15°

Arte-Cultura

Verdi e la tradizione scenografica

Verdi e la tradizione scenografica
0

 Con un sentito e composto ricordo di Pierluigi Petrobelli, di cui l’1 marzo ricorrerà il primo anniversario della scomparsa, a firma di Giorgio Pestelli, si apre l’ultimo numero di «Studi Verdiani», il periodico curato dall’Istituto nazionale di studi verdiani giunto nel 2012 al ventiduesimo fascicolo. In questo numero, l’ultimo progettato da Petrobelli che per trent’anni ha diretto le sorti dell’Istituto, l’argomentazione si rivolge alla discussione sul rapporto del dramma verdiano con la dimensione scenografica, su aspetti stilistici del primo e dell’ultimo Verdi e sui rapporti del Maestro con l’ambiente culturale romano.

 Inutile ribadire quanto gli autentici conoscitori di Verdi già sanno circa l’importanza che il compositore attribuiva al concorso convergente degli elementi scenici per la riuscita dei propri allestimenti: i due saggi di Davide Nadali ed Emilio Sala propongono due riletture legate a soggetti di ambientazione antica, rispettivamente «Nabucco» e «Aida», attraverso due punti di vista differenti. Nadali, che è archeologo, osserva come nelle scenografie di Filippo Peroni per alcuni riallestimenti di «Nabucco» a metà Ottocento la conoscenza della neonata archeologia del Vicino Oriente permise – con l’entusiasmo di Verdi stesso – una ricostruzione più filologica ed efficace dei mondo babilonese che ancora molti scenografi negli stessi anni continuavano a rendere con incongrui elementi di fantasia.
 Sala, da un anno direttore scientifico dell’Istituto, propone invece una rilettura della scena del III atto di «Aida» nella quale Amonasro maledice la figlia, confrontando da una parte le scenografie di Girolamo Magnani (e la tradizione scenografica che ne è discesa), dall’altra un dipinto di Achille Formis su quel punto scenico, conservato a Sant’Agata, e le «Disposizioni sceniche» dell’opera stampate da Ricordi. Il «locus amoenus» nel quale è trasformato l’Egitto di quella scena nei disegni di Magnani è assai meno vicino a quell’atmosfera allucinata e opprimente descritta dalla partitura e assai meglio riflessa nel quadro di Formis, ove il Nilo è quasi putrido stagno e il cielo inacidito (e addirittura Sala si chiede se la scenografia di Magnani realmente montata alla prima scaligera del 1872 non sia stata diversa rispetto ai bozzetti che per tradizione le si riferiscono, e che invece potrebbero appartenere alle scene dell’allestimento di Parma di due mesi dopo).
 I due saggi più squisitamente musicologici riguardano un aspetto strutturale di «Ernani» e annotazioni sullo stile di «Otello». Paolo Francesco Russo si sofferma sulle novità che l’opera del 1844 apportò nella drammaturgia verdiana, destinate a cambiare i destini del melodramma: lo scorciamento delle code dei numeri conclusivi e lo spostamento della risoluzione drammaturgica verso la conclusione è il mezzo attraverso il quale Verdi, già devoto a un’acuta percezione del senso del dramma, realizza quella mutazione del teatro musicale da contemplazione della libera azione dei personaggi a consonanza con il loro travaglio interiore. 
Dal capo opposto, oltre quarant’anni dopo, il «terzo stile» di «Otello» permette ad Antonio Rostagno di osservare la posizione storica di Verdi negli anni Ottanta e il suo gesto artistico nei confronti della vuota pubblicistica nazionalista della nuova Italia. Supportato da una lunga analisi musicale, Rostagno indica con robusti argomenti come la denuncia di Verdi contro il populismo e la strumentalizzazione dei valori del Risorgimento, così sentiti da chi come lui li aveva vissuti, diventi in «Otello» operazione di cultura politica attraverso il melodramma.
Piacevolissima e ricca di informazioni e minuziose letture è infine la ricognizione di Franco Onorati sulle amicizie romane di Verdi: Giuseppe Gioacchino Belli, Jacopo Ferretti e Cesare Pascarella, che attraversano quarantasei anni di vita verdiana, fra amicizie sincere ed episodi meno noti, come i giudizi di Belli sui versi più audaci di Rigoletto – Belli era censore dei teatri romani – di cui sia Verdi sia Piave erano forse all’oscuro. Spiccano in chiusura, oltre alla consueta bibliografia verdiana aggiornata da Michela Crovi, un’imponente puntualizzazione della videodiscografia verdiana, curata da Alessandro Turba, e una segnalazione del volume «Carteggio Verdi-Ricordi 1885-1888» firmata da Luca Aversano. «Studi Verdiani» 22 è disponibile anche in formato digitale agli indirizzi reperibili sul sito dell’Istituto stesso (www.studiverdiani.it/pubblicazioni.html).
 
GIUSEPPE MARTINI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Nuove date per i play-off

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv