Arte-Cultura

Comunalie, storia millenaria

Comunalie, storia millenaria
Ricevi gratis le news
0

 Chi sale sulle nostre montagne per fare una passeggiata, a cercar refrigerio durante l’estate e magari i funghi nelle stagioni e nelle giornate adatte spesso non immagina neppure di trovarsi immerso non già in una foresta demaniale bensì, specie in alta Val Taro e Valceno, in una Comunalia, cioè in un luogo di proprietà della comunità locale, di tutti gli stabili abitanti del luogo. 

Comunalia è termine suggestivo e mitico, che evoca le usanze delle popolazioni antiche riguardo il godimento dei beni comuni a tutti gli uomini della tribù: la caccia, il pascolo e il taglio della legna, in quegli ampi terreni di montagna, ma anche in pianura, in aderenza al Po, erano liberi e non ripartiti in proprietà individuali. 
Tracce delle Comunalie si trovano già nella Tabula alimentaria di Veleia, che certamente raccoglie consuetudini ancora precedenti, ma l’istituzione, col tempo regolata da normative locali o statali, si è conservata fino ai giorni nostri.
 Oggi le Comunalie parmensi - col nome di usi collettivi o usi civici, ne esistono naturalmente anche altrove - coprono una superficie complessiva di circa 11 mila ettari e dal 1957 sono gestite da un unico Consorzio. Un volume che racconta «Le Comunalie. Duemila anni di "comunismo"», è nato dalla collaborazione tra il tecnico forestale Antonio Mortali e il padre Giuliano, storico locale, e inaugura la collana "Crisopoli" di Mup editore. 
Nella narrazione, paradossalmente, rimangono defilati, ma non poteva essere che così, gli abitanti dei luoghi dotati di Comunalie, gli utilizzatori quotidiani delle foreste, mentre dalle fonti d’archivio utilizzate dagli autori, emergono, nello scorrere del tempo, imperatori romani, signorotti locali, duchi e notai, ma anche tecnici, cartografi e agronomi che percorrono il terreno, lo valutano e lo misurano palmo a palmo.
 Nei secoli una parte delle foreste, specialmente quelle meno scoscese e più vicine agli abitati, vengono privatizzate ed utilizzate per l’agricoltura.In tempi più recenti, con lo Stato unitario, le Comunalie sono equiparate, a livello nazionale, con i latifondi e gli usi civici di altre regioni, in particolare gli ex-stati Pontifici. Verso la fine della Grande Guerra vengono presentate diverse proposte di legge di cui si occupa, in un convegno indetto dall’Unione economico-sociale dell’aprile 1918, persino Luigi Sturzo. Non manca nell’occasione di far sentire la sua voce l’onorevole Giuseppe Micheli, che in un opuscolo edito dalla Giovane Montagna elenca le più importanti Comunalie del Parmense. 
Il deputato parmigiano tornerà sull'argomento a distanza di anni, sempre allo scopo di conservare gli usi tradizionali ai suoi montanari. Si può aggiungere che Antonio Bizzozero, invece, pur qualche incertezza, quando nel 1924 il governo, quale anticipo dell’imminente Battaglia del grano, emana un decreto "sugli usi civili" per favorire il dissodamento e la messa a coltura delle antiche e tradizionali Comunalie, finisce per adeguarsi, come del resto faranno i cattolici di cultura solariana, che arriveranno addirittura a rivendicare la priorità dell’idea ispiratrice.
L'assetto delle Comunalie tuttavia non cambia sostanzialmente e gli autori del volume ripercorrono in dense pagine le istituzioni comune per comune, da Neviano Arduini a Bardi passando per Corniglio, Berceto, Bedonia, Albareto, Compiano e Borgotaro, comprese quelle che si estendono anche oltre i confini provinciali e regionali. 
Le prefazioni al libro sono di Pier Luigi Ferrari e di Corrado Truffelli, che illustrano gli scopi del lavoro e la sua importanza culturale in una materia soltanto apparentemente ristretta e locale. Francesca Corsi, infine, attualizza in senso ambientalista il tema con una postfazione su "Sostenibilità e Comunalie" facendo emergere possibilità di valorizzazione dei luoghi sia a scopo turistico-ricreativo sia per la realizzazione di progetti per ricavare energie rinnovabili. Si può dunque concludere con Truffelli che lo studio fornisce "un materiale prezioso, in gran parte inedito, assai utile per avviare una seria riflessione sul futuro della Montagna, uno dei problemi socio-economici più rilevanti presenti sul nostro territorio".
UBALDO DELSANTE
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS