-1°

Arte-Cultura

Il "classico" surrealismo di Delvaux alla Magnani Rocca

Il "classico" surrealismo di Delvaux alla Magnani Rocca
0

Nicoletta Castagni

Scandaloso affabulatore dell’inconscio, intrigante creatore di atmosfere da sogno, Paul Delvaux è al centro di una grande mostra che si apre il 23 marzo nei bellissimi spazi della Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma). Esposte 80 opere del maestro belga, tra i protagonisti del Surrealismo, nonostante egli stesso l’abbia sempre negato. Un enigma che in realtà è il tema stesso della mostra anche grazie al confronto con gli altri esponenti più famosi del movimento: Magritte, Max Ernst, Man Ray e De Chirico.
Intitolata 'Delvaux e il surrealismò, l’importante esposizione è stata curata da Stefano Roffi in collaborazione con il Musee d’Ixelles-Bruxelles e si avvale del sostegno di Fondazione Cariparma e Cariparma Credit Agricole. Il percorso sviscera la produzione di Delvaux secondo le tematiche da lui sviluppate nella lunga carriera: il paesaggio, l’enigma della ferrovia, l’eterno femminino, le coppie, la classicità, gli scheletri. Spesso dominate da baluginanti nudità, da scene spiazzanti, oniriche, spettrali, le tele dell’artista hanno destato non poche polemiche, fino alle estreme conseguenze.
Come nel caso della retrospettiva di Ostenda del 1962 (che tra l'altro lo consacrerà sul piano internazionale), che fu vietata ai minori di 18 anni. Oppure la Biennale di Venezia del 1954, che il patriarca, futuro papa Giovanni XXIII, proibì ai preti in quanto molta di quella pittura avrebbe potuto turbarli.
Artista dunque estremamente discusso, Delvaux ha trovato fonte d’ispirazione in quelli che lui considera i suoi mentori, Giorgio De Chirico, il metafisico faro per i surrealisti che lo «mette sulla strada giusta», e Renè Magritte, con lui il maggiore pittore belga del '900. Ma Delvaux ha sempre negato la sua reale adesione al Surrealismo, il movimento d’avanguardia nato nel 1924 col Manifesto di Andrè Breton, che, con un occhio a Freud, elevava il sonno a stato di coscienza e realtà.  
Del resto Delvaux si definiva 'realista poeticò, ma la sua sensibilità non poteva non incontrare l’innovazione di Magritte, Max Ernst, Man Ray, con cui partecipa a 'L'Exposition Internationale du Surr‚alismè, svoltasi a Parigi nel 1938, in un incontro artistico fra i più sorprendenti del XX secolo. Delvaux era già rimasto profondamente dai loro lavori presentati nella mostra 'Minotaurè, tenutasi al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles quattro anni prima. Dal '34, dopo un periodo improntato a riprese impressioniste ed espressioniste in paesaggi e figure umane, l’artista belga conferisce infatti alla sua arte una fisionomia definitiva costruendo una dimensione onirica perfettamente plasmata, esito della fusione dello spazio metafisico di De Chirico coi brani di spaesamento propri di Magritte.
La risultante emblematica che si impone nelle sue tele è dunque un’immagine femminile dal corpo infuso di mistero, diafano e spettrale nella sua nudità quasi fosforescente, talora coinvolto in sorprendenti metamorfosi e collocato in luoghi irreali, dove architetture dell’antichità classica convivono con reperti della modernità, come treni e stazioni. Creature arcane, costrette in una sorta di limbo tra sogno e mitologia, queste donne dai grandi occhi sgranati sul vuoto ricordano i nudi di Modigliani ed esprimono, a dispetto di tanto scandalo, una sensualità congelata.
In definitiva, secondo Roffi, Delvaux, pur negandolo, pratica una specie di paradossale surrealismo classico. Non ci sono, nelle sue opere, quelle deformazioni mostruose di tanta pittura surrealista, nè il proliferare di anatomie stravolte, piuttosto la sua poetica si manifesta col tono di una fiaba, con una placida normalità che tocca corpi, spazi, prospettiva. Ecco però che qualche incongruità, qualche falla emerge, e un vento lieve di follia rende tutto strano e straniante. Quella che a prima vista poteva sembrare una realtà riconoscibile si trasforma in un pacato enigma, senza che chi guarda sia in grado di capire il nonsenso. Lasciando in ogni quadro, come in de Chirico, la percezione di una mancanza, una piccola nostalgia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti