aveva dichiarato in una delle rare interviste concesse, forse l’ultima, sottolineando il bisogno della verità nel quadro.
Frequentando i musei era rimasto colpito dalla diversità di espressione della materia nei quadri antichi rispetto a quella dei quadri moderni, ed era andato a Roma, all’inizio degli anni Cinquanta, per conoscere De Chirico ed apprendere da lui i segreti della materia pittorica. Tra i due era nato un sodalizio artistico ed umano così che nel tempo il pittore della metafisica gli aveva svelato il «mestiere» ed aveva presentato le sue mostre. Quasi un passaggio di consegne fra due grandi artisti che riporta all’attenzione un tema tuttora attuale, quello del ritorno alla qualità della pittura considerata da entrambi la vera rivoluzione dell’arte contemporanea.
Sono i «misteri» della materia che Nando Negri ha indagato sia con il colore ad olio sia col pastello. Il primo si è espresso attraverso sottili giochi di materia in grado di creare corposità e trasparenze, luci ed ombre capaci di dare consistenza all’immagine. Esemplari i suoi celebri ritratti quali il cameriere, il contadino, il ritratto del ceramista Grazioli, Anna, l’uomo in treno, la donna col fazzoletto, tutti colti dalla vita, che si addentrano nell’io dei personaggi senza travalicare i significati della forma, la fisicità e le atmosfere.  Nel pastello la mano si fa più corposa e le figure risentono di echi settecenteschi.
 Amava il suo lavoro di insegnante all’Istituto d’arte Paolo Toschi, dove aveva studiato con maestri quali Enrico Bonaretti, Guido Montanari e Paolo Baratta, e dove ha insegnato scenografia e figura.
 «Con i giovani ho scoperto la mia comunicativa, insegnavo disegnando e dipingendo con loro», ricordava. Ormai da tempo guardava il mondo filtrato dagli antichi vetri multicolori della sua casa o dal verde delle foglie del suo giardino e chissà quanto avrebbe potuto raccontare. 
Nando Negri ha frequentato l’Accademia di Firenze sotto la guida di Ottone Rosai. Dalla metà degli anni Quaranta ha partecipato a numerose esposizioni tra cui la Biennale d’arte sacra di Bergamo del ‘46, la Biennale di Venezia del ‘48, la Quadriennale di Roma, il premio Marzotto, le Biennali della Permanente di Milano. Ha esposto alla galleria Medusa di Roma, alla Gussoni e alla Bergamini di Milano, città in cui nel ’68 partecipa alla mostra al Palazzo della Permanente «Trentadue personali di artisti italiani». L’ultima personale è a Cortina d’Ampezzo nel ’69 al Circolo artistico. Le successive mostre sono partecipazioni a collettive, molte legate a Parma ed al territorio dove è stato sempre presente ma dove mai ha realizzato una personale.
 Ha partecipato con un significativo numero di opere, nel 2008, alla mostra nell’Antica Farmacia San Filippo Neri con la figlia Anna Cristina, a testimonianza del legame artistico che sempre li ha uniti. Era stato ed era tuttora vice presidente dell’Accademia nazionale di Belle Arti di Parma.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Aldo

    03 Febbraio @ 22.31

    Oggi la città si è impoverita dalla perdita di un artista e di un grand uomo esempio diignitoso di vita dedicata all Arte

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport