19°

Arte-Cultura

Il fico d'India e le onde del mare

0

Marta Silvi Bergamaschi

Laggiù, proprio all’estremo Sud della penisola Salentina, Santa Maria di Leuca si affaccia tra l’Adriatico e lo Ionio. Per arrivarci si cammina e cammina attraverso una campagna dove il bianco e l’argento si confondono: bianche sono le case, d’argento gli ulivi. Il sole è tanto grande che pare cadere sulla terra da un istante all’altro.
Le cicale cantano impazzite di luce e i gelsomini dal profumo dolcissimo abbracciano le case. I trulli sembrano cappelli di paglia appoggiati sulla terra, le strade corrono dritte tra campi arsi e silenziosi. Ma il cielo ha il colore del fiordaliso e al tramonto, tra le palme misteriose brillano le tinte dei fiori: il giallo, il rosa, il rosso, il viola, l’arancio. Le Serre, lontane e basse, sfumano in una luce che le divora; poi appaiono le stelle e una luna che scintilla come un enorme diamante.
Ebbene, proprio laggiù, sulla punta del tallone, aggrappata a uno scoglio bianco di sale, viveva una pianta. Aveva tante braccia verdi che si specchiavano in mare; era tozza e carnosa. Una pianta esotica: un fico d’India, ma senza spini. I cladodi erano lisci come seta, di un verde glauco. Attorno a sé aveva il mare, anzi due mari: l’Adriatico e lo Ionio. Le onde s’incontravano proprio lì, davanti a lei. La videro e la salutarono: «Benvenuta», le dissero. «Grazie»,  rispose la pianta. «Ti piace questo posto?», chiesero le onde. «È bello -  rispose -  ha tanto azzurro intorno e tanto sole».  Le onde giungevano a volte fin sullo scoglio e la spruzzavano di acqua salsa, ma litigavano. «Andate via -  dicevano le onde dell’Adriatico -  siete così invadenti. Uscite dai vostri confini, non vedete?». «Non è vero -  rispondevano le onde dello Ionio - siete voi, piuttosto, così lunghe e maleducate, che spruzzate l’acqua del nostro mare».
«State buone -  diceva la pianta -  con tutto lo spazio che avete, non so proprio perché litighiate».  Le onde non l’ascoltavano e continuavano a borbottare giorno e notte, senza un attimo di tregua. S’azzuffavano come monelle e la luna le guardava con amarezza. Gli spruzzi arrivavano a tutte le ore e la pianta supplicava: «Ho freddo, per favore smettetela, mi bagnate quasi tutta».
 Le onde s’acquietavano per un istante, poi riprendevano a farsi i dispetti. Potenti e prepotenti, si sentivano, padrone del mondo. Un giorno sussurrarono le onde dell’Adriatico: «Questa pianta è nostra, voi non dovete toccarla. Osservate: si specchia soltanto nel nostro mare». «Che bugia - risposero le onde dello Ionio -  ha le braccia protese verso di noi, sembra voglia accarezzarci».  La pianta ascoltava in silenzio. «È vero che appartieni a noi?», dissero insieme le onde dei due mari. «Io sono del sole che mi scalda - rispose la pianta - mi annoiate con questi discorsi». 
Le onde non si offesero, anzi. Da quel giorno litigarono al punto che la pianta si stancò. Era sempre fradicia, aveva freddo. «Che tristezza - diceva - siete belle, ma troppo cattive».  Non la lasciavano più dormire. «Fossi nata tra gli ulivi -  diceva la pianta -  fossi nata lassù tra le Serre immobili o più lontano tra le verdi Murge o all’ombra di un carrubo frondoso».
 Era tanto stanca che credeva di morire. Il sole la vide e disse: «Stai tranquilla, ora ci penso io». Fece nascere sui cladodi verdi tanti spini gialli. Le onde vennero a trovarla, si punsero e piansero. «Lo avete voluto voi -  disse la pianta -. State buone, guardatemi soltanto». Le onde capirono. Da allora i due mari s’incontrano e parlano sottovoce, da allora i fichi d’India hanno gli spini. Il sole pensò: i due mari si credono ancora molto potenti; ma la potenza esiste davvero? Nell’uomo che, superficiale, avido e vanitoso, ha scarsa umanità? Mi sovvengono le parole di Macrobio: «Il potente non solo quando invita, ma anche quando prega, comanda».
Mala sorte della Terra, la più bella del mondo: è tutto un litigio, tutto un dire e non dire. Bisognerebbe che gli spini fossero figli dell’arroganza, dell’invidia, amiche nefaste del potere.
La saggezza dei grandi! Dice Cicerone: «Quanto più siamo in alto, altrettanto dobbiamo abbassarci verso i nostri simili». Un largo sorriso ironico illuminò la Terra che disse: «Per fortuna esiste il Sole che dall’alto, molto in alto osserva “l’aiola che ci fa tanto feroci”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Salso: rogo in un garage, distrutte 4 auto; non si esclude natura dolosa

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

crisi

Copador: sciopero di due ore in vista dell'assemblea soci Video

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

14commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

storie di ex

Turchia: legami con Gulen, il Galatasaray caccia Hakan Sukur

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

27commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017