11°

26°

Arte-Cultura

Giovanni Faraboli, mezzo secolo di lotte

Giovanni Faraboli, mezzo secolo di lotte
0

 Il 7 febbraio 1953, un lento corteo di automobili scure si mosse da Parma per le strade della Bassa fino a Fontanelle, accompagnando la salma di Giovanni Faraboli, la "chiara e onesta faccia" - come lo definì il suo conterraneo Giovannino Guareschi - che, pur essendo stato tra i protagonisti della storia del movimento operaio parmense, tre giorni prima era morto in solitudine all’Ospedale degli Incurabili.  

Bracciante tra i braccianti, Faraboli aveva concepito, per tutta la vita, il socialismo come un’attività per realizzare passi concreti nel processo di emancipazione dei lavoratori e con questa visione rigidamente pragmatica cercò sempre di costruire non solo forme di resistenza alle ingiustizie della società borghese, ma luoghi e reti economico-sociali che concretamente anticipassero un futuro mondo di liberi ed eguali. 
Il suo sogno fu quello di una "cooperazione integrale", una rete economica nelle mani dei lavoratori, alternativa e competitiva con le regole di mercato dettate dagli agrari, fatta di cooperative, consorzi, spacci e laboratori, dove il lavoro fosse equamente pagato, i prezzi sotto controllo e i profitti reinvestiti in beni sociali. E su questo sogno egli fondò la sua instancabile attività di dirigente politico, sindacalista e cooperatore, prima nell’Italia liberale e poi nell’esilio francese durante la dittatura di Mussolini, fino all’adesione, ormai anziano, al Partito socialdemocratico. 
  Gli oltre cinquant'anni della sua vita politica e sindacale, dunque, possono essere divisi in tre periodi. Il primo fu quello dell’attività nella sua terra d’origine, nelle campagne tra la via Emilia e il fiume Po, nelle terre bagnate dal Taro, dove braccianti e mezzadri mietevano frumento, mungevano vacche e insaccavano carne di maiale. Là era nato, aveva lavorato nei campi e nelle stalle, aveva conosciuto le prime forme di unione tra lavoratori. Là era stato riconosciuto dalla sua gente come degno di fiducia nelle lotte e nelle contrattazioni con i padroni. Insieme a quei volti conosciuti, a quei soprannomi di paese, costituì le prime leghe e le prime cooperative, dalle quali sorse l’articolato sistema di Fontanelle, intorno alla "Casa dei Socialisti" e alla Villa Rossa. Poi, però, le fiamme fasciste del 6 agosto 1922, con cui la violenza finanziata dagli agrari distrusse quell'"isola di socialismo", segnarono la fine di quell'esperienza di cooperazione e, insieme, una cesura nella sua vita, allora quarantaseienne. 
Senza nemmeno aver visto i resti di quel rogo, egli lasciò l’Italia per Tolosa, in Francia, dove ritrovò compagni e paesani che, come lui, sognavano di costruire un nuovo inizio alla propria esistenza, personale e politica. E con il gruppo dei socialisti parmensi ricominciò il lavoro da capo: nuove sezioni sindacali, nuove cooperative, nuove organizzazioni. 
L’ultima fase della sua attività politica iniziò dopo la guerra e la Liberazione quando, sebbene anziano, poté finalmente tornare in Italia. Le forze fisiche e l’intraprendenza erano però ormai venute meno e ciò che rimaneva - l’esperienza e la riflessione di un uomo del movimento operaio della prima metà del Novecento - poco serviva a comprendere le dinamiche della Guerra fredda, delle posizioni filosovietiche del socialismo italiano, del ruolo egemone ricoperto dal Partito comunista togliattiano.
 Il rientro e l’adesione alla socialdemocrazia di Giuseppe Saragat, stretto tra il blocco socialcomunista e quello democristiano, segnarono gli ultimi anni della sua vita di forzata solitudine e triste amarezza.  E l’oblio politico di quest’uomo d’altri tempi, esponente e portatore di una prospettiva politica ormai superata, continuò anche dopo la sua morte. 
A tenerne viva la memoria, seppur flebilmente, rimasero solo i forti legami comunitari costruiti nella sua lunga esperienza di dirigente; furono i suoi compaesani, coloro che lo conobbero, che ne apprezzarono il senso pratico e la capacità organizzativa, a volere un suo ritratto nella piazza di Fontanelle, un semplice busto di bronzo pagato con una colletta popolare e inaugurato da Saragat due anni dopo la sua morte, nel 1955.   A lungo, fino ad anni recenti, la memoria di Faraboli è rimasta confinata in quella comunità locale, in quel territorio dove visse e operò. Ma oggi, a sessant'anni dalla sua morte e in tempi di crisi funesta come questi, il pragmatismo di Faraboli e il suo sogno di costruire, qui ed ora, reti di solidarietà sociale ed economica tra i lavoratori sarebbero forse da ripensare, perché meno anacronistici di che quel che si pensi.
MARGHERITA BECCHETTI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

1commento

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

2commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

1commento

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio favorevole" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

2commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

MODA

Laura Biagiotti è gravissima

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium