Arte-Cultura

Arpino, tenerezza trafitta d'amore

Arpino, tenerezza trafitta d'amore
0

Sergio Caroli

A  venticinque anni dalla morte di Giovanni Arpino (1927-1987) l'editore Aragno pubblica 167 lettere inedite che, fra il 1950 e il 1962, Arpino scrisse a Caterina Brero, prima fidanzata e poi moglie dello scrittore. Traboccanti d’amore e di tenerezza («il mio natale saprà odore di treno e non di te»),  affiora in esse la ricchezza e la complessità dell’uomo dal carattere generoso e ribelle, estroso e schivo attraverso fasi decisive della sua esistenza: dal servizio militare alla paternità, dai viaggi all’attività di romanziere e di giornalista, ai rapporti con gli editori. Vi erompono talora immagini e pensieri balenanti, intrisi di ironia e di autoironia, ma ne emerge anche l’anima di un grande esteta. «I colori di Van Gogh – scrive  il 15 marzo 1952 - hanno perso in mezzo secolo quella lucentezza e quella forza di illuminazione famose in lui. Però è certo che in quel grano nelle pianure di Arles e in quel caffè di notte e in quel rosso di pantaloni dello zuavo francese, tutto quello di me che non è legato alle vigne di Bra o ai pozzi del verderame o al colpo di coda della vacca nel sole, tutto il resto abita dentro quei quadri: e certamente in quel grano ho dormito e visto crescere il sole settanta volte in un’ora».
Sono a colloquio con la signora Brero Arpino e con Giovanni Tesio, ordinario di letteratura italiana presso Università degli Studi del Piemonte Orientale, autore dell’introduzione a «Lettere a Rina» (pp. 388, euro 15).
Signora Brero, perché le lettere di suo marito vengono pubblicate solo oggi?
E’  stato un dilemma lunghissimo, perché sono state scritte quando io avevo diciassette anni e oggi ne ho ottantadue. E’  quindi passato moltissimo tempo.  Sono sempre stata indecisa se pubblicarle o no. Poi ho incontrato dei suoi lettori molto qualificati, come ad esempio il professor Scanzano dell’Università di Roma, che aveva scritto un libro su Arpino. Quando mi incontrava la prima cosa che mi chiede è: «Come era Arpino nell’intimità?». Ho capito che al lettore interessava molto l’umanità di Arpino e allora ho deciso di pubblicarle prima di morire.
  Le è possibile esprimere a parole l’essenza spirituale di suo marito?
Aveva scritto tantissime cose e le aveva tenute per sé. Quindi mi sono trovata vivere con un uomo che era nato con le caratteristiche tipiche dello scrittore.  Era un uomo molto generoso, sia con me che con mio figlio, ma era anche uno spirito libero e molto esigente con gli altri come con se stesso. Ad esempio, non desiderava che lavorassi. Fu la ragione del primo grande attrito fra noi. Io mi ero laureata in scienze naturali, non mi andava di rimanere in casa e ho sempre insegnato. Giovanni dopo molti anni l'ha apprezzato.
Quali doti apprezzava maggiormente negli uomini?
Amava molto la sincerità. Non era facile fare amicizia con Arpino. Io credo che di amici ne abbia avuti pochissimi. Era molto difficile anche sincronizzarsi con la sua vita. Ha ricevuto amicizia nell’ambiente suo. E’ stato molto amato da Vittorini, da Sereni e poi da altri scrittori.
Prediligeva l’attività di romanziere oppure quella di giornalista?
Giovanni è un grandissimo giornalista. Infatti quando io rileggo le sue pagine, resto sempre dell’idea che sia di una grandezza unica. Come romanziere – ha scritto tredici romanzi – ci teneva moltissimo a questa produzione. Ma non si è mai espresso in proposito. Diceva: «quando io scrivo scrivo». Però io, come moglie, ho sempre apprezzato moltissimo i suoi scritti giornalistici. Era letto da tutti.
Professor Tesio, che rapporti ebbe con Arpino?
Non sono stato «amico»  di Arpino, nemmeno l’avrei osato. Ma so che ha avuto stima di me e me l’ha anche dimostrato.
Parlando del loro bimbo, Arpino scrive alla moglie: «Non cominciamo a peccare per quel che riguarda Masino. Non dissociamoci da quelli che sono - anche se beato e piccolo, non lo sa - i suoi problemi. Non creiamoci davanti a lui, figure diverse da quelle che l’istinto lo spinge a credere». Si può parlare di Arpino «educatore d’istinto»?
Se per «d’istinto» si vuol dire senza troppe mediazioni di pedagogie applicate, credo proprio di sì. Non so se Arpino possa essere considerato un educatore, di certo può essere considerato un moralista, in senso classico. Allo stesso modo può essere considerato un uomo capace di ascolto e di accoglienza. Non a caso ha tenuto a battesimo molti giovani che gli si sono rivolti.
«La coscienza – scrive in una lettera - è una brutta cosa, specie in un paese vigliacco come il nostro». Quali altri difetti o vizi degli italiani lo indispettivano?
L’ipocrisia, la «freddezza di ghiacciolo» che rimprovera a Calvino, l’opportunismo, il trasformismo. E, appunto, la viltà.
«Non sono uno scrittore che si diverte a scrivere». Come interpretare questa formula?
Semplicemente alla maniera di Philip Roth: l’ispirazione è dei dilettanti, gli altri vanno a lavorare. Lui parlava di «forza del cestino».
In una lettera scrive:  «Il succo del cervello di Arnoldo Mondadori in persona è questo: autori ne ho molti (sia cattivi che buoni), gente editorialmente ferrata - tecnicamente e culturalmente - ne ho meno». Cosa intendeva?
Che i libri si fanno anche nelle redazioni. Che occhi propizi possono di molto aiutare. Che un libro nasce da un insieme di energie animate da molta competenza.
Che cosa fa di Arpino uno scrittore e un giornalista sempre attuale?
La sua curiosità inesausta, la sua intuizione dei fatti, la sua abilità a spremerne il succo, la sua disponibilità a cogliere gli attimi, la sua incredibile densità di racconto e di commento.
Lettere a Rina -  Aragno, pag. 389,  15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video