13°

Arte-Cultura

"Spaemann, filosofo dell'assoluto in ogni cosa"

"Spaemann, filosofo dell'assoluto in ogni cosa"
Ricevi gratis le news
0

Lisa Oppici
C’è una «mano» parmigiana dietro la recente edizione italiana di «Fini naturali» (Edizioni Ares), per molti il capolavoro del grande filosofo tedesco Robert Spaemann. È quella di Leonardo Allodi, professore associato di Sociologia dei processi culturali all’Università di Bologna, docente all’Accademia militare di Modena e visiting professor della Pontificia Università della Santa Croce a Roma. Allodi, insieme a Giacomo Miranda, è infatti curatore e traduttore dell’opera, che presenterà lunedì  alle 21 al Seminario minore (viale Solferino) con lo stesso Miranda, dottore di ricerca in filosofia e traduttore, e con Antonio Petagine, professore di filosofia medievale all’Università Cattolica di Milano e Urbino. Al professor Allodi, studioso di sociologia della religione, gran conoscitore di Spaemann e traduttore di diversi pensatori, abbiamo rivolto qualche domanda su «Fini naturali» e sulla sua importanza nella filosofia contemporanea.
Il volume ripercorre lo sviluppo del pensiero occidentale focalizzandosi in particolare sulla teleologia, mostrando con una straordinaria cavalcata storica il progressivo oscuramento del finalismo ma anche sottolineando la necessità di un suo recupero per un’adeguata comprensione del reale: quale è, secondo lei, la modernità, l’attualità, del libro, e dell’opera di Spaemann in genere? E come può innestarsi nei dibattiti del nostro tempo, da quelli sulla bioetica a quelli sulla politica?
Anticipando i grandi dibattiti del nostro tempo, Robert Spaemann ha avvertito la necessità di ripensare radicalmente le nozioni di «natura», «ragione» e «vita». L’emergenza antropologica odierna non è altro che la conseguenza dell’oscurarsi progressivo di tali concetti, che egli connette a quella «inversione della teleologia» che caratterizza lo sviluppo del pensiero occidentale, almeno dalla modernità in poi. Quando «natura» non significa più che il movimento di un ente tende verso un fine ultimo, la natura diventa materia passiva e implica che l’uomo non scorge in essa altri fini che quelli imposti da lui stesso. Una tale nozione alla lunga svuota di senso anche quella di «dignità umana».
Lei ha scritto che l’intento del libro non è soltanto di natura storica: Spaemann vuole anche rimuovere un pregiudizio tipico della scienza moderna. Quale?
Il pregiudizio è quello secondo cui sarebbe semplicemente sterile, come pensa la scienza moderna, osservare i processi naturali sotto l’aspetto del loro orientamento ad un fine. Un atteggiamento che per Spaemann, alla lunga, non può che produrre conseguenze imprevedibili e drammatiche: il configurarsi di un mondo, come egli ama ripetere con Lewis, nel quale si rischia una autentica «abolizione dell’uomo». Soltanto se in ogni cosa che è, in quanto è, noi vediamo in qualche modo una rappresentazione dell’assoluto, e dunque le riconosciamo un carattere assoluto, possiamo prodigarle benevolenza e testimoniarle un certo rispetto. Facendo propria la coscienza ecologica contemporanea, Spaemann può così riformulare la famosa espressione di Kant: «agisci in modo tale da non trattare nulla al mondo semplicemente come un mezzo ma sempre anche come un fine».
Particolarmente interessante è la connessione tra la teleologia e ambiti apparentemente lontani da essa, come ad esempio la democrazia, l’agire degli Stati, la stessa «sopravvivenza» dell’uomo come tale. Come si teorizza in Spaemann questa connessione?
La crisi dei sistemi democratici contemporanei può essere superata soltanto ripensandone le basi pre-giuridiche e pre-politiche. Come una volta ha detto un grande costituzionalista amico di Spaemann, Bockenforde, lo stato liberale moderno vive di presupposti che esso non è in grado di garantire. Da questo punto di vista i primi capitoli dell’ opera di Spaemann, «Persone. Sulla differenza fra ''qualcosa’' e ''qualcuno'’», che ho tradotto nel 2006 per Laterza, dedicati alla genesi della nozione di «persona», appaiono sorprendentemente illuminanti. Se vogliamo salvaguardare le grandi conquiste della modernità, l’autonomia e la libertà del soggetto, dobbiamo ripensarle in un contesto diverso da quello nel quale si sono sviluppate, e cioè la cultura di un certo illuminismo antireligioso».
Fini naturali - Ares, pag. 464, euro 19,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

22commenti

Malcolm Young

Malcolm Young

MUSICA

E' morto Malcolm Young: fondò gli Ac/Dc con il fratello Angus

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

La lettera della mamma di Mattia

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Carabinieri

Controlli contro spaccio e furti: identificate 50 persone

L'operazione nella notte

Incidente

Scontro a Pilastro, un ferito

Incidente

Carambola fra tre auto in via Mantova, due feriti

Indaga la Polizia municipale

WEEKEND

Il Mercato del Forte, la torta di verze, November Porc a Zibello: l'agenda di domenica

Salso

Sfondano la vetrina e rubano capi firmati

Polizia

Raffica di furti negli appartamenti

Bici rubate e in attesa dei proprietari

Eccellenze

Il Parmigiano trionfa agli "Oscar del formaggio" a Londra

Risultato stellare: porta a casa 38 medaglie

POESIA

Zucchi tradotto da un giurato del Nobel

calcio

Parma, poker e primato

Lutto

L'addio di Rubbiano a Fabrizio Aguzzoli

LIRICA

Festival Verdi, numeri da record

FERROVIA

Fidenza-Cremona, treni al posto di due bus

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

12commenti

STADIO TARDINI

Il Parma travolge l'Ascoli 4-0 e sogna: è primo in classifica

Frattali: "Rigore parato, evitata sofferenza finale" (Video) - Grossi: "Bella vittoria, molte occasioni mancate per il Parma" (Videocommento)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Fine vita, la Chiesa lo ripete da 70 anni

di Monica Tiezzi

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

1commento

USA

Disegna un pene in cielo, top gun punito video

1commento

SPORT

SERIE A

Il Napoli piega il Milan (2-1), la Roma si prende il derby

GAZZAFUN

Parma-Ascoli 4-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

curiosità

Sono una "chimera" quelli pubblici a Parma: il 19 è la Giornata mondiale dei servizi igenici

formigine

Damiano, 12 anni, è l'arbitro più giovane d'Italia Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto