Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Lo zar da Verdi, una visita inattesa

0

Gustavo Marchesi
 È il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, aspettiamoci degli episodi inediti: come quello accaduto nel buffet della stazione ferroviaria dell’allora Kovno (Lituania). Il maestro ricevette qui un omaggio singolare. In suo onore quasi tutti i presenti stesero, sul parquet, mantelli, pellicce e giacche; malgrado l’inverno boia, qualcuno restò in maniche di camicia. Verdi indifferente se ne andò calpestando quasi con disprezzo il tappeto improvvisato. L’occhio dello zar, vale a dire lo spione di corte, si prese tosto l’incarico di informarne, al tè delle cinque, sua maestà, al quale non era mai toccato un simile ossequio e provò dell’invidia, livida, fulminante: quel musicista, nient’altro che un animale da palcoscenico, dava alla gente degli scossoni che li buttavano in cielo. Doveva assolutamente conoscerlo, misurarsi con lui. E appena venuta la bella stagione, partì per Sant’Agata, residenza del “numen”. Entrò dal parco, senza farsi annunciare. Aveva compiuto il giro delle proprietà e confessava a malincuore il proprio compiacimento. Accompagnato da largo seguito, ostentava un copricapo di sorbetto al pistacchio. Che numero!... Numero? ma era nientemeno che il re di tutte le freddure e possedeva l’autorità di congelare la natura in fiore. Non aveva ancora attraversato il cortile della villa, che tutt’intorno si formò un lago di ghiaccio, cosparso di isolette innevate. Verdi si alzò per salutare e sdrucciolò. Provvidenziale la decisione dei dignitari zaristi: con un gesto unanime si levarono le divise e coprirono la gelata, permettendo al maestro di muoversi. Ciononostante i momenti successivi furono piuttosto balordi. Il padrone guardava impietrito i campi sottozero. Ma cosa? Mandare in malora la sua roba, questo rappresentante di frigoriferi? e non si fa scrupolo di cambiare l’estate con l’inverno? Ma chi crede di essere?... I sovrani!!!... dall’alto del trono ignorano il sudore di chi piega la schiena per darci il pane, per darci la vita! Verdi scivola di nuovo. Lo zar con riguardosa osservanza si scusa. Parbleu! è pronto a riparare fino all’ultimo danno. E poi tra un po’ se ne andrà, lascerà che la natura torni a risplendere e i campagnoli non accorrano ansiosi ad accendere fuochi: “Intanto nel caso ho con me sciarpe e manicotti, berrettoni e stivali per lei e la sua gente. Ho anche abbastanza panni da coprire gli alberi e i campi perché se ne stiano al calduccio”. Il maestro si spazientì: “Davvero i potenti hanno la presunzione di dominare tutto, anche la natura?” E lo zar: “Non diversamente dai musicisti, che credono di dominare il pubblico”. “Mi par di capire che resistervi non si può. Cosa volete da me?”  Un’opera vuole, fra un anno, per il suo teatrone della capitale, migliaia di chilometri a est. Detto questo, parlano di soldi. Lo zar offre una somma spropositata, pezzi d’oro e biglietti di carta su una banca di Parigi: e la natura si sghiaccia, dai sorbetti rispuntano i fiori, brillano i colori. La nuova opera, intitolata “Forza!”, sarà una sorpresa, tutta una denuncia della povertà, dell’abbandono, dell’ingiustizia. In scena gente affamata, disperata, che implora, che fugge. La censura fiuta sentore di tempesta; ma è tardi, a teatro gli studenti spaccano panche, strappano velluti, sbraitano. Le cronache delle contestazioni filtrano sulla stampa estera. Verdi ne informa gli amici che pranzano da lui con le posate d’oro, dono dello zar. A tavola siede anche il sindaco del paese: ha portato un pavone, ora anch’esso in tavola (no a tavola), omaggio al padrone di casa che ha onorato gli abitanti di Sant’Agata con l’invito a un pezzo grosso del globo. I commensali soddisfatti cantano le lodi del risotto, “Buono, eccellente!... Par che dica mangiami mangiami”, le parole della “Forza!”. Si sta bene in un “mondo piccolo” ma quieto. Lontano di lì, nelle terre immense dove cresce il progresso, soltanto il vocione di Melitone, frate disinibito e coraggioso, echeggia ammonitore nell’opera, prima dell’ultimo atto: “Il mondo?... Poffare!!… II mondo è fatto una casa di pianto!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Incidente a Collecchio

Incidente a Collecchio

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

3commenti

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

SOCIETA'

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

12commenti

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)