ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Gara di mountain bike
Tabiano

Gara di mountain bike

 
Bodoni: incontro su Adriano Olivetti
Tg Parma

Bodoni: incontro su Adriano Olivetti

 
Il carlino che non vuole bagnarsi le zampe... Video
Video Youtube

Il carlino che non vuole bagnarsi le zampe... Video

 
Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era
ECONOMIA

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era

 
Assalto in villa: bottino di 40 mila euro
Alberi

Assalto in villa: bottino di 40 mila euro

 
Il virus corre in chat
doctor web

Il virus corre in chat

 
Jeep Renegade, il Suv più amato in Spagna
ORA SBARCA IN BRASILE

Jeep Renegade, il Suv più amato in Spagna

 
Ricetta del giorno - La vecchia di verdure
gusto

Ricetta del giorno La vecchia di verdure

 
The Circle
GAZZAROCK

The Circle

 
Parmawards: premiazioni il 12 aprile
tg parma

Parmawards: premiazioni il 12 aprile Video

 
Spigaroli presidente del Consorzio del Culatello
Zibello

Spigaroli presidente del Consorzio del Culatello

 
Saveriani in prima fila contro l'Ebola
missioni

Saveriani in prima fila contro l'Ebola

 
Aperta la mostra sulla Grande Guerra
Traversetolo

Aperta la mostra sulla Grande Guerra

 
La Sharapova colpisce ancora
Gossip Sportivo

La Sharapova colpisce ancora

 
Teatro dialettale: i fratelli Clerici
Tradizioni

Speciale - La quinta vita del dialetto

 
I buoni appuntamenti
volontariato

I buoni appuntamenti

 
LETTERE DI UNO SCONOSCIUTO

LETTERE DI UNO SCONOSCIUTO

 
L'Itis? Un'ottima scuola anche per le ragazze
PGN SCUOLA

L'Itis? Un'ottima scuola anche per le ragazze

 
I nomadi ancora a Lemignano. E  gli abitanti non ci stanno
Il caso

I nomadi ancora a Lemignano. E gli abitanti non ci stanno

 
Fate un lavoro che vi piace?
sondaggio

Fate un lavoro che vi piace?

 
La nuova moda Primavera-Estate 2015
Tendenze

La nuova moda Primavera-Estate 2015

 
Erasmus + il tempo stringe
Università

Erasmus + il tempo stringe

 
Pellegrinaggi: tre itinerari verso Roma "per seguire Gesù"
Via Francigena

Pellegrinaggi: tre itinerari verso Roma "per seguire Gesù"

 
Da Riva
ristoranti

Da Riva

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

Arte-Cultura

E' morto Lucio Lami

E' morto Lucio Lami
0

 Domenica di Pasqua, 31 marzo, Lucio Lami se n'è andato. Il presidente onorario del Pen,  per oltre vent'anni anima del sodalizio, è morto alle 14,30. Aveva 76 anni. 

Di famiglia toscana (la madre era di Busseto) ma nato - nel 1936 - in Lombardia,  Lami ha cominciato a fare il giornalista a 24 anni. Agli inizi ha lavorato a «La notte», diretta da Nino Nutrizio. Poi alla Rusconi, al settimanale «Gente», con Gianni Mazzocchi, Arnoldo Mondadori, Rizzoli. Il giornalismo come missione  che aveva esercitato poi con partecipazione vivissima e vivacissima, dal '74, nel «Giornale» di Montanelli per il quale  è stato a lungo inviato speciale e corrispondente di guerra in tutto  il mondo. Di questa sua lunga e prestigiosa carriera sono testimonianza il Premio Max David nell''80,  l'Hemingway nell''86, l'Estense  nell''81, e il Sacharov sempre nell''86 per «Il grido delle formiche». A 27 anni è il più giovane direttore di settimanali della Rizzoli. Entra poi alla Mondadori come caporedattore di «Epoca» negli anni '70, quando le vendite sono da record.

Nel 1974, insieme a Indro Montanelli, intraprende l'avventura de «Il Giornale»: per vent'anni è il suo corrispondente di guerra. Nella sua memoria i nomi e le immagini dei conflitti si susseguono, come in un film che invece è la sua vita: il Golfo Persico, il Libano, l'Afghanistan, le guerriglie dell'America Latina e dell'Irlanda, il Vietnam, la Cambogia, il Laos. Lami viene ferito tre volte.  Centinaia, le sue interviste:  Saddam, Arafat, Khomeini, Pinochet, ma anche i Beatles, Fontana, Botero.  Direttore dell'«Indipendente»,  de «L'uomo qualunque», docente di Giornalismo alla Cattolica di Milano, editorialista del «Gazzettino» e altre testate.

(...) Poi la decisione di chiudere con i giornali: uomo della «vecchia guardia», non si ritrova nei media tutti tecnologia di oggi dove, dice, «la realtà è filtrata attraverso lo schermo e non più dai propri occhi». Ma non rinuncia alla scrittura: si divide tra i suoi libri e l'impegno nel Pen Club: il suo capolavoro è stato e resterà la fondazione del Premio del Pen Club Italiano, il premio di Compiano al quale ha dedicato la propria attività per tanti anni, un premio che ha fatto nascere e che l'anno scorso per la prima volta non ha potuto organizzare per mancanza di fondi: la sua pena più grande il suo maggior cruccio per aver constatato l'insensibilità di tanti che avrebbero dovuto e potuto aiutarlo..............

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0