21°

Arte-Cultura

Verdi e la tradizione scenografica

Verdi e la tradizione scenografica
0

 Con un sentito e composto ricordo di Pierluigi Petrobelli, di cui l’1 marzo ricorrerà il primo anniversario della scomparsa, a firma di Giorgio Pestelli, si apre l’ultimo numero di «Studi Verdiani», il periodico curato dall’Istituto nazionale di studi verdiani giunto nel 2012 al ventiduesimo fascicolo. In questo numero, l’ultimo progettato da Petrobelli che per trent’anni ha diretto le sorti dell’Istituto, l’argomentazione si rivolge alla discussione sul rapporto del dramma verdiano con la dimensione scenografica, su aspetti stilistici del primo e dell’ultimo Verdi e sui rapporti del Maestro con l’ambiente culturale romano.

 Inutile ribadire quanto gli autentici conoscitori di Verdi già sanno circa l’importanza che il compositore attribuiva al concorso convergente degli elementi scenici per la riuscita dei propri allestimenti: i due saggi di Davide Nadali ed Emilio Sala propongono due riletture legate a soggetti di ambientazione antica, rispettivamente «Nabucco» e «Aida», attraverso due punti di vista differenti. Nadali, che è archeologo, osserva come nelle scenografie di Filippo Peroni per alcuni riallestimenti di «Nabucco» a metà Ottocento la conoscenza della neonata archeologia del Vicino Oriente permise – con l’entusiasmo di Verdi stesso – una ricostruzione più filologica ed efficace dei mondo babilonese che ancora molti scenografi negli stessi anni continuavano a rendere con incongrui elementi di fantasia.
 Sala, da un anno direttore scientifico dell’Istituto, propone invece una rilettura della scena del III atto di «Aida» nella quale Amonasro maledice la figlia, confrontando da una parte le scenografie di Girolamo Magnani (e la tradizione scenografica che ne è discesa), dall’altra un dipinto di Achille Formis su quel punto scenico, conservato a Sant’Agata, e le «Disposizioni sceniche» dell’opera stampate da Ricordi. Il «locus amoenus» nel quale è trasformato l’Egitto di quella scena nei disegni di Magnani è assai meno vicino a quell’atmosfera allucinata e opprimente descritta dalla partitura e assai meglio riflessa nel quadro di Formis, ove il Nilo è quasi putrido stagno e il cielo inacidito (e addirittura Sala si chiede se la scenografia di Magnani realmente montata alla prima scaligera del 1872 non sia stata diversa rispetto ai bozzetti che per tradizione le si riferiscono, e che invece potrebbero appartenere alle scene dell’allestimento di Parma di due mesi dopo).
 I due saggi più squisitamente musicologici riguardano un aspetto strutturale di «Ernani» e annotazioni sullo stile di «Otello». Paolo Francesco Russo si sofferma sulle novità che l’opera del 1844 apportò nella drammaturgia verdiana, destinate a cambiare i destini del melodramma: lo scorciamento delle code dei numeri conclusivi e lo spostamento della risoluzione drammaturgica verso la conclusione è il mezzo attraverso il quale Verdi, già devoto a un’acuta percezione del senso del dramma, realizza quella mutazione del teatro musicale da contemplazione della libera azione dei personaggi a consonanza con il loro travaglio interiore. 
Dal capo opposto, oltre quarant’anni dopo, il «terzo stile» di «Otello» permette ad Antonio Rostagno di osservare la posizione storica di Verdi negli anni Ottanta e il suo gesto artistico nei confronti della vuota pubblicistica nazionalista della nuova Italia. Supportato da una lunga analisi musicale, Rostagno indica con robusti argomenti come la denuncia di Verdi contro il populismo e la strumentalizzazione dei valori del Risorgimento, così sentiti da chi come lui li aveva vissuti, diventi in «Otello» operazione di cultura politica attraverso il melodramma.
Piacevolissima e ricca di informazioni e minuziose letture è infine la ricognizione di Franco Onorati sulle amicizie romane di Verdi: Giuseppe Gioacchino Belli, Jacopo Ferretti e Cesare Pascarella, che attraversano quarantasei anni di vita verdiana, fra amicizie sincere ed episodi meno noti, come i giudizi di Belli sui versi più audaci di Rigoletto – Belli era censore dei teatri romani – di cui sia Verdi sia Piave erano forse all’oscuro. Spiccano in chiusura, oltre alla consueta bibliografia verdiana aggiornata da Michela Crovi, un’imponente puntualizzazione della videodiscografia verdiana, curata da Alessandro Turba, e una segnalazione del volume «Carteggio Verdi-Ricordi 1885-1888» firmata da Luca Aversano. «Studi Verdiani» 22 è disponibile anche in formato digitale agli indirizzi reperibili sul sito dell’Istituto stesso (www.studiverdiani.it/pubblicazioni.html).
 
GIUSEPPE MARTINI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

8commenti

musica

L'inaugurazione del Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Formaggio

La grana del grana

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della popolazione femminile in età fertile

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

1commento

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

3commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»