10°

20°

Arte-Cultura

Parma, anno del Signore 1108

0

Luigi Alfieri
Nel 1108, la mia città, come tutte le altre, era fatta di casette di legno. I maiali grufolavano per strada e i lupi ululavano ai piedi delle mura di fango. Nella mia città, nelle altre no, c’era la Scuola Vescovile, la più dotta d’Europa. Così, potrei raccontarvi la storia di uno studente di Reims che, per abbeverarsi alla nostra Fonte di Sapienza, lasciò la sua città, camminò per mesi sotto il sole, si lasciò bagnare dalla pioggia, accettò le sferzate del vento. Onde pagarsi viaggio e soggiorno condusse una carovana di tessuti comprati in Fiandra, pronto, al ritorno, a portarsi via la preziosa lana delle pecore padane. Ma, in fondo,  è una storia di cultura troppo inquinata dai soldi, una storia banale, che non profuma d’antico. Perché raccontarla?
Forse è meglio ch’io narri quella di Bertrando, un mio concittadino, che dopo avere partecipato alla prima crociata, fermatosi per qualche anno a Gerusalemme, nel 1108 tornò a casa e spiegò che in Oriente davanti alle chiese mettevano grossi leoni. E insisteva per mettere leoni anche da noi, che le chiese coi leoni sono più belle.
Ma no, preferisco la storia di Gherardino Segalello, un contadino ignorante che voleva farsi frate. Scartato dalla Chiesa, si tagliò il mantello sulla foggia di quelli indossati dagli apostoli nelle immagini medievali e si mise a girare per le campagne facendo il predicatore per conto proprio. Entrava nelle case e urlava «penitenziàgite, penitenziàgite». Cominciò a raccogliere proseliti e siccome esortava alle pratiche della carne, unico mezzo per raggiungere la purezza, il numero degli apostoli crebbe assai in fretta. Ne  nacquero intensi momenti di preghiera e orge colossali. Tutto questo successe anni e anni dopo il 1108 e poi – bisogna dirlo – Segalello finì bruciato in piazza. In una piazza della mia città. E visto che non mi piace raccontare cose fuori tema e poco belle per la mia città, restiamo al 1108.
In quell’anno, dalle nostre parti,  c’erano alcuni nobili che avevano studiato alla Scuola Vescovile. Uno di loro, Sinibaldo, fu chiamato dall’imperatore alla segreteria reale. Sarebbe diventato in breve gran cancelliere. Ma Sinibilaldo aveva un padre, Uberto, che lo voleva podestà di una città vicina. Lo voleva dalla parte delle città libere, non da quelle dell’impero. Sinibaldo, ancora indeciso tra Lombardia e Germania, fu preso dalla dissenteria. E morì nel 1108. Ma perché raccontare una banale storia di mal di pancia e di dolori intestinali? Piuttosto, ce n’è un’altra, quella del piccolo Ugo, il figlio di Bernardo, il mercante. Se ne  andava col padre, il piccolo Ugo, alla fiera di San Siro, che si teneva ogni anno dove il torrente che attraversa la mia città e si butta nel Po. E lì correva tra gli orci d’olio che arrivavano dalla Liguria, i mucchi di sale della Romagna, le spezie portate da Pisa e da Genova, i damaschi dei veneziani. Annusava l’odore acre degli asini, dei muli, dei buoi e dei cavalli, guardava le barche scivolare sull’acqua, ascoltava i forestieri parlare lingue sconosciute.
Bagnava i piedini nel fiume. Ma  a chi interessa la sua storia? Che storia è mai quella di un bambino ricco e felice? Chi può commuovere se mancano sangue e dolore?
Non è più bella quella del vescovo Bernardo? Arrivò nella mia città mandato da Roma e cominciò a predicare contro l’imperatore a favore del papa. Ma qui erano tutti ghibellini e lo misero in prigione. Poi diventarono tutti guelfi e chiesero al papa Pasquale di avere Bernardo come pastore. Bernardo si stabilì nella mia città e fece il vescovo per trent’anni, amministrando le anime, ma anche gli affari pubblici e la giustizia.  Gli volevano tutti bene. A Bernardo. Tanto bene che la storia è un po’ melensa. E non val la pena di raccontarla con tutti quei voltagabbana in azione.
E’ più bella quella di Corrado, il figlio di Enrico IV imperatore, che proprio in quegli anni si ribellò al padre. Povero vecchio, umiliato da Matilde, disonorato da due papi e ora tradito dal figlio, quel cane che piantò l’esercito alla periferia della mia città in attesa di attaccare il genitore. Un anziano disonorato sulla via della pensione. E insidiato proprio dal figlio. Che storia di potere e di famiglie, di decadenza e meschinità. Che storia stupida.
 Preferisco raccontare di quei lupi che l’inverno rigido del 1108 spinse fin dentro la mia città: assaltarono la casa di Bonifacio e portarono via il figlio Oddone. Bonifacio fece finta di non vedere il sangue del bimbo. Uscì dalle mura per ritrovarlo, inseguì il branco e non lo videro mai più. Una brutta storia. Una storia di gelo e di morte, una storia da brividi. Ma qui  bisogna stare allegri. La mia città si affacciava sulla strada dei pellegrini, quella che da Canterbury porta a Roma. Così nella mia città c’erano tanti osti che sfamavano i viandanti. Lungo la strada per Roma non c’erano solo camminatori per fede, ma pure quelli per denaro. Quelli coi muli carichi di pelli e broccati, di olio e cereali. E c’era un oste, Anselmo, che cominciò a comprare un po’ di sale, poi un po’ di incenso e a vendere fustagno. E a barattare il formaggio con la lana. E stava sempre coi mercanti e diventò un mercante. Si comprò dei muli, portò la lana della mia città nelle fiere di Fiandra e di Champagne. Una bella storia di successo e di protocapitalismo. Ma Anselmo aveva le bilance truccate. Purtroppo, un giorno, se ne accorsero e lo tennero lassù a Bruges, a marcire in galera. Brutto finale, meglio lasciar stare.
Allora è meglio la seconda storia, quella di Bertrando che aveva partecipato alla prima crociata. Tornò  a casa nel 1108 e trovò la moglie incinta. Si consolò sistemando leoni davanti alle chiese. Ecco, questa è la storia giusta. Quella di Bertrando, il cavaliere cornuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport