-1°

14°

Arte-Cultura

Yes we book Dubbi su ciliegie, province e congiuntivi? "Pronto soccorso dell'italiano" può suggerire una cura

Yes we book Dubbi su ciliegie, province e congiuntivi? "Pronto soccorso dell'italiano" può suggerire una cura
0

Andrea Violi

«Non dò per certa l'abolizione delle Provincie. Chi può dire qual'è il destino della riforma? Credo che al momento non si sà davvero come potrà finire». Se in questa frase avete individuato meno di cinque errori è possibile che ci sia bisogno di un veloce ripasso. E forse può servire il libro di Lorenzo Montanari «Pronto soccorso dell'italiano». Con uno stile agile e tanti esempi, Montanari - docente di scuola superiore e dottorando all'Università di Bologna, dove è stato professore a contratto - porta i lettori alla (ri)scoperta di regole della grammatica e dell'ortografia a volte trascurate.
Le prime frasi di questo articolo sono state create solo per fare un esempio collegato all'attualità. Ci sono alcuni errori più o meno comuni, che un libro come quello di Montanari aiuta a correggere. Il verbo dare non vuole l'accento alla prima singolare: si dice «io do». In Province non serve la lettera i nell'ultima sillaba. Non è infrequente vedere l'altra grafia, tant'è che l'autore affronta proprio nel primo capitolo quelli che definisce “plurali difficili”. Qual è si scrive senza apostrofo; per non si sa l'accento non serve e comunque bisognava coniugare il verbo “sapere” al congiuntivo: «Credo che non si sappia».
Il congiuntivo è un altro grande sconosciuto di tanti testi scritti in italiano, dai temi ai posti sui social network. Un italiano corrente ma sicuramente non corretto, in questi casi.

«Pronto soccorso dell'italiano» (Editrice La scuola) affronta tanti dubbi sulla lingua in meno di 150 pagine, comprese le sezioni finali con le tabelle su verbi, plurali “a rischio” ed esercizi. E' un libro nato per la scuola, adatto però anche ad un pubblico generalista.
L'autore si rivolge ai lettori con uno stile semplice e agevole. Non appare bacchettone, anche se qualche volta forse è fin troppo “preciso”. Un esempio: secondo le regole sugli accenti, la parola «alcuna» si apostrofa davanti ad aggettivi e sostantivi femminili... ma l'esempio «Davide non reagì, nè provò alcun'emozione» suona quantomeno un po' arcaico.
Interessante il capitolo sulla punteggiatura, dove l'autore ricorda che «la libertà nasce dalla conoscenza delle regole». Molti hanno dubbi sulla giusta posizione delle virgole all'interno delle frasi... E si sa che una virgola nel posto sbagliato può addirittura cambiare il senso di un discorso.
Per dirla con la casistica riportata da Montanari:
* I computer che si rompono spesso saranno controllati più frequentemente dai nostri tecnici specializzati
* I computer, che si rompono spesso, saranno controllati più frequentemente dai nostri tecnici specializzati
Nella prima frase si annunciano verifiche soltanto sui computer che si rompono di frequente; nella seconda, invece, si sostiene che tutti i computer si rompono spesso e ci sarà un controllo generalizzato.

Nel terzo capitolo, l'autore analizza i problemi più frequenti con l'uso di congiuntivo e condizionale. In particolare, il congiuntivo, sottolinea Montanari, «viene sistematicamente bistrattato e maltrattato da tutti, anche pubblicamente». E qui fa l'esempio di un politico che dichiarò: «Ritengo che le elezioni anticipate sono l'unica possibilità per salvare il Paese». La forma giusta è invece «Ritengo che siano» e Montanari lo fa notare bollando una frase di questo tipo «una dichiarazione di guerra» al congiuntivo che «da parte di un uomo pubblico è gravissima». Perché il congiuntivo in qualche modo non piace agli italiani? La spiegazione è semplice: da una quarantina d'anni c'è «un'irreversibile tendenza alla semplificazione», con l'italiano parlato che sta invadendo quello standard «anche nei suoi aspetti più “usa e getta”».
Fra le pagine di questo manualetto si possono scoprire curiosità e tanti esempi sull'uso e abuso di virgolette e parentesi, sulle maiuscole, la punteggiatura, gli accenti e su tanti dubbi frequenti, presentati come approfondimenti in speciali box grigi. Uno per tutti: si scrive «noi sogniamo» o «noi sognamo»? Non è una questione di trascrizione della lingua parlata ma di logica: la desinenza della prima persona plurale è sempre “-iamo”, quindi se si dice «noi amiamo» e «noi bagniamo», bisogna scrivere «noi sogniamo». Montanari ammette che molti grammatici hanno iniziato a tollerare la grafia senza la lettera i... ma lui giudica errato il sopravvento di queste forme rivedute e corrette dei verbi.
L'italiano, insomma, è una lingua viva: è vero che cambia con la società ma tante volte un «Pronto soccorso dell'italiano» può aiutare ad orientarsi in questa “selva oscura”!

 Yes We Book: guarda l'archivio degli articoli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia