ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Andrea Dallagiovanna e Alessandro Basini
spettacoli

Oggi i Masa a Sanremo

 
Un cutrese  a Reggio Emilia
reggio emilia

Il video choc del cutrese ai reggiani diventa un caso

 
pirata informatico hacker
polizia

Attenzione al Cryptolocker , virus web

 
Trapianto record: donatrice a 94 anni
Medicina

Trapianto record: donatrice a 94 anni. E noi...?

 
Le Moli e l'attualità di Feydeau
emozioni a teatro

Le Moli e l'attualità di Feydeau

 
Il genio di Zanolin
ONDE GRAVITAZIONALI

Il genio di Zanolin

 
Albertelli, l'oste con il vizio del gol
Gente di provincia

Albertelli, l'oste con il vizio del gol

 
Il carcere apre le porte all'Ateneo e alle scuole
PROGETTO

Il carcere apre le porte all'Ateneo e alle scuole

 
"Errore 53": Apple rischia una class action
IL CASO

"Errore 53": Apple rischia una class action

 
La favola del porco involato
Libreria Feltrinelli

La favola del porco involato

 
Marika elegge il più sexy del Napoli
Gossip Sportivo

Marika elegge il più sexy del Napoli

 
"Il cielo di Auschwitz" raccontato da Pietro Terracina
TG PARMA

"Il cielo di Auschwitz" raccontato da Pietro Terracina

 
L'ULTIMA PAROLA - LA VERA STORIA DI DALTON TRUMBO

L'ULTIMA PAROLA - LA VERA STORIA DI DALTON TRUMBO

 
Il dramma dei curdi  raccontato a Parma
tg parma

Il dramma dei curdi raccontato a Parma

 
Esercito a San Leonardo
cittadini

Lettera: "Esercito a San Leonardo"

 
Si chiama Ateca il primo Suv di Seat
ANTEPRIMA

Si chiama Ateca il primo Suv di Seat

 
L'embargo russo contro i prodotti tipici parmensi
economia

L'embargo russo contro i prodotti tipici parmensi

 

Alfione

 
Ma Dabò
risate in dialetto

Barzelletta: "Un uomo fortunato (Il bollino)" Video

 
Romantico carnevale storico a Compiano
compiano

Carnevale storico e romantico al castello

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

C inema

Arte-Cultura

E' morto Lucio Lami

E' morto Lucio Lami
0

 Domenica di Pasqua, 31 marzo, Lucio Lami se n'è andato. Il presidente onorario del Pen,  per oltre vent'anni anima del sodalizio, è morto alle 14,30. Aveva 76 anni. 

Di famiglia toscana (la madre era di Busseto) ma nato - nel 1936 - in Lombardia,  Lami ha cominciato a fare il giornalista a 24 anni. Agli inizi ha lavorato a «La notte», diretta da Nino Nutrizio. Poi alla Rusconi, al settimanale «Gente», con Gianni Mazzocchi, Arnoldo Mondadori, Rizzoli. Il giornalismo come missione  che aveva esercitato poi con partecipazione vivissima e vivacissima, dal '74, nel «Giornale» di Montanelli per il quale  è stato a lungo inviato speciale e corrispondente di guerra in tutto  il mondo. Di questa sua lunga e prestigiosa carriera sono testimonianza il Premio Max David nell''80,  l'Hemingway nell''86, l'Estense  nell''81, e il Sacharov sempre nell''86 per «Il grido delle formiche». A 27 anni è il più giovane direttore di settimanali della Rizzoli. Entra poi alla Mondadori come caporedattore di «Epoca» negli anni '70, quando le vendite sono da record.

Nel 1974, insieme a Indro Montanelli, intraprende l'avventura de «Il Giornale»: per vent'anni è il suo corrispondente di guerra. Nella sua memoria i nomi e le immagini dei conflitti si susseguono, come in un film che invece è la sua vita: il Golfo Persico, il Libano, l'Afghanistan, le guerriglie dell'America Latina e dell'Irlanda, il Vietnam, la Cambogia, il Laos. Lami viene ferito tre volte.  Centinaia, le sue interviste:  Saddam, Arafat, Khomeini, Pinochet, ma anche i Beatles, Fontana, Botero.  Direttore dell'«Indipendente»,  de «L'uomo qualunque», docente di Giornalismo alla Cattolica di Milano, editorialista del «Gazzettino» e altre testate.

(...) Poi la decisione di chiudere con i giornali: uomo della «vecchia guardia», non si ritrova nei media tutti tecnologia di oggi dove, dice, «la realtà è filtrata attraverso lo schermo e non più dai propri occhi». Ma non rinuncia alla scrittura: si divide tra i suoi libri e l'impegno nel Pen Club: il suo capolavoro è stato e resterà la fondazione del Premio del Pen Club Italiano, il premio di Compiano al quale ha dedicato la propria attività per tanti anni, un premio che ha fatto nascere e che l'anno scorso per la prima volta non ha potuto organizzare per mancanza di fondi: la sua pena più grande il suo maggior cruccio per aver constatato l'insensibilità di tanti che avrebbero dovuto e potuto aiutarlo..............

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0