Arte-Cultura

Da Napoleone a Maria Luigia

Da Napoleone a Maria Luigia
0

Rosa Necchi
Le lettere, ultimo volume dell’enciclopedia Storia di Parma, edita da MUP con il sostegno della Fondazione Monte di Parma, Camera Commercio di Parma, Università di Parma, è dedicato alla letteratura parmigiana, dal 1200 ad oggi. Di seguito si pubblica un contributo della Professoressa Rosa Necchi, dal titolo «Il periodo napoleonico e l’ingresso di Maria Luigia a Parma (1796-1816)».
Il 6 maggio 1796 le truppe del generale Bonaparte varcarono i confini del ducato parmense senza incontrare la resistenza dell’esercito borbonico. Fino al 1801 la sovranità di Ferdinando di Borbone non venne ufficialmente posta in dubbio dai nuovi governanti. Morto Ferdinando nel 1802, all’effimera reggenza della vedova Maria Amalia successe Médéric-Louis-Élie Moreau de Saint-Méry, in carica fino al gennaio 1806. Dopo la proclamazione di Napoleone a imperatore (1805), gli Stati di Parma e Piacenza vennero incorporati nel Regno Italico, e poi annessi all’Impero.  Il 16 marzo 1814 i Francesi conclusero la loro dominazione sul ducato.
A facilitare il passaggio dei poteri ai Francesi contribuì il cauto riformismo di Moreau de Saint-Méry, protettore delle arti nonché vivace uomo di studi. Sul finire del 1802 fu lui a chiamare Gian Domenico Romagnosi alla cattedra di diritto pubblico dell’Ateneo parmense; il giurista si trattenne in città fino al 1806. La relativa pace sociale garantita al ducato dall’amministrazione francese incoraggiò i poeti a sfruttare modalità encomiastiche già applicate con successo ai governanti borbonici. I letterati parmensi allinearono una lunga serie di tributi in versi alle nuove autorità politiche.
Così avvenne per i festeggiamenti allestiti a Parma per il passaggio dell’imperatore nel giugno 1805; e così era accaduto, per la visita di Pio VII, al rientro da Parigi dopo avere incoronato Napoleone. Il transito del pontefice fu di ispirazione anche per uno dei capolavori bodoniani; per impulso del papa, l’anno seguente Giambattista Bodoni compì infatti l’«Oratio Dominica in CLV linguas versa et exoticis characteribus plerumque expressa», con prefazione trilingue e testo composto in duecentoquindici serie di caratteri e centocinquantacinque lingue. Cerimonie pubbliche accolsero la ricorrenza di San Napoleone del 1806. Nello stesso anno vide la luce il «Bardo della Selva nera», poema in cui Vincenzo Monti applicava a Napoleone, vincitore ad Austerlitz, un’efficace personificazione allegorica.
 Ma pressoché tutti i principali eventi biografici napoleonici ottennero immediate glorificazioni, perlopiù attraverso la tipografia bodoniana; in effetti, per l’eccellenza del suo magistero, Bodoni poté attraversare indenne ogni mutamento istituzionale.
Scandita dagli eventi che segnavano la vita pubblica del ducato, la produzione poetica locale registrò poche voci di dissenso. Mette conto ricordare Jacopo Sanvitale, autore di un irriverente sonetto per la nascita (il 20 marzo 1811) del figlio di Napoleone e di Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, che costò al poeta un periodo di reclusione. In epoca napoleonica seguitavano a far udire la loro voce alcune figure di spicco della trascorsa stagione borbonica. È il caso di Angelo Mazza, che nel 1801 pubblicò i propri «Sonetti su l’armonia», e un decennio più tardi accettò di collaborare al «Giornale del Taro». Continuava a offrire il proprio contributo alla poesia ducale anche Antonio Cerati, prolifico autore di elogi, epistole e poemetti, nonché curatore, nel 1801, dell’edizione postuma delle Poesie di Prospero Valeriano Manara. Nel 1810, il genovese Gioacchino Ponta scelse i torchi bodoniani per il proprio poema «Il trionfo della vaccinia», in cui venivano ripercorsi la secolare diffusione del morbo vaioloso e il finale successo della scienza medica sulla malattia.
 Accanto a moduli didattico-scientifici perdurava anche un’attardata sensibilità arcadica squisitamente pastorale, ben rappresentata nei componimenti che il magistrato borgotarese Giuseppe Bonvicini riunì in un volume di «Pensieri poetici» (1797). Fra i poligrafi attivi a Parma merita un ricordo il veneto Michele Colombo, destinato ad attraversare varie stagioni culturali e curatore di un impegnativo «Decameron» corretto ed illustrato con note. Se Colombo trovò nel ducato un ambiente favorevole ai suoi studi, numerosi furono peraltro i letterati che decisero di allontanarsene.
Una progressiva «diaspora intellettuale» fece perdere a Parma, fra gli altri, il medico Rasori, dal 1796 attivo a Milano. Avverso a Napoleone, nel 1806 anche il traduttore Michele Leoni si trasferì nel capoluogo lombardo, rientrando nel ducato solo nel 1822, quando già si era insediata Maria Luigia d’Austria. Per disposizione del Congresso di Vienna, nell’aprile 1816 Maria Luigia era infatti entrata nei territori parmensi con il titolo di duchessa, accolta dall’ossequio poetico di almeno cinquanta letterati. Vedeva allora la luce il volume collettaneo In occasione del solenne ingresso in Parma di sua maestà la principessa imperiale Maria Luigia che si proponeva di porgere il benvenuto dello Stato alla nuova regnante. All’insegna della continuità, la poesia seguitava a farsi strumento di encomio del sovrano, acclamando l’avvento di un’epoca nuova per il ducato, e avviando inedite quanto proficue relazioni fra cultura e potere.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

nel bicchiere

«Conte Durlo Vin Santo di Brognoligo»: rarità e delizia

SPORT

Formula 1

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà