-3°

Arte-Cultura

Gli anni creativi di Libero Tosi

Gli anni creativi di Libero Tosi
Ricevi gratis le news
0

 Per onorare quella straordinaria figura d'artista qual è stato Libero Tosi (1902-1988), a venticinque anni dalla scomparsa, l'Accademia Parmense di Belle Arti e il Liceo Artistico «Paolo Toschi» hanno promosso una mostra con opere di pittura e fotografia. L'esposizione voluta da Marzio Dall'Acqua, Mauro Carrera (curatori) e Carla Tosi (figlia del fotopittore), presenta anche un raffinato catalogo con scritti critici dei due autori, di Romano Rosati, con la presentazione di Roberto Pettenati.


Della giovinezza di Tosi fotografo, della formazione artistica matura a Milano (1920-1929), negli anni che precedono la brillante carriera parmigiana, Rosati con il testo che segue, mette in luce questi aspetti inediti. La rassegna, allestitita nella Aula Magna del «Toschi», resterà aperta fino a sabato 23 febbraio (orari 8-13).
Su Libero Tosi fotografo, pittore e scultore molto si è scritto in vita e dopo la morte, avvenuta a Parma il 25 agosto 1988, lasciando però inesplorati i momenti cruciali della sua formazione artistica: prima l’adolescenza trascorsa a Guastalla poi la maturità culturale e professionale del periodo milanese. Sono questi i due momenti che cercherò di illustrare con le scarse notizie reperibili. Libero Tosi cresce nella Guastalla d’inizio Novecento, quando l’antico feudo dei Gonzaga è un grosso centro agricolo di confine, ultimo lembo di terra dell’ex Ducato parmense. La cittadina è un luogo ricco di arte e storia ma anche di arretratezza economica: i braccianti formano il nucleo più numeroso (35%) e vivono in condizioni di estrema povertà.
Libero nasce il 24 luglio 1902 da Maria Gambarini «massaia» e da Emilio «mediatore di legname». E’ l'ultimo figlio di una famiglia numerosa i cui genitori devono lavorare duramente per mantenere la prole.   Anche Libero e il fratello maggiore Ildebrando si danno da fare vendendo gazzose e cedrate per conto di una piccola ditta locale. Tuttavia il ragazzino coltiva dentro di sé l’ambizione di liberarsi (nomen omen) e l’occasione si presenta un giorno di maggio quando durante la festa popolare della «Gnoccata» osserva il fotografo Roberto Masetti (Guastalla, 1880 – Levanto, 1959) intento a riprendere, da postazione fissa con treppiede, lo storico corteo di carri e buoi, rimanendone affascinato. 
Il giovane manifesta il suo interesse e Masetti lo invita a seguire le sue lezioni nella Scuola d’Arte che dirige. Oltre che fotografo, infatti, Masetti è anche decoratore e abile disegnatore. Al termine del corso, Libero viene giudicato idoneo alla pratica fotografica e particolarmente dotato nel disegno. Il primo impiego fisso nel settore è quello di ritoccatore. L’ambito fotografico guastallese è saturo, occupato da Giovanni Alessandri (1877-1964), da Alfredo Zambini (1858-1939) con la ditta «Zambini & Dall’Olio» e dallo stesso Masetti, che però emigrerà dapprima a La Spezia poi a Levanto. 
Tosi, che ha 17 anni, trova invece lavoro nella vicina Gualtieri, nello studio di Plinio Zani. Il ragazzo si fa ben volere e presto il titolare lo ammette in ditta con lo «Studio Artistico Fotografico Tosi & Zani». Ma ancora una volta Libero guarda già oltre e nel 1920 decide di trasferirsi a Milano. Il capoluogo lombardo in quegli anni vive una tensione sociale molto forte, non solo per la crisi conseguente alla guerra ma per i continui scontri tra operai, forze dell’ordine e fasci di combattimento. 
Con Libero a Milano c'è Dino Zani, compaesano e parente dell’ex socio Plinio. I due si mettono in proprio in corso Garibaldi 2 con la ditta «Dino Zani & C» in cui l’amico svolge un ruolo maggiore per esperienza e, probabilmente, per capacità economiche. Nel 1921 nonostante non abbia ancora svolto il servizio militare Tosi sposa Maria Rosa Bollini (1897-1963), la cugina che lo ospita fin dal suo arrivo. L’attività è molto intensa e il giovane guastallese entra in contatto con il mondo che, in senso fotografico, conta davvero. Collabora tra l’altro con gli studi di: R. Paganini, che nel 1924 realizza l’ultimo ritratto di Eleonora Duse in partenza per l’America, dove morirà; G. Borghello (Fotografia Reale); Belloni (che affida a Tosi una succursale del suo studio). Lavora inoltre con la S.F.R.A.I. (Studi Fotografici Riuniti Artistico Industriali) in via Passerella 20 e Corso Garibaldi 2. La società è formata dal cav. Gigi Bassani, che la dirige, da Mario Crimella (1893-1964), da Mario Castagneri (1892-1940), oltre all’amico di sempre Dino Zani.
I ritrattisti che conosce a Milano sono i più noti e apprezzati: Emilio Sommariva (1883-1956) fotopittore e grande maestro di fotografia; Vincenzo Aragozzini (1891-1975), Baccarini, Attilio Badodi (1880-1967) che come Tosi è di origine reggiana. Nello studio di Badodi, in via Brera, posano le grandi dive dello spettacolo e tutto il bel mondo milanese. Tra gli altri protagonisti frequentati da Libero c'è Mauro Camuzzi (1893-1964). Merita di essere citato un episodio: Tosi si trova nello stabilimento di Michele Cappelli (1854-1935) in via Friuli, quando il «vertice» del ciclismo nazionale – Girardengo, Guerra, Brunero e Bordin – si mette in posa per realizzare una serie di famose cartoline in seppia. Per la cronaca Lauro Bordin (1890-1963) più tardi seguirà le gare come glorioso fotoreporter. I grandi colleghi milanesi incontrati da Tosi rappresentano, insieme ai «romani» Arturo Ghergo (1901-1959) e Elio Luxardo (1908-1969), il meglio della fotografia nazionale. Questo è il clima culturale in cui Libero Tosi compie il definitivo salto di qualità: da promettente giovane fotografo di provincia a solido professionista. Matura qui il suo stile fotografico fatto di un perfetto mix di tecnica ed estetica, che ricorda da vicino, volendo fare un confronto, la mano del grande Ghergo. Oltre che dalla fotografia Tosi è molto attratto dal disegno. A Milano, alla Accademia di Brera, segue i corsi di pittura e nudo tenuti da Ambrogio Alciati (1878-1929) e Giuseppe Palanti (1881-1946) quest’ultimo pittore, illustratore e scenografo che Tosi considera il suo vero maestro. Nel 1924 nasce a Milano la primogenita Carla, che farà studi artistici a Parma e sarà a sua volta pittrice: nel 1945 sposerà il pianista Luciano Sangiorgi (1921-1992). Franco (1932-2012) verrà dopo il trasferimento a Parma. È qui che nel prestigioso atelier di via Mistrali 9, per oltre mezzo secolo, il pittore fotografo trasformerà la fotografia in arte.
ROMANO ROSATI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento