17°

Arte-Cultura

Una città delusa ma non vinta

0

Ubaldo Delsante

La Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, nel pubblicare i contributi presentati dai soci durante le sedute del 2011, tenuto conto del carattere monografico di quelli della sezione di Parma, ha optato per raggrupparli in un volume a parte quale supplemento del numero consueto dell’Archivio Storico, dove invece sono stati editi i saggi delle altre sezioni. Il volume (Tip. Riunite Donati, pagine 160) curato da Leonardo Farinelli, comprende, infatti, le relazioni svolte durante il convegno organizzato dal sodalizio il 4 dicembre 2011 sul tema «Parma capoluogo di provincia del Regno d’Italia», incentrate sul nuovo ruolo della città all’indomani dell’Unità d’Italia, non più capitale ma ancora in grado di guidare lo sviluppo economico, sociale e culturale della neonata provincia.
Nella sua presentazione, il presidente emerito della Deputazione, Marco Pellegri, attingendo da una guida di Carlo Malaspina in occasione della visita a Parma di Vittorio Emanuele II nel giugno 1860, nota come il lettore può individuare i temi e i contenuti del volume, dai quali si profila una città delusa, ma non vinta; di una popolazione che, se alle prime difficoltà incontrate, a causa del nuovo regime, può anche provare una certa nostalgia del Ducato, con sano realismo e attingendo ai valori della propria tradizione, cerca e per tappe successive, riesce a trovare, una sua precisa collocazione nel Regno d’Italia.
Il prefetto Luigi Viana, partendo dai dati dei censimenti, che segnano già nel primo decennio dopo l’Unità una diminuzione di abitanti, da 47 e 45 mila con lieve diminuzione anche nel decennio successivo, delinea i contorni del decadimento della situazione economica e sociale della provincia, nonostante i lavori pubblici ordinati dal Comune e gli sforzi delle istituzioni assistenziali. Si aggiunse poi la spogliazione dei palazzi già ducali, i cui arredi e opere d’arte andranno ad ornare altre sedi del nuovo potere sabaudo, a Roma in particolare. Complementari a questo contributo sono le ricerche di Giorgio Sulpizi che si sofferma sull'ordine pubblico a Parma turbato, ma sempre tenuto sotto controllo dalle autorità, dalla presenza di alcuni disertori dell’esercito ducale che non avevano voluto integrarsi nel nuovo ordinamento nazionale. Preoccupava anche la situazione sociale dell’Oltretorrente, ma i fatti che più scossero nel periodo l’opinione pubblica furono gli assassini di Luigi Anviti e il famoso episodio della banda di Bogolese, rimasti fortemente radicati nella memoria collettiva ancora oggi.
Giancarlo Forestieri in poche ma dense pagine compendia le motivazioni che portarono, proprio in coincidenza con l’Unità, alla nascita della Cassa di Risparmio di Parma. L’economia della provincia, basata sull'agricoltura, è notevolmente arretrata e le tecniche di coltivazione sono ancora primitive. La Cassa promuove il risparmio quale prima fase fondamentale di costituzione di un tessuto economico, quindi si pone in una posizione di guida nel lento e faticoso movimento verso la promozione del contesto sociale ed economico soprattutto indirizzando i propri forzi verso la modernizzazione dell’agricoltura. Cornelio Guerci, consigliere e in seguito presidente dell’Istituto, fa venire a Parma l’agronomo e organizzatore Antonio Bizzozero: nascono la Cattedra ambulante, il Consorzio agrario e le Casse rurali, preparando la provincia ad indirizzarsi verso l’economia agroalimentare che la caratterizza tutt'oggi. La Cassa di Risparmio, conclude lo studioso, già un secolo e mezzo fa si è posta dunque come banca di sviluppo evitando di appiattirsi su posizioni statiche di pura «pubblica utilità».
La vita scientifica a Parma è sintetizzata da Mauro Carcelli, che ricorda come già la duchessa Luisa Maria nel 1854, riaprendo l’Università dopo un periodo di chiusura dovuta a motivi politici, decide di dotarla di facoltà scientifiche come medicina e fisico-matematica, nonché di scuole di ostetricia, farmacia e veterinaria con un nutrito numero di docenti. Nel 1859 la cattedra di storia naturale è assegnata a Pellegrino Strobel che, assieme a Gaetano Chierici e Luigi Pigorini, diventerà uno scienziato di livello internazionale. Anche l’Istituto Tecnico, con la scuola di agronomia e agrimensura, di cui fu presidente Camillo Rondani, contribuirà allo sviluppo agrario della provincia.
Note meno liete vengono dalla relazione di Raffaele Virdis che si sofferma su di una gravissima forma di malattia diffusa nelle campagne e dovuta alla scarsa o cattiva alimentazione: la pellagra, che poteva portare anche alla pazzia. Nota e descritta dai medici fin dal Settecento, la pellagra o "mal de la rosa" a causa delle manifestazioni cutanee che provocava, colpì duramente il Parmense fino agli anni Trenta del Novecento inducendo le autorità a promuovere in alcuni comuni degli appositi ambulatori medici e "locande sanitarie", dove i più poveri potevano trovare cibi più sani e nutrienti, come quella di Pellegrino, voluta dal medico locale Pietro Corsini col sostegno, ancora una volta, della Cassa di Risparmio.
Soffermandosi sulle figure di Anna Maria Adorni, Guido Maria Conforti, Agostino Chieppi, Eugenia Picco, Lino Maupas e Andrea Carlo Ferrari e sulla loro azione religiosa, ma anche sociale, rivolta al sostegno degli strati più deboli della popolazione, Tilla Brizzolara si pone una domanda intrigante: Parma, terra di santi o da evangelizzare? La risposta sembra essere che l’azione religiosa nella sua completezza non si esaurisce mai. Restando in tema, Elena Mantelli affronta per sommi capi gli interventi dei vescovi di Parma, da Cantimorri fino a Colli, sulla formazione del proprio clero delineando le istituzioni dei seminari di Berceto e di Parma e illuminando le figure dei prefetti che ne ressero le sorti interpretando gli indirizzi dei rispettivi presuli alla luce degli orientamenti che giungevano dal Vaticano.
Maurizio Palladini apre una pagina poco nota della nostra provincia fornendo notizie sulla nascita delle comunità protestanti di Parma e di Mezzano Inferiore dopo l’Unità. Degli aspetti amministrativi e gestionali del Teatro Regio, con particolare riferimento alle vicende dei proprietari del palchi, o "palchettisti", si occupano Paolo Andrei, Federica Ballucchi e Katia Furlotti i quali anticipano i risultati di un’indagine ad ampio raggio che stanno compiendo in ambito universitario sull'Archivio storico del teatro. Alice Setti, già autrice di un fondamentale studio sul Cimitero della Villetta uscito nel 2010, incentra la sua relazione sulle nuove forme in cui viene inteso il camposanto dopo l’Unità come luogo di memoria storica e artistica. Le novità più evidenti risultano l’applicazione della fotografia nelle lapidi, iniziata verso la fine degli anni Sessanta, e l’uso sempre più generalizzato della lingua italiana anziché del latino nelle epigrafi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia