ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Meningite: centinaia in coda all'Ausl
TG PARMA

Meningite: centinaia in coda all'Ausl

 
Lodovica Comello
MUSICA

Lodovica Comello, addio a 'Violetta'

 
Lamborghini alla conquista dell'Europa con Dallara
COMPETIZIONI

Lamborghini alla conquista dell'Europa con Dallara

 
Skip Jensen

Skip Jensen

 
D’Amico "sfinita" da Buffon
Gossip Sportivo

D’Amico "sfinita" da Buffon

 
Donna: il corpo ideale attraverso la storia
VIDEO MONDO

Donna: il corpo ideale attraverso la storia Video

 
Il vetro nell'edilizia: una risorsa che sta cambiando i progetti
Ricerca

Il vetro nell'edilizia: una risorsa che sta cambiando i progetti

 
Messa per il trigesimo di Sergio Giliotti
duomo

Messa per il trigesimo di Sergio Giliotti

 
La maglietta del «Frambo» per i bimbi malati
Tifosi

La maglietta del «Frambo» per i bimbi malati

 
Martedì via a «Parma ore 9»
Radio Parma

Martedì via a «Parma ore 9»

 
L'Islam e noi: tre domande all'on. Chaouki
Intervista

L'Islam e noi: 3 domande all'on. Chaouki

 
Disoccupazione in calo:  12,9%
istat dicembre

Disoccupazione in calo: 12,9%

 
Ricetta del giorno  Tortino di cioccolato fondente
Gusto

Ricetta del giorno Tortino di cioccolato fondente

 
Alternanza scuola-lavoro. L'ascom all'Ulivi
scuola

Alternanza scuola-lavoro. L'ascom all'Ulivi

 
Pronto il museo multimediale di Giuseppe Verdi
Busseto

Pronto il museo multimediale di Giuseppe Verdi

 
Dal 26 febbraio il corso di fotografia con Ottobrino
Busseto

Dal 26 febbraio il corso di fotografia con Ottobrino

 
ROYAL OPERA HOUSE: ANDREA CHÉNIER

ROYAL OPERA HOUSE: ANDREA CHÉNIER

 
Gazzetta  lavoro
publiedi

Gazzetta lavoro

 
Posto di blocco 19: "E la musica va..."
musica

Posto di blocco 19: "E la musica va..."

 
Un'ode di Orazio tradotta in dialetto
dialetto

Un'ode di Orazio tradotta in dialetto

 
Google translate, una app per le traduzioni instantanee
Utilità

Google translate, una app per le traduzioni instantanee

 
Sport e Università, presentato il progetto "Camminare Insieme": ne parla il medico parmigiano Gianfranco Beltrami
Salute

Presentato il progetto Camminare Insieme Video

 
sciatore dolomiti
VIAGGI

Colazione all'alba in quota. Per sciare al sorgere del sole

 
Antichi Sapori

Antichi Sapori

 
Offerte Kauppa
Kauppa

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

UNBROKEN

UNBROKEN

Genere Drammatico

Durata 130

 
TURNER

TURNER

Genere Biografico

Durata 149

 

Arte-Cultura

E' morto Lucio Lami

E' morto Lucio Lami
0

 Domenica di Pasqua, 31 marzo, Lucio Lami se n'è andato. Il presidente onorario del Pen,  per oltre vent'anni anima del sodalizio, è morto alle 14,30. Aveva 76 anni. 

Di famiglia toscana (la madre era di Busseto) ma nato - nel 1936 - in Lombardia,  Lami ha cominciato a fare il giornalista a 24 anni. Agli inizi ha lavorato a «La notte», diretta da Nino Nutrizio. Poi alla Rusconi, al settimanale «Gente», con Gianni Mazzocchi, Arnoldo Mondadori, Rizzoli. Il giornalismo come missione  che aveva esercitato poi con partecipazione vivissima e vivacissima, dal '74, nel «Giornale» di Montanelli per il quale  è stato a lungo inviato speciale e corrispondente di guerra in tutto  il mondo. Di questa sua lunga e prestigiosa carriera sono testimonianza il Premio Max David nell''80,  l'Hemingway nell''86, l'Estense  nell''81, e il Sacharov sempre nell''86 per «Il grido delle formiche». A 27 anni è il più giovane direttore di settimanali della Rizzoli. Entra poi alla Mondadori come caporedattore di «Epoca» negli anni '70, quando le vendite sono da record.

Nel 1974, insieme a Indro Montanelli, intraprende l'avventura de «Il Giornale»: per vent'anni è il suo corrispondente di guerra. Nella sua memoria i nomi e le immagini dei conflitti si susseguono, come in un film che invece è la sua vita: il Golfo Persico, il Libano, l'Afghanistan, le guerriglie dell'America Latina e dell'Irlanda, il Vietnam, la Cambogia, il Laos. Lami viene ferito tre volte.  Centinaia, le sue interviste:  Saddam, Arafat, Khomeini, Pinochet, ma anche i Beatles, Fontana, Botero.  Direttore dell'«Indipendente»,  de «L'uomo qualunque», docente di Giornalismo alla Cattolica di Milano, editorialista del «Gazzettino» e altre testate.

(...) Poi la decisione di chiudere con i giornali: uomo della «vecchia guardia», non si ritrova nei media tutti tecnologia di oggi dove, dice, «la realtà è filtrata attraverso lo schermo e non più dai propri occhi». Ma non rinuncia alla scrittura: si divide tra i suoi libri e l'impegno nel Pen Club: il suo capolavoro è stato e resterà la fondazione del Premio del Pen Club Italiano, il premio di Compiano al quale ha dedicato la propria attività per tanti anni, un premio che ha fatto nascere e che l'anno scorso per la prima volta non ha potuto organizzare per mancanza di fondi: la sua pena più grande il suo maggior cruccio per aver constatato l'insensibilità di tanti che avrebbero dovuto e potuto aiutarlo..............

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0