10°

20°

Arte-Cultura

Pardini alle redini di Balio

Pardini alle redini di Balio
0

 di Camillo Bacchini

Un romanzo di Pardini va aperto con cautela. Potrebbe capitare di precipitarvi dentro, attratti dalla forza di gravità prodotta dall’energia della scrittura, trascinati per il bavero da un personaggio, o risucchiati da un cortocircuito temporale. In quest’ultimo romanzo, «Il postale», in libreria per i tipi di Fandango (205 pagine, 15 euro) - ad esempio, fin dalla prima pagina, potreste rischiare di vedere con indelebile nitidezza una diligenza. Un cavallo nero. Un postiglione. Poi un percorso, come un pendolo, tra la alta valle del Serchio e la città di Lucca. Ed eccovi subito ribaltati in un altro periodo, tra la fine dell’Otto e il primo dopoguerra. Liberio, il cocchiere della suddetta carrozza, acquista alla fiera - da individui dall’aspetto antico - che l’autore preleva direttamente dal mondo della fiaba, o dai libri sacri - un cavallo di nome Balio; messo al traino della diligenza-postale, Balio, con Liberio, viaggerà tra le insidie dei briganti, del clima, ed in corsa col tempo. Ma chi è veramente Balio? Da dove proviene? Balio, così forte, ribelle, veloce; sensibile, intelligente, istintuale ed infallibile conoscitore del bene e del male? E perché non invecchia mai? Lo sguardo, umano. E ancora: quali mai straordinari personaggi salgono sul postale di Liberio, proprio dopo il suo neoacquisto-adozione? Mentre i portelli del postale si aprono, provocando nei lettori una vera e propria meraviglia di stampo felliniano, per far salire Pascoli, Puccini, Santa Gemma Galgani, e quant’altri, il paesaggio scorre veloce, e scivola al ritmo dell’Italia che cambia, sferragliando insieme al calesse verso il tracollo del primo conflitto e al contraddittorio suo dopoguerra, mentre Pardini tratteggia la natura a colpi di macchia, come la pittura tosca dell’Otto: «La Pania, immensa sagoma scura, si stagliava nel cielo» e ancora: «grandi nubi s’ammassavano in cielo e gli intonaci, i selciati e gli stallaggi divenivano un unico, greve odore». Più macchiaiolo dunque in questo romanzo che impressionista, nel linguaggio pure toscaneggia, e lo fa con le consuete sue dosate inserzioni, prelevate dalla stratificazione linguistica del «milieu» locale con carotaggi degni d’un geologo. Balio gareggia col treno, sfidando il destino tecnologico dell’Italia; cerca di sfuggire alla piena del Serchio, correndo più veloce dell’acqua. Cavallo autore di monte bibliche, di fughe selvagge, di imprese audaci, accompagna la vita di Liberio, che vede nascere il proprio figlio, lo vede crescere e partir per la guerra. Tornerà? Ancora una volta, Balio si rivelerà indispensabile, Balio, un dono magico come, nelle fiabe, ricevono solo i protagonisti ad inizio racconto. E proprio un’intimità di fiaba - degna forse solo di certi quattro e cinquecenteschi «Riposi durante la fuga in Egitto» - lo scrittore ricrea al bagliore della luna, quando, con Balio, Liberio e sua moglie viaggiano alla volta del Carso, alla ricerca del figlio. Come sempre nei racconti del Nostro, gli animali conservano quell’autenticità atavica che manca agli uomini, così pseudo progrediti quanto carichi di «ubris». Leggendo queste pagine, ancora una volta memorabili di Pardini, viene da pensare, vista la nettezza degli stimoli che il suo racconto emana, che lui, un postale, l’abbia visto davvero, di recente. Ci abbia girato intorno, lo abbia squadrato; forse, ci è anche salito. Avrà toccato i rivestimenti, constatato la conservazione. Poi, lo avrà sentito muoversi, avrà sentito pure lo zoccolare del cavallo, le urla del postiglione, lo schiocco della frusta. Avrà rivisto un mondo perso per sempre, un mondo che oggi riecheggia in parte in angoli sperduti d’Italia; più che sperduti, in disparte. Viene da pensare, cioè, che abbia sentito la necessità, lui, oriundo della valle del Serchio, ex abitante solitario della Garfagnana, accerchiato da un mondo che non riconosce più, aggredito da metastasi di cemento, così anti-epico, vile, meschino, ipocrita, abbia sentito, si diceva, la necessità di spostare il tempo, per ritrovare (e raccontare) le origini perverse d’un cambiamento, quello del modernismo, che ha cominciato a strappare, forse definitivamente, l’uomo dalla sua madre, la Natura. Ma c’è dell’altro: mentre Pardini fa compiere al postale-macchina del tempo un salto all’indietro, facendo sfilare una passerella di personaggi storici - ognuno dei quali sottoposto ad un giudizio che non suona a posteriori - ne fa compiere uno anche nello spazio, sino in America. In uno straordinario flashback narrato da un avventore d’una locanda toscana, una carrozza analoga, al di là dell’Atlantico, aveva condotto una vecchia conoscenza del lettore di Pardini: il pistolero tosco americano Jodo Cartamigli, di cui l’excursus narrativo ricorda alcune prodezze. Vestito di bianco, veloce con il revolver, sicuro di sé, Cartamigli - lui sì eroe dei due mondi - rappresenta in chiaro l’eroe epico di cui il mondo avrebbe bisogno, Balio l’eroe in scuro. Che siano o meno due facce della personalità dell’autore, solare e notturna, umana e animalesca, razionale e viscerale, la loro provenienza, il loro apparire e sparire d’improvviso, la loro quasi indiscussa immortalità, la loro appartenenza ai miti della penna pardiniana, ci fanno sentire ancor più la loro mancanza nel mondo reale. 
Il postale - Fandango, pag. 205,  15,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

lega pro

Parma, parlano i tifosi: "Qualcosa si è rotto"

I presidenti dei Club credono ancora nella squadra, "ma serve un cambio di passo"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

MILANO

Corona, urla in aula contro il fidanzato di Nina Moric

SOCIETA'

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

Medicina

Le nove regole per prevenire i tumori

SPORT

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

tg parma

Parma in ritiro a Collecchio, Giorgino squalificato Video

1commento

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling