Arte-Cultura

Il fico d'India e le onde del mare

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Laggiù, proprio all’estremo Sud della penisola Salentina, Santa Maria di Leuca si affaccia tra l’Adriatico e lo Ionio. Per arrivarci si cammina e cammina attraverso una campagna dove il bianco e l’argento si confondono: bianche sono le case, d’argento gli ulivi. Il sole è tanto grande che pare cadere sulla terra da un istante all’altro.
Le cicale cantano impazzite di luce e i gelsomini dal profumo dolcissimo abbracciano le case. I trulli sembrano cappelli di paglia appoggiati sulla terra, le strade corrono dritte tra campi arsi e silenziosi. Ma il cielo ha il colore del fiordaliso e al tramonto, tra le palme misteriose brillano le tinte dei fiori: il giallo, il rosa, il rosso, il viola, l’arancio. Le Serre, lontane e basse, sfumano in una luce che le divora; poi appaiono le stelle e una luna che scintilla come un enorme diamante.
Ebbene, proprio laggiù, sulla punta del tallone, aggrappata a uno scoglio bianco di sale, viveva una pianta. Aveva tante braccia verdi che si specchiavano in mare; era tozza e carnosa. Una pianta esotica: un fico d’India, ma senza spini. I cladodi erano lisci come seta, di un verde glauco. Attorno a sé aveva il mare, anzi due mari: l’Adriatico e lo Ionio. Le onde s’incontravano proprio lì, davanti a lei. La videro e la salutarono: «Benvenuta», le dissero. «Grazie»,  rispose la pianta. «Ti piace questo posto?», chiesero le onde. «È bello -  rispose -  ha tanto azzurro intorno e tanto sole».  Le onde giungevano a volte fin sullo scoglio e la spruzzavano di acqua salsa, ma litigavano. «Andate via -  dicevano le onde dell’Adriatico -  siete così invadenti. Uscite dai vostri confini, non vedete?». «Non è vero -  rispondevano le onde dello Ionio - siete voi, piuttosto, così lunghe e maleducate, che spruzzate l’acqua del nostro mare».
«State buone -  diceva la pianta -  con tutto lo spazio che avete, non so proprio perché litighiate».  Le onde non l’ascoltavano e continuavano a borbottare giorno e notte, senza un attimo di tregua. S’azzuffavano come monelle e la luna le guardava con amarezza. Gli spruzzi arrivavano a tutte le ore e la pianta supplicava: «Ho freddo, per favore smettetela, mi bagnate quasi tutta».
 Le onde s’acquietavano per un istante, poi riprendevano a farsi i dispetti. Potenti e prepotenti, si sentivano, padrone del mondo. Un giorno sussurrarono le onde dell’Adriatico: «Questa pianta è nostra, voi non dovete toccarla. Osservate: si specchia soltanto nel nostro mare». «Che bugia - risposero le onde dello Ionio -  ha le braccia protese verso di noi, sembra voglia accarezzarci».  La pianta ascoltava in silenzio. «È vero che appartieni a noi?», dissero insieme le onde dei due mari. «Io sono del sole che mi scalda - rispose la pianta - mi annoiate con questi discorsi». 
Le onde non si offesero, anzi. Da quel giorno litigarono al punto che la pianta si stancò. Era sempre fradicia, aveva freddo. «Che tristezza - diceva - siete belle, ma troppo cattive».  Non la lasciavano più dormire. «Fossi nata tra gli ulivi -  diceva la pianta -  fossi nata lassù tra le Serre immobili o più lontano tra le verdi Murge o all’ombra di un carrubo frondoso».
 Era tanto stanca che credeva di morire. Il sole la vide e disse: «Stai tranquilla, ora ci penso io». Fece nascere sui cladodi verdi tanti spini gialli. Le onde vennero a trovarla, si punsero e piansero. «Lo avete voluto voi -  disse la pianta -. State buone, guardatemi soltanto». Le onde capirono. Da allora i due mari s’incontrano e parlano sottovoce, da allora i fichi d’India hanno gli spini. Il sole pensò: i due mari si credono ancora molto potenti; ma la potenza esiste davvero? Nell’uomo che, superficiale, avido e vanitoso, ha scarsa umanità? Mi sovvengono le parole di Macrobio: «Il potente non solo quando invita, ma anche quando prega, comanda».
Mala sorte della Terra, la più bella del mondo: è tutto un litigio, tutto un dire e non dire. Bisognerebbe che gli spini fossero figli dell’arroganza, dell’invidia, amiche nefaste del potere.
La saggezza dei grandi! Dice Cicerone: «Quanto più siamo in alto, altrettanto dobbiamo abbassarci verso i nostri simili». Un largo sorriso ironico illuminò la Terra che disse: «Per fortuna esiste il Sole che dall’alto, molto in alto osserva “l’aiola che ci fa tanto feroci”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video