-1°

Arte-Cultura

Isola del dolore e della bellezza

Isola del dolore e della bellezza
0

Ottavio Rossani

Il nuovo libro di Matteo Collura «Sicilia. La fabbrica del mito» è la conclusione di una trilogia dedicata alla sua isola, dalla quale è lontano ormai da quasi 35 anni (vive a Milano) e dalla quale non si è mai liberato. Anzi, ne è talmente impregnato che non può fare a meno di scriverne. I suoi libri sulla Sicilia sono tanti, anzi direi tutti, a cominciare da Associazione indigenti, il romanzo nato da un’inchiesta di cronaca che nel 1979 lo ha rivelato come scrittore (con il riconoscimento di Sciascia e Calvino. La trilogia comprende anche «In Sicilia» (2004) e «L’isola senza ponte» (2007).  Collura si è imposto anche con le eccellenti biografie di Leonardo Sciascia «Il maestro di Regalpetra» (1996) e  di Luigi Piarandello Il gioco delle parti (2010), e con romanzi e reportage storico/letterari, come il bestseller Sicilia sconosciuta (tre edizioni dal 1984). La domanda è: ma allora Collura scrive solo della Sicilia? È solo uno scrittore regionale? Ebbene, no. Quando lo conobbi, nel 1979 e lo intervistai sul suo libro/rivelazione «Associazione indigenti» mi disse «Voglio essere uno scrittore europeo». A ripensarci oggi, devo ammettere che la dimensione di Collura scrittore è in effetti europea, proprio perché si occupa da sempre della Sicilia, del suo mistero e delle sue maschere, dell’estremo rapporto tra vitalismo (ossessione brancatiana per le donne) e morte (la tragedia interpretata in tutte le forme, dalle processioni religiose alle esecuzioni mafiose). E se la Sicilia è «perfetta», è laboratorio d’Italia, è «metafora», la scrittura su questa Sicilia diventa italiana ed europea. Per prima cosa bisogna sottolineare il suo metodo: egli elabora eventi storici e comportamenti, personaggi e segni di follia (la «corda pazza» di Leonardo Sciascia), con una speciale «riscrittura»  di documenti e testi. (Quella «riscrittura»  già praticata da Sciascia).  In fondo Collura non rivela nulla di nuovo sugli eventi  e sui personaggi presi in esame (o, meglio, in ri-esame), ma forgia un ragionamento in forma di racconto (da cui il lettore non riesce a staccarsi fino alla fine), che non rivela ma sembra dare comunque un’illusoria chiarità nella visione delle cose. Non solo: mentre Collura racconta le cose e i pensieri relativi alla tragedia o alla commedia di emblematiche storie siciliane, il lettore si rende conto che comunque non arriverà mai a conquistare il senso razionale di quelle storie. E perché questo? Perché le storie siciliane sono metafore e nello stesso tempo misteri. Che nascono da «miti», e spesso da mitizzazioni. Nel tentativo di indagare e spiegare tali misteri, lo scrittore fa meditazioni, escursioni, fotografie, riprese, disvelando impressionanti sentieri e boschi, pericolosi pendii, orrendi strapiombi, per giungere nello stesso punto dal quale era partito.
 
I misteri siciliani, dunque, restano misteri. Le maschere siciliane restano immobili, come I mostri apotropaici del principe di Palagonia, che sembrano chiari reperti di follia, e invece erano semplici (anzi complicate) fughe salvifiche, in un eccesso scaramantico. E anche tutte le altre storie, tragicomiche o serie, testimoniano eccessi, cinismi o rassegnazioni, senza razionalizzazioni, senza una vera giustificazione umana o storica. Tutto è aleatorio e indimostrato. La «più grande rivoluzionaria che la Sicilia abbia avuto» è Franca Viola, che nel 1965 rifiutò il matrimonio riparatore con il suo sequestratore, sorpreso e umiliato da quel rifiuto. L’aveva rapita per amore, secondo quanto riferì al processo. Ma la giovane donna rivendicò il diritto di essere libera nelle sue scelte di vita. Fu quello l’inizio di un cambiamento di costume che ruppe con tradizioni ataviche e limitative della libertà delle donne. Il mito del «ratto di Proserpina» fu così scalfito definitivamente. Anche se comunque sopravvive nella mente degli uomini che ancora non hanno recepito la portata rivoluzionaria della scelta di Franca Viola, visto che stupri e violenze sulle donne sopravvivono, non solo in Sicilia. E non ci sarà mai chiarezza nella morte di Salvatore Giuliano (tradito dal cugino), che non capì di essere strumentalizzato a fini terroristici da personaggi più scaltri di lui, che lo indussero a sparare sulla folla di Porta della Ginestra (1947). E le storie sono tante: dalla solitaria morte di Bellini abbandonato dai suoi ospiti in una villa parigina, a Cagliostro colto nel suo profilo tragico di falso e di impostore, allo scrittore Vittorini che per sposare la sua amata Rosa Quasimodo (sorella del futuro premio Nobel Salvatore) decise nel 1927 di fare insieme con lei quella «fuitina» rifiutata invece da Franca Viola. Tra i personaggi scandagliati e ri-scoperti da Collura figurano anche  Ippolito Nievo e Enrico Mattei, uccisi forse perché non svelassero pericolose imbrogli; Genco Russo e il suo modo di essere boss mafioso; Pietro Pisani e la sua Real Casa dei Matti di Palermo; eccetera. Se ogni luogo dove si è nati rimane sempre nelle carni e nella mente delle persone («c’è forse in tali memorie qualcosa di aspro e pungente»: l’amato Manzoni, citato in esergo), anche per Collura tale magia allettante o nefasta ha  influito sul sogno fatto in Val Pusterla, quel sogno in cui apparve pungente e trasognante la sua Sicilia, obbligandolo a ricordarla e raccontarla, tra malìa e indignazione, per quell’aspetto «irredimibile» della sua terra che già prima di lui Sciascia, Brancati e Pirandello hanno dipinto con angoscia e amore. Collura si è innestato, con pieno diritto, dentro questa scia letteraria, siciliana, italiana ed europea. 
Sicilia. La fabbrica del mito - Longanesi, pag. 205, 18,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto