18°

Arte-Cultura

Italia, povertà in crescita

Italia, povertà in crescita
0

Francesco Mannoni

La povertà avanza in tutto il mondo e in modo ancora più preoccupante in Italia. Le ultime rilevazioni dell’Istat parlano di oltre quattro milioni di poveri assoluti nel Belpaese, quadro sconcertante che fornisce situazioni di nuove povertà, di famiglie in condizioni di deprivazione sconfortanti. «La recessione in atto – spiega la professoressa Marina Garbellotti docente di storia moderna all’Università di Verona, autrice di ''Per carità'' (Carocci editore, pag. 187, euro 17,00) in cui analizza attentamente ''Poveri e politiche assistenziali nell’Italia moderna'' – dimostra che l’indigenza non è un fenomeno scomparso e che la mancanza di adeguate politiche in questa direzione si ripercuote pesantemente sulla qualità di vita delle persone».
Considerare però l’indigenza in relazione alla penuria di beni materiali è una lettura riduttiva del problema.
Perché? La povertà non risponde solo a dati oggettivi, ma è una costruzione sociale soggetta a variabili temporali, territoriali e soprattutto culturali. La povertà c’è sempre stata, e forse bisognerà interrogarsi sulla figura dei poveri, e sulle politiche che sono approntate per far fronte a queste categorie, alcune delle quali sono scomparse. Pensiamo ad esempio alle donne considerate povere nell’onore: le attenzioni per la preservazione delle virtù non esistono più perché questo aspetto della femminilità ha perso valore e significato. E’ quasi scomparsa anche la piaga dei ragazzini abbandonati a se stessi. Il fenomeno dell’esposizione è diminuito notevolmente per via dell’assistenza dedicata alla maternità in tutti i suoi aspetti.
Ci sono somiglianze e diversità fra i poveri di ieri e quelli di oggi?
Debbo dire che tendo a trovare più somiglianze che diversità fra le figure dei poveri attuali e quelli che popolano il mio libro. Penso ai poveri che lavorano e che compaiono nelle cronache. I poveri abili come li chiamano oggi sono la categoria più debole, e sono gli stessi che troviamo nel passato.
Un male endemico quello della povertà?
Direi un dato storico accertato. Il mio studio, a partire dal XVIII secolo, s’inoltra nei secoli dell’età moderna che si presentano come una sorta di laboratorio di tentativi e soluzioni per contenere il numero dei poveri. I poveri però continuano a crescere. E’ un fenomeno al quale si sarebbe dovuto far fronte già tempo fa, non aspettare che questa cifra aumentasse in maniera così allarmante. Invece, stando agli ultimi rilievi, è destinata a crescere ancora.
Perché la povertà aumenta soprattutto in questi ultimi anni?
La povertà cresce in modo esponenziale in questi tempi di crisi perché anche i poveri che hanno un’occupazione hanno un reddito molto basso. In situazioni precarie, a fronte di un aumento del costo della vita senza un aumento del salario, si trovano in estrema difficoltà. In passato la situazione era anche più drammatica perché mancavano degli adeguati ammortizzatori sociali: non esisteva, oltre al concetto di attenzione, un’assicurazione contro gli infortuni e una sanità pubblica. Oggi questi ammortizzatori ci sono, ma forse non sono più sufficienti a garantire quei tenori di vita ai quali c’eravamo abituati negli anni del boom economico.
E questo rende difficile l’accettazione della situazione in cui ristagna l’economia globale?
Oggi siamo meno preparati a fronteggiare la povertà, la cui presenza sembra un fattore ineluttabile in ogni società. Se in passato il tasso di povertà era determinato dalle carestie che talvolta portavano il prezzo di un chilo di pane a quasi il 50 per cento della paga di un salariato, oggi è la crisi economica a gettare sul lastrico milioni di persone. Ma anche se aventi atmosferici e cicloni economici possono diventare quasi una sorta di giustificazione, penso che con strumenti adeguati si potrebbe arrivare a ridurre notevolmente la povertà, se non addirittura a sconfiggerla.
Quali dovrebbero essere gli strumenti adeguati?
Non sono una sociologa ma credo che investire di più sulle politiche sociali, potrebbe dare risposte confortanti. E forse non guasterebbe nemmeno un minimo di rigore. Oggi c’è una corsa al consumismo passata come modello educativo, e non credo che ciò sia utile alla formazione di coscienze più attente alle reali necessità della vita.
La povertà è sempre e solo figlia degli squilibri economici?
No, c’è anche un’idea della povertà, un concetto culturale che è legato a una mancanza di relazioni. Questo valeva in passato e vale oggi. Una persona che arriva da un altro posto, e non ha una rete di relazioni familiari o amicali che la possa sostenere, si trova in maggiore difficoltà. La povertà materiale ha anche una ricaduta sociale: una persona con famiglia che guadagna quel tanto che serve per mantenere i suoi componenti, potrà investire meno sull’istruzione dei figli.
Perché un tempo i poveri erano considerati degli oziosi?
Era passata per oziosa la persona che non aveva un’occupazione. Questa interpretazione comincia a manifestarsi dal Quattrocento in poi con una concomitanza di fattori che sono per lo più legati alla crescita del pauperismo e all’impegno dei governi per il controllo del territorio. Pochi mendicanti non creavano preoccupazione, molti suscitavano paura. La misura più immediata per ridurre la presenza dei poveri provenienti dal contado e da altre realtà urbane consisteva nel bandirli dal territorio. Era una misura di salvaguardia, e un cambiamento dal punto di vista culturale. Si doveva passare da una vita contemplativa a una vita attiva.
In termini sociali, la carità che cos’è realmente?
La carità dovrebbe essere un atto gratuito rivolto a chiunque abbia bisogno, ma in realtà esistono dei parametri per valutare quali siano i poveri meritevoli – se ne parla ancora oggi – per scegliere quali persone devono essere aiutate. Questo dipende anche dalla ristrettezza delle risorse destinate ai poveri.
Per carità - Carocci, pag. 187, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Il Parma torna alla vittoria: 4-1 a Gubbio. E' al secondo posto in classifica

LEGA PRO

Il Parma vince 4-1 a Gubbio e sale al secondo posto Foto

Gol di Calaiò e Nocciolini; autorete dei padroni di casa e infine gol di Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino

Gubbio-Parma

Il Parma ha capito gli errori commessi: il commento di Pacciani Video

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017