-1°

Arte-Cultura

Gabriele Ferrari, la potenza del segno

Gabriele Ferrari, la potenza del segno
0

Katia Golini

Il segno, nel tratto veloce del disegno o nella pennellata carica di colore della pittura o nell'impronta lasciata dagli oggetti sulla carta,  ha guidato Gabriele Ferrari fin dagli esordi. Fin dai tempi dell'Istituto d'Arte Paolo Toschi  e dell'Accademia di Brera. 
Ritrattista capace di tirare fuori l'anima, pittore dalla mano abile e felice, l'artista parmigiano  inizia a farsi conoscere  negli anni Settanta, con le prime mostre in gallerie, teatri, librerie, rassegne e fiere d'arte. 
Da Parma al Nord d'Italia alle trasferte oltre confine il passo è  davvero breve. E' da allora che Ferrari sperimenta e realizza opere, anche di dimensioni enormi, riflettendo sul reale e sul suo contrario, inserendosi in due dei grandi filoni dell'arte contemporanea: l'Arte povera e il Concettuale.
Dopo alcuni anni di ritiro dalla scena cittadina, Ferrari torna ad esporre a Parma. Con la mostra «Assemblages», al Grand Hotel de la Ville e ristorante Parmigianino del Barilla Center  (inaugurazione domani   alle 18),  propone una quindicina di lavori realizzati negli anni e ripercorre un trentennio di lavoro e studio sulle forme, sui materiali, sui colori e sui segni. 
Segno è   la scrittura colorata della maxi-tela di 10 metri per 2 dal titolo evocativo «Dizionario pittorico» (1983) dedicato allo studio del tratto pittorico come grafia. Una grande tavola, composta di quadri dentro al quadro, in cui l'artista sonda le caratteristiche della scrittura e del suo contrario in un gioco suggestivo di colori come se la tavola fosse trasparente e leggibile davanti e dietro come in uno specchio. 
Segno è quello che resta sulla carta (da pacco o lucida), bagnata, trattata con  resina e acido cloridrico quindi  appoggiata su oggetti di scarto recuperati e, grazie all'intervento dell'artista, trasformati in altro da sè. Lo scopo è creare dal reale qualcosa di nuovo e osservare la sua metamorfosi. Riflettere su come gli oggetti possono riprendere vita e diventare opera d'arte. «Nel 1994 – spiega l'artista  – ho iniziato a sperimentare estroflessioni su tela, con cui creavo delle composizioni che volevano essere calchi o "sudari" di oggetti. In seguito, circa nel 1996, ho iniziato a lavorare con la carta: ero affascinato dalle potenzialità di eseguire il calco (o buccia o crisalide) di oggetti e anche architetture come nel caso dell'allestimento del 2001 "La buccia del reale" in San Ludovico. In queste mie opere del 2005 l'intento era creare una carta-sudario di oggetti comuni, di oggetti trovati, di cose in disuso e di cogliere sulla carta con cui li rivestivo la metamorfosi del loro disgregarsi. La carta assorbe la materia e ne viene contaminata: non solo raccoglie la forma esteriore delle cose, ma anche la ruggine del ferro, l'umore del legno bagnato che impregnano e trasformano i miei calchi in qualcosa di profondamente altro dagli oggetti stessi». 
Segno è quello delle litografie (stampate da Artigrafiche Step), tratte da lavori del 2005, in cui Ferrari compie il percorso a ritroso: dall'oggetto al bassorilevo, dal bassorilievo al disegno. A rappresentare quello scambio tra dritto e rovescio, tra uguale e contrario che lo ha sempre appassionato. 
«Forse si può riassumere il senso di quel che fa Gabriele Ferrari da una ventina d'anni - scrive Andrea Calzolari nella presentazione della raccolta di stampe - dicendo che lavora sulla pelle: non che questo costituisca il tema dominante, o l'oggetto esclusivo, del suo operare; forse anzi non è neppure un tema, ma piuttosto una costante metodologica, il modo in cui più frequentemente si rapporta a quel che costituisce il suo (e il nostro) abituale oggetto di riflessione e di azione, vale a dire ciò che si chiama il reale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto