-1°

Arte-Cultura

"Morte allo stadio": quando il tifo non è più una festa

"Morte allo stadio": quando il tifo non è più una festa
4

di Andrea Violi

Massimo, un giovane tifoso crociato, muore poco tempo dopo una partita del Parma contro il Livorno. Una partita con scontri fra tifosi ma soprattutto collegata alla perdita di uno striscione. Un fatto grave, per un gruppo di ultrà. E Massimo scompare, poi torna, in seguito di nuovo scompare, per ritrovarsi con il cranio fracassato dopo un misterioso agguato. Sulla scomparsa di Massimo indaga un giornalista sportivo, Corrado Grisendi, che - dapprima riluttante, poi sempre più incuriosito dalla vicenda - vuole dare una risposta ai nonni, Settimio e Wilma: perché il nipote ha perso la vita? In che misura c'entra il calcio?
È questo il «filo rosso» seguito da Paolo Bonacini nel suo romanzo «Morte allo stadio» (edito da Miraviglia). Bonacini è direttore di rete a Telereggio e per la seconda volta si cimenta con la narrativa. È un romanzo che nasce dalla voglia di ragionare su di noi, sulle terre d'Emilia. E in un'intervista a Gazzettadiparma.it l'autore dà qualche anticipazione sulla trama e sulle riflessioni di fondo. (Puoi ascoltare uno stralcio dell'intervista nel contributo Audio allegato a questo articolo: clicca nella colonna centrale)

«Morte allo stadio» è un titolo che colpisce... Che storia è?
Il luogo baricentrico della storia è San Prospero, dove vive la famiglia di questo ragazzo tifoso del Parma. Fa parte di una tifoseria che ho inventato, i Rino Crociati, e vive con i nonni in seguito a una storia di dolori famigliari. E il giornalista Corrado Grisendi vuole scoprire perché è morto. Guarda all'indietro, non tanto agli scontri del dopopartita di un'ipotetica Parma-Livorno di serie A. Invece ha voglia di ricostruire la vita di questo ragazzo.
E cosa scopre?
Finisce inevitabilmente sulle rivalità fra Reggiana e Parma e le lunghe storie che l'hanno caratterizzata. Questo romanzo, per me, è un modo per “indagare” il mondo degli ultras. Un mondo che chi non va realmente allo stadio non conosce.
Le vicende raccontate nel romanzo hanno una collocazione temporale?
No. Si tratta di un'ipotetica partita Parma-Livorno di serie A perché, quando ho iniziato a scrivere un anno e mezzo fa, entrambe le squadre erano in A. Il romanzo si svolge nell'arco di due settimane, in 360 pagine. Può essere oggi, un anno fa o l'anno prossimo: non ci sono riferimenti temporali precisi.
«Morte allo stadio» però prende spunto da un episodio realmente accaduto al Tardini nel 1990, durante il derby Parma-Reggiana... vero?
Sì. In quell'occasione la tifoseria reggiana degli Ultras Ghetto perse lo striscione, che fu “catturato” dai tifosi di Parma. Io, non essendo un ultras, prima non sapevo che, quando una curva perde lo striscione, è la massima onta, il massimo sberleffo. La tifoseria granata si sciolse e so che a quello striscione i tifosi del Parma ci tengono ancora molto. Nella realtà, il ragazzo reggiano che perse lo striscione ne ha patito le conseguenze per lungo tempo.
Le conseguenze... in che senso?
Uno deve pagare pegno per lungo tempo tra i suoi tifosi. Magari in seguito si addossa colpe che non ha, per esempio, proprio perché deve espiare la sua “colpa”.
Pare di capire che anche il tifoso del Parma di cui si parla nel romanzo abbia avuto problemi del genere.
Non voglio anticipare tutto il romanzo... Certo, per scoprire le ragioni della morte bisogna ricostruire anche la storia sull'altro versante dell'Enza, di questo episodio lontano nel tempo. Il ragazzo reggiano (costretto, dico nel libro, ad una vita distorta) e il tifoso del romanzo hanno subìto conseguenze anche negative dall'essere tifosi: uno ha avuto vari problemi, l'altro è morto. Si scoprirà che storie molto diverse hanno tanti punti in comune. Quello che a me interessa è l'idea del rito, della comunità, della collettività. Io non esprimo un giudizio sugli ultras, né nel male né nel bene. Cerco di descriverlo, facendo capire la forza di un gruppo che si riunisce attorno a dei simboli e dei riti. Una forza che si esprime in momenti molto belli, come l'esaltazione e la gioia per la vittoria, fino ai momenti brutti, quando succedono dei drammi. Io scrivo un romanzo, ma non dimentichiamoci che 14 ragazzi sono morti negli ultimi 10 anni attorno al tifo, attorno agli stadi.
Il personaggio del giornalista sportivo Corrado Grisendi è un alter ego dell'autore?
Come si fa a dire di no!?! (ride) Ho impostato un giornalista di una televisione locale, io dirigo una tv locale... In realtà, rispetto al mio primo romanzo vorrei sganciarlo sempre più da me, perché viene voglia di raccontare ciò che c'è attorno a Corrado Grisendi: è un alibi per poter descrivere le nostre terre e i nostri luoghi. Chiedo scusa ai parmigiani, se da reggiano mi permetto di “passare di là dal fiume” e venire a scrivere a casa vostra. Penso però che abbiamo tante cose in comune. Ad esempio, i due nonni del ragazzo che muore possono essere tanto di Parma quanto di Reggio Emilia.
Proprio sul tema della storica rivalità fra le due città, che va oltre il calcio: lei non pensa che, in una società multietnica come la nostra, sia una rivalità un po' superata?
Io penso che sia molto superata. Eppure mi pare che sia ancora un fatto vero, reale. Vedo gli slogan delle tifoserie che fanno sempre riferimento all'altra sponda: il nemico storico del Parma è la Reggiana e viceversa. I destini hanno diviso le squadre ma resta questa dimensione, del nemico che dà forza a te. È la dimensione che attiene ai riti collettivi e ai gruppi, all'identità dell'essere tifosi. Una situazione analoga? Livorno e Pisa, che hanno una rivalità uguale a quella di Parma e Reggio. Io però credo che reggiani e parmigiani siano amici, anche se dentro allo stadio, in alcuni settori, scatta una molla vera, che resiste.
Nei giorni scorsi una negoziante di Reggio ha messo un cartello in vetrina: “Chiudo e vado a Parma, dove i commercianti sono accolti meglio”. È un caso limite o è l'emblema di un fenomeno? Cosa ne pensa?
A Reggio su questo c'è molto dibattito, io penso abbastanza drogato dalla politica. Se qualcuno che non viene a Reggio tutti i giorni si reca in città, oggi vede una città molto più bella. È stato fatto molto per abbellirla nelle piazze e nelle vie. Poi è vero che le dinamiche sociali e la presenza di extracomunitari portano a una modificazione sociale del centro storico. Di sera a Reggio Emilia è più facile vedere un extracomunitario che un reggiano. Io frequento ogni tanto Parma e, da questo punto di vista, la vedo come una città più ricca, più viva e forse all'apparenza più accogliente. Ma (nel caso della negoziante reggiana, ndr) penso che ci sia anche la “sindrome di Norkköping. Cioè il cittadino che vede sempre bello ciò che fuori dalla propria città. In questo caso nella reazione di un commerciante si idealizza non tanto Parma in quanto tale ma un altro luogo, in generale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • crusader

    01 Dicembre @ 15.51

    Non lamentatevi ragazzi..... tanto tra poco esce il sondaggio della Gazzetta.........

    Rispondi

  • Luca

    01 Dicembre @ 13.23

    Un reggiano che scrive una storia su un ultras di Parma? A meno di un anno dalla morte di Bagnaresi? ....... No comment!

    Rispondi

  • schizzo

    01 Dicembre @ 10.01

    ma questi pennivendoli hanno perso completamente il senso della misura. a meno di un anno dai fatti luttuosi che ci hanno colpito questo tira fuori una storia basata sul sentito dire, chi lù al ne mej andè in tun stadio el vol ferogh su un libor se fosse stato intelligente avrebbe cambiato i riferimenti inventandosi le squadre

    Rispondi

  • massimo gambazza

    30 Novembre @ 19.15

    deve essere una bella storia

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto