14°

Arte-Cultura

Storiella del pettinino rifiutato

0

 Gustavo Marchesi

Le ragazze non avevano il permesso di rimanere fuori nelle ore piccole. Tonina con altre due del paese si staccò dalla compagnia, prima, molto prima di mezzanotte. Se arrivava dopo, suo padre chiudeva la porta col paletto. All’uscita Sergio le strappò dai capelli il pettinino: «…ricordo della festina, ma non lo voglio per sempre… te lo riporto domani»: mezzora di bicicletta da casa.
Il pomeriggio dopo, pedalando era a metà strada, al caseificio di Gigi. Non lo vedeva quasi mai e si fermò. Aveva tre bimbe simpatichine, color formaggio. La moglie era morta e Gigi viveva per le ragazze, non andava alle festine e in balera meno che meno. Ma non era un orso, tutt’altro, ai ragazzi che venivano gli metteva al collo le rifilature del grana ancora tenero: «Fatele mosgare da quelle vostre marioline, così avete la scusa di ricambiarle». Allegro, Gigi, un gran daffare, saltava come un grillo. Intorno aveva chi osservava la lavorazione o coccolava le bambine. La maggiore, Francesca, già verso la pubertà, metteva in mostra una fitta capigliatura, un codone di volpe. Sergio ci infilò il pettinino: «Ti sta proprio bene, te lo darei, ma è di Tonina». Francesca glielo sbatté dietro: e basta trattarla sempre da bamboletta… 
Anche stavolta nel caseificio non mancava la Piera. Raccontava di tutto; lei e suo marito, rigattieri straccivendoli ombrellai, sapevano tutto di tutti. Adesso nel comune cominciavano le noie. Il sindaco all’avanguardia, aveva cominciato la partizione dei rifiuti. Venivano anche da loro, a controllare i pattumi, quelli promossi, altri rimandati o bocciati, una specie di scuola. Ormai non sarebbe più accettabile uno spazzino come Lena, col grembiule imbrattato, il cavallo asmatico e il carretto traboccante di rudo a cielo aperto. Lena soffiando in un cornetto simile a quello dei treni, avvertiva che gli portassero i secchi di immondizia. «Avanti ‘n pass», sussurrava e la bestia trascinandosi obbediva. Gli spettava un contentino da masticare e Lena teneva una bisaccia di scarti ai quali metteva mano anche per sé.
Usanza un po’ sporca, ma dava allegria. Adesso il contrario, era il turno della tristezza, ispettori noiosi come l’inverno. Si facevano compatire con dei casini senza né capo né coda. Una signora aveva trovato una certa materia che non sapeva dove mettere, che non era né molle né dura, diventava o l’una o l’altra chissà come, a seconda. Ci studiarono sopra in tanti, anche chimici industriali e farmacisti, oltre, si capisce, il primario dell’ospedale; ci fecero dei trattamenti, ma non cavarono un ragno da un buco. Dopo alquanti passaggi, conclusero che fosse inesistente, a tutti gli effetti. Sarebbe più giusto dire inschedabile, ma nessuno voleva prendersi la responsabilità di essere giudicato giudice. Melius ignorare quam distribuere, stabiliva il dizionario del latino popolare, usato ancora perché comprensibile. 
Da Gigi furono tutti d’accordo sull’assurdità del complicarsi la vita in pattumiera. La Piera compiaciuta si ripeteva come un rosario, le sue parole ronzavano soporifere, e Sergio si appisolò. Si svegliò con un acquazzone che Dio lo mandava. Arrivare da Tonina in bicicletta c’era da imbibirsi. Preferì sorbire la Piera, oltre a un certo Cuspitón, spugna paonazza che fra tante chiacchiere gli diede un consiglio: «Fregatene del temporale, bevici su… L’alcol è idrofugo, lo sai»? 
Sergio rimontò in sella; il cielo sgocciolava ancora, ma le nubi si allontanavano indifferenti. Arrivò alla porta di Tonina in un orario non certo di visita e lei dovette rassicurare suo padre: il ragazzo le restituiva una cosetta. Da Sergio però volle sapere perché aveva ritardato. Sergio si indurì, «Insomma pioveva», e si era fermato da Gigi. Avevano ascoltato le ultime della Piera. Tonina volle saperne di più, se c’era Francesca. E Sergio: «La bimba? Sììì». Tonina contrariata si sbarazzò del pettinino: «Non è più una bimba, sciocco». Andò dentro e girò la chiave.
Sergio non era rimasto bene. Al ritorno, oltre allo sgarbo di Tonina, pedalava su un punto di domanda: «Dove si butta un pettinino rifiutato»? 
Era quasi notte e Gigi aveva spento, se no l’avrebbe chiesto alla Piera.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noe': "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

9commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

SALA BAGANZA

Addio ad Anna, pilastro del volontariato

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

2commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

calciomercato

Amauri nuovo giocatore dei New York Cosmos

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv