-3°

Arte-Cultura

Dolore, sacrificio e amore estremo

Dolore, sacrificio e amore estremo
0

di Pier Paolo Mendogni

Nella Settimana Santa vengono ricordate la passione di Cristo e la sua morte sulla croce che avrà  una trionfale conclusione nella salvifica resurrezione pasquale. Il drammatico episodio della Crocifissione è stato uno dei più rappresentati nella storia dell’arte cristiana e proprio in questi giorni il Museo Diocesano di Milano ospita (fino al 2 giugno) una straordinaria interpretazione del tragico evento, dipinta da Vincenzo Foppa, i «Tre crocifissi», una tavola proveniente dall’Accademia Carrara di Bergamo, attualmente chiusa per lavori di ristrutturazione. 
Vincenzo Foppa (1430 – 1516), bresciano, è l’artista che ha impresso un’importante svolta alla pittura lombarda portandola dalle artificiose astrazioni del gotico a un realismo semplice, quotidiano. Roberto Longhi ha sottolineato come in tutta la sua opera le regole della grammatica rinascimentale siano state naturalizzate «in una sintassi più sciolta e non strettamente architettonica, in una lingua più corsiva e spedita, in un quadro più vero». Così l’artista viene considerato il padre del naturalismo lombardo da cui scaturiranno i venditori di ortaggi e generi vari di Vincenzo Campi, le nature morte, i personaggi di strada del Caravaggio.
I «Tre crocifissi» costituiscono la prima opera certa del Foppa e viene datata al 1450 dopo la rilettura critica dell’iscrizione nella quale l’artista si dichiara bresciano e indica l’esecuzione del dipinto con una espressione che può essere variamente interpretata. Le prime rappresentazioni della Crocifissione sono apparse nel V secolo, come documenta la porta di cipresso di Santa Sabina, fatta sotto Papa Celestino in cui Cristo è affiancato dai due ladroni; in quei secoli però si preferiva mostrare la croce spoglia, talvolta col simbolo costantiniano del Chrismon. 
L’iconografia si è arricchita di particolari nel «Codice dell’Apocalisse» del Beato di Liebana (975) dove un angelo attende l’anima del ladrone buono, un diavolo quella del cattivo e due soldati spezzano loro le gambe; un altro soldato innalza una spugna verso il volto di Cristo mentre Longino con la lancia gli perfora il costato da cui esce un fiotto di sangue che cade in un calice. Un’altra diffusa iconografia presenta solo Gesù crocifisso con ai piedi della croce la Madonna e San Giovanni evangelista (affreschi dell’VIII secolo). 
La Madonna e San Giovanni compaiono poi in tabelle verticali lungo il corpo di Cristo nei grandi crocifissi lignei del XII e XIII secolo dove l’espressione di Cristo cambia da quella del re vittorioso con gli occhi aperti a quella del Dio-uomo che muore soffrendo con gli occhi chiusi (XIII secolo). 
Con Giotto le scene della Storia Sacra si svolgono in ambienti naturali, realistici, seppur schematizzati, e così nella cappella degli Scrovegni (1303) la croce appoggia sulla roccia mentre lo sfondo è tutto azzurro come faranno Giusto de’ Menabuoi e Altichiero, aggiungendovi i ladroni. Nel Quattrocento lo spazio acquista una dimensione più ordinata, razionale. 
A Padova tra il 1443 e il ’54 lavora Donatello con l’innovativo  linguaggio rinascimentale che deve aver colpito il giovane Vincenzo (Brescia è vicina) il quale ha inquadrato la scena in un arco all’antica che appoggia su una balaustra marmorea e nel quale sono inserite le teste di due imperatori. 
I tre crocifissi si ergono su spuntoni rocciosi: Cristo è al centro e ha le braccia distese con le mani inchiodate alla croce mentre i due ladroni hanno le braccia legate alla traversa delle croce. Le loro espressioni (soprattutto quella del cattivo) sembrano portare un’eco degli affreschi che in quel periodo Mantegna stava realizzando nella cappella degli Orvetari nella chiesa degli Eremitani mentre il Cristo ha un più intenso, intimistico realismo toscaneggiante. Il paesaggio si proietta nella profondità di una valle con toni fabulistici, goticheggianti di un verde vellutato cupo e dorato e sullo sfondo si stagliano  un castello e una città fortificata in un gioco luministico che dalla drammatica oscurità  dell’attimo supremo della morte del Cristo uomo-Dio si proietta verso la luce della resurrezione. L’esposizione dei «Tre crocifissi» ha il suo naturale proseguimento nella basilica di Sant’Eustorgio, attigua al Museo, che contiene il massimo capolavoro del Foppa la Cappella Portinari da lui affrescata tra il 1464 e il ’68 con l’Annunciazione, l’Assunzione, quattro storie di San Pietro Martire e quattro tondi coi dottori della Chiesa, per la quale Roberto Longhi ha avuto espressioni di somma ammirazione riguardo ai dettagli naturalistici «frammenti di vero visti passando»: «una passeggiata in Lombardia che se non fosse dipinta da lui, parrebbe descritta dal Manzoni». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

1commento

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

LEGA PRO

Il Parma di D'Aversa debutta a Bolzano con il Sudtirol Diretta dalle 14,30

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22 di ieri 

parma

Luminarie: spesi 125mila euro

1commento

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

9commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute 

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

14commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

MONTECCHIO EMILIA

Vende Audi A4 a 1.800 euro ma è una truffa: denunciato bergamasco

1commento

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento