22°

Arte-Cultura

Dietro la Storia - Un ritardo, e Verdi si salvò

Dietro la Storia - Un ritardo, e Verdi si salvò
Ricevi gratis le news
1

 Se per incanto, in questo Bicentenario verdiano, si potesse accompagnare una storia con musiche e arie, questa avrebbe per colonna sonora le note della sinfonia dell’ inesorabile «Forza del destino» e il tumulto del «Dies Irae»: quel potente «affresco michelangiolesco»  (Massimo Mila) che ti piomba addosso con esplosioni ammonitrici di quanto sarà dura per noi il giorno del Giudizio universale, quando non potremo  nascondere nulla  (quidquid latet apparebit) e non riusciremo a schivare la punizione (nil inultum remanebit). E alla resa dei conti biblica, aggiungiamo anche una bella maledizione laica, come quella che risuona più volte nel «Rigoletto»  e che alla fine schianta il Gobbo. 
Sacro e profano, dunque. Già, questa è infatti la storia di una spinetta, di uno scappellotto sacerdotale al quale il chierichetto risponde con un minaccioso «Dio 't manda 'na sajèta», di un Vespro, di un temporale da fine del mondo, di un fulmine che fa strage: e di un ex chierichetto che la scampa. E’ una storia che ha il suo epilogo in una  domenica di 185 anni fa. Roncole, Santuario di Madonna dei Prati, domenica 14 settembre 1828: «Solennizzavasi la festa del Santissimo Nome di Maria - racconta con bel ritmo cronistico ‘’l’illustrissimo signor Pretore di Busseto’’ nel foglio uscito dalla Stamperia parmigiana di Giuseppe Rossetti - Destatosi fiero temporale, mentre verso le tre pomeridiane si incominciavano i Vesperi, un fulmine caduto uccise quattro preti e due secolari». Tuoni, vento e fulmini: in pochi secondi, una strage. Giusto dieci minuti dopo, ecco che sul rettilineo che taglia la campagna  arriva, trafelato e zuppo di pioggia, un ragazzo quindicenne: è il giovane organista che, atteso per accompagnare la celebrazione, ha invece  trovato riparo dal fortunale in una cascina, ed ora è in ritardo.
Un ritardo forse colpevole, ma sicuramente provvidenziale per la storia della musica. Il suo nome è Giuseppe Verdi, «enfant prodige» la cui fama inorgoglisce la pallaviciniana Bassa parmense. Virtuoso della tastiera, già compositore di marce, inni, romanze: e lì per lì pronto a sfornare, davanti a occhi e orecchi di estatici Filarmonici bussetani capeggiati dal mecenate Antonio Barezzi, addirittura una sinfonia da apporre al Barbiere di Siviglia, sfrattando le note di tal Gioachino Rossini. Giuseppe, Peppino, Verdi ha incominciato presto a strimpellare: e sulla spinetta di don Paolo Costa, a Madonna Prati e sull’organo della Chiesa delle Roncole, con Pietro Baistrocchi.
A otto, nove  anni accompagna già alcune funzioni religiose, tra le quali quella settembrina di Madonna dei Prati. Suo padre, Carlo, oltre che oste è infatti affittuario del podere vescovile che alimenta il Santuario. «Il mio Giuseppe era bambino bravissimo - raccontava la madre Luigia Uttini - ma se sentiva un organetto o un musico viandante nessuno poteva più tenerlo». La musica, il meraviglioso e infinito mondo in cui, fin dall’infanzia,  cresce e vivrà per sempre Peppino Verdi delle Roncole. La mente sempre affollata di motivi, di melodie, di accordi e di canti. Una possessione totale, quotidiana, tale da costringerlo a perdersi via rapito dalla musica dell’organo anche durante il servir messa: e scordarsi così i gesti rituali, rispondere, suonare il campanello all’elevazione, porgere le ampolle al celebrante.
Come capita una mattina con il curato don Giacomo Masini, il quale, e dai e dai, spazientito, ricorre a un vendicativo scapaccione, avendone in contraccambio, da quel testardo chierichetto già votato al sacerdozio musicale,  un «Dio 't manda 'na sajèta»: una sorta di fumantina, e irrispettosa, maledizione. Passano poi alcuni anni. Ed eccoci a domenica 14 settembre 1828. Peppino organista in ritardo arriva al Santuario, entra e si trova davanti a una piccola apocalisse, raccontata dall’eccellente cronista, il Pretore di Busseto: «A mano destra Don Pietro Orzi, Arciprete di Frescarolo, rimasto morto ma seduto e in aspetto di uomo che mediti».
Poi «steso per terra morto ma senza nessun segno Don Luigi Menegalli, Arciprete di Semoriva». Folgorati restano anche due cantori, Francesco Luzzi e Gaetano Bianchi. E terribile a vedersi Don Bartolomeo Orioli «annerito e volto e mani e capelli abbruciati e ciglia». A lui accanto «morto ma seduto e in aspetto di uomo che soffra grandi dolori, stava il cadavere di Don Giacomo Masini, Cappellano di Roncole, di anni cinquanta». Don Masini, il sacerdote dello scappellotto. Giuseppe Verdi ne serberà sempre un ricordo incancellabile, di sgomento e dolore, ma senza sottrarsi alla tentazione, anni e anni dopo, della battuta tra amici: «Giusto castigo!». Ora a Madonna Prati, in vista delle celebrazioni di settembre, ci si sta dando da fare per avere in esposizione la famosa spinetta, oggi custodita nella verdiana Casa di riposo per Artisti a Milano.
Secondo gli abitanti della frazione, la spinetta sulla  quale Peppino aveva appreso i primi rudimenti musicali da Don Costa, era stata poi acquistata dal padre di Verdi e collocata nella casa delle Roncole. La spinetta e un ritardo a Madonna dei Prati: senza, forse non avremmo avuto tutto quel  ben di dio verdiano. Più che giusto, pertanto, celebrarli come si deve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone

    24 Febbraio @ 18.43

    Dalla storia al romanzo... melassa...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»