-2°

Arte-Cultura

Letterati e parmigiani dell'800

Letterati e parmigiani dell'800
0

Le lettere, nuovo volume dell’enciclopedia Storia di Parma, edita da MUP con il sostegno di Fondazione Monte di Parma, Camera di Commercio di Parma, Università di Parma, è dedicato alla letteratura parmigiana, dal 1200 a oggi. A seguire un contributo del Professor William Spaggiari, dedicato al tema "Letteratura e vita civile: da Maria Luigia agli ultimi Borbone", ampiamente trattato nel volume.

Nel passaggio dall’età napoleonica alla Restaurazione il panorama letterario parmigiano vede la scomparsa di figure prestigiose, come il tipografo Giambattista Bodoni, e la diaspora intellettuale; erano molti gli intellettuali del ducato che avevano preferito mettere alla prova in altre città la vocazione a una letteratura attenta ai fattori della rigenerazione sociale. Lontano da Parma operarono a lungo poeti come Claudio Linati e Jacopo Sanvitale, che si impose dapprima come cantore della patria lontana, poi come interprete di una linea spirituale e profetica nel poema «La luce eterea». Da sottolineare, come elemento significativo della vita culturale cittadina dopo l’arrivo di Maria Luigia, sarà il ruolo della nascente industria editoriale, cui fornivano alimento il rinnovato fervore degli omaggi poetici alla duchessa e, su altro versante, gli studi antiquari, già ampiamente praticati in passato.
Nella capitale si tentava di ripetere il fasto della tipografia bodoniana, pur se si faceva strada una necessità di adeguamento a strategie meno elitarie; nella periferia si ampliavano, per contro, i margini di manovra per stampatori più spregiudicati, che riproponevano con grande tempestività (e in versione economica) opere famose apparse altrove, sfruttando l’assenza di una legislazione sulla proprietà letteraria. Nel trentennio ludoviciano risultavano attive più di venti sigle editoriali a Parma, una decina a Piacenza e altrettante, spesso effimere, nei centri minori, con una produzione particolarmente ricca in anni cruciali come il 1816 (l'arrivo della duchessa), il 1821 (l'attività cospirativa, la morte di Napoleone), il 1849 (gli avvicendamenti dinastici) e il 1859, quando la pubblicistica civile, dapprima pressoché assente, prese il sopravvento con libelli e opuscoli sulle vicende militari, sui protagonisti della politica, su eventi di particolare risonanza.  Le occorrenze significative come l'«Essay on man» di Pope tradotto da Michele Leoni nel 1819; i «Doveri degli uomini» di Silvio Pellico, vero caso editoriale del 1834, quando ne apparvero circa quaranta edizioni, due delle quali a Parma; le «Ricerche intorno alla natura dello stile» di Cesare Beccaria, nel 1844) si disperdevano tuttavia nell’affollarsi di composizioni encomiastiche, versioni di classici, opere di poeti della vecchia scuola come Angelo Mazza o di eruditi di notevole valore come Michele Colombo.
 Non meno importante fu l’attività di istituzioni educative, accademie, collegi, come la Società storica parmense e il Gabinetto letterario fondato nel 1826 da Francesco Pastori, poligrafo e patriota, al quale si deve anche il primo bollettino di informazione libraria, pubblicato con cadenza quindicinale nel 1828-29 presso la stamperia di Pietro Fiaccadori, il più importante tipografo-editore attivo a Parma in quel periodo. Il Fiaccadori, che per oltre quarant'anni avrebbe dominato la scena, e gli altri stampatori ducali furono attenti alle esigenze della committenza ecclesiastica, cortigiana e scolastica, presentando opere di indirizzo liturgico-devozionale e di storia (la prima edizione della «Cronica» di Salimbene nel 1857, le «Memorie degli scrittori parmigiani» e la «Storia di Parma» del bibliotecario Angelo Pezzana), ma anche almanacchi e manuali di agricoltura e di medicina popolare.
In tale contesto di letteratura socialmente istruttiva, che non escludeva la ricca tradizione dialettale, trovarono spazio autori come Carlo Malaspina, compilatore del settimanale "Il Facchino" (1839-45) e del Vocabolario parmigiano-italiano, e Domenico Galaverna, con il lunario del "Battistèn Panäda", pubblicato annualmente dal 1852 ai primi del Novecento. Nella periferia del ducato, vivacizzata dalle istanze di progresso civile e culturale propugnate dal Giordani, operavano letterati che a quel magistero si richiamavano. Ma colui che dominò la vita culturale del ducato fino al 1848 fu appunto il Giordani, già funzionario napoleonico e autore di un «Panegirico» di Napoleone che, nel 1807, aveva esaltato non il condottiero (secondo la tendenza comune), bensì il lungimirante propugnatore di un nuovo sistema di legislazione. Spesso criticato per l’apparente contraddizione tra le istanze di un pensiero avanzato e la pratica aristocratica della lingua, Giordani si oppose sempre ai governi assoluti, che più volte lo presero di mira con provvedimenti punitivi.
 Risale al 1838 un libello di veemente polemica, «Il peccato impossibile», forse l’opera più fieramente antioscurantista del secolo, pubblicata postuma nel 1862. Il pamphlet prendeva di mira il nuovo vescovo di Fidenza, l’ungherese Jànos Neuschel, il quale nel 1837 aveva elencato, fra i peccati che cadevano sotto la sua diretta giurisdizione, il "concubito" diabolico, essendo a suo dire il demonio capace di manifestarsi sotto attraenti sembianze umane; cosa che scatenò lo sdegno di Giordani, offeso da quel ritorno di tenebre medievali. A differenza di altri conterranei, che avevano esercitato altrove la loro militanza intellettuale, Giordani aveva dunque fatto coincidere con il ritorno a Parma l’inasprirsi del suo radicalismo illuministico, contrapposto a una cultura ancora segnata da pregiudizi e sterile culto di memorie lontane.
WILLIAM SPAGGIARI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti