-3°

14°

Arte-Cultura

Dolore, sacrificio e amore estremo

Dolore, sacrificio e amore estremo
Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Nella Settimana Santa vengono ricordate la passione di Cristo e la sua morte sulla croce che avrà  una trionfale conclusione nella salvifica resurrezione pasquale. Il drammatico episodio della Crocifissione è stato uno dei più rappresentati nella storia dell’arte cristiana e proprio in questi giorni il Museo Diocesano di Milano ospita (fino al 2 giugno) una straordinaria interpretazione del tragico evento, dipinta da Vincenzo Foppa, i «Tre crocifissi», una tavola proveniente dall’Accademia Carrara di Bergamo, attualmente chiusa per lavori di ristrutturazione. 
Vincenzo Foppa (1430 – 1516), bresciano, è l’artista che ha impresso un’importante svolta alla pittura lombarda portandola dalle artificiose astrazioni del gotico a un realismo semplice, quotidiano. Roberto Longhi ha sottolineato come in tutta la sua opera le regole della grammatica rinascimentale siano state naturalizzate «in una sintassi più sciolta e non strettamente architettonica, in una lingua più corsiva e spedita, in un quadro più vero». Così l’artista viene considerato il padre del naturalismo lombardo da cui scaturiranno i venditori di ortaggi e generi vari di Vincenzo Campi, le nature morte, i personaggi di strada del Caravaggio.
I «Tre crocifissi» costituiscono la prima opera certa del Foppa e viene datata al 1450 dopo la rilettura critica dell’iscrizione nella quale l’artista si dichiara bresciano e indica l’esecuzione del dipinto con una espressione che può essere variamente interpretata. Le prime rappresentazioni della Crocifissione sono apparse nel V secolo, come documenta la porta di cipresso di Santa Sabina, fatta sotto Papa Celestino in cui Cristo è affiancato dai due ladroni; in quei secoli però si preferiva mostrare la croce spoglia, talvolta col simbolo costantiniano del Chrismon. 
L’iconografia si è arricchita di particolari nel «Codice dell’Apocalisse» del Beato di Liebana (975) dove un angelo attende l’anima del ladrone buono, un diavolo quella del cattivo e due soldati spezzano loro le gambe; un altro soldato innalza una spugna verso il volto di Cristo mentre Longino con la lancia gli perfora il costato da cui esce un fiotto di sangue che cade in un calice. Un’altra diffusa iconografia presenta solo Gesù crocifisso con ai piedi della croce la Madonna e San Giovanni evangelista (affreschi dell’VIII secolo). 
La Madonna e San Giovanni compaiono poi in tabelle verticali lungo il corpo di Cristo nei grandi crocifissi lignei del XII e XIII secolo dove l’espressione di Cristo cambia da quella del re vittorioso con gli occhi aperti a quella del Dio-uomo che muore soffrendo con gli occhi chiusi (XIII secolo). 
Con Giotto le scene della Storia Sacra si svolgono in ambienti naturali, realistici, seppur schematizzati, e così nella cappella degli Scrovegni (1303) la croce appoggia sulla roccia mentre lo sfondo è tutto azzurro come faranno Giusto de’ Menabuoi e Altichiero, aggiungendovi i ladroni. Nel Quattrocento lo spazio acquista una dimensione più ordinata, razionale. 
A Padova tra il 1443 e il ’54 lavora Donatello con l’innovativo  linguaggio rinascimentale che deve aver colpito il giovane Vincenzo (Brescia è vicina) il quale ha inquadrato la scena in un arco all’antica che appoggia su una balaustra marmorea e nel quale sono inserite le teste di due imperatori. 
I tre crocifissi si ergono su spuntoni rocciosi: Cristo è al centro e ha le braccia distese con le mani inchiodate alla croce mentre i due ladroni hanno le braccia legate alla traversa delle croce. Le loro espressioni (soprattutto quella del cattivo) sembrano portare un’eco degli affreschi che in quel periodo Mantegna stava realizzando nella cappella degli Orvetari nella chiesa degli Eremitani mentre il Cristo ha un più intenso, intimistico realismo toscaneggiante. Il paesaggio si proietta nella profondità di una valle con toni fabulistici, goticheggianti di un verde vellutato cupo e dorato e sullo sfondo si stagliano  un castello e una città fortificata in un gioco luministico che dalla drammatica oscurità  dell’attimo supremo della morte del Cristo uomo-Dio si proietta verso la luce della resurrezione. L’esposizione dei «Tre crocifissi» ha il suo naturale proseguimento nella basilica di Sant’Eustorgio, attigua al Museo, che contiene il massimo capolavoro del Foppa la Cappella Portinari da lui affrescata tra il 1464 e il ’68 con l’Annunciazione, l’Assunzione, quattro storie di San Pietro Martire e quattro tondi coi dottori della Chiesa, per la quale Roberto Longhi ha avuto espressioni di somma ammirazione riguardo ai dettagli naturalistici «frammenti di vero visti passando»: «una passeggiata in Lombardia che se non fosse dipinta da lui, parrebbe descritta dal Manzoni». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

FIDENZA

Chirurgia senza bisturi per rimuovere tumori gastrointestinali: nuove tecniche a Vaio

Già eseguiti due interventi, perfettamente riusciti

SCUOLA

Albertelli, saranno trasferite le elementari ma non le prime

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

Inchiesta

Polizia stradale, a Parma 403 patenti ritirate in un anno

Dopo la sentenza

Troppi genitori pubblicano le foto dei figli in rete: quale regola?

1commento

TRIBUNALE

Cocaina, patteggiano due «fornitori» di Langhirano

ECONOMIA

Bonatti, Ghirelli: «Valutiamo tutte le opzioni per crescere»

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

maltempo

L'uragano flagella il Nord Europa: 10 morti Video impressionante

BRASILE

Auto su un marciapiede a Rio: almeno 15 feriti Video

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova