-2°

Arte-Cultura

"Mario Rinaldi, la Resistenza analizzata senza veli"

"Mario Rinaldi, la Resistenza analizzata senza veli"
0

 Elena Formica

«Vieni fuori», disse Mario all’amico con cui, anche quel giorno, aveva appuntamento alla libreria Fiaccadori. Giuseppe uscì subito. «E’ tuo, fanne quello che vuoi»: rapidamente, con queste parole, Mario gli mise tra le mani un plico. «Ma fai presto. Ho un tumore, sono già morto». Quindici giorni dopo non c’era più.  Giuseppe Massari ricorda così la consegna del romanzo «La bottega di Aldo», l’ultimo di Mario Rinaldi, scomparso cinque  mesi fa all’età di 77 anni, uno dei massimi studiosi della Resistenza nel Parmense. Edito da Diabasis, di cui Massari è socio, il romanzo uscirà tra poche settimane. Rinaldi ci lavorava da anni. In un potente ricordo dell’amico pubblicato sulla rivista «Aurea Parma», Massari precisa, a proposito dell’attività di ricerca svolta da Rinaldi e della sua fondamentale produzione saggistica, ch’egli è stato «analista ma non, per una sua scelta “politica”, storico della Resistenza». 
E aggiunge: «Rinaldi situa il centro di gravità della sua composizione nello svelamento di storie e vicende – anzi delle loro motivazioni – tenute rigorosamente celate e sottotraccia dai molti – e qui il giudizio politico può anche apparire duro e impietoso – che hanno edificato il monumento resistenziale quale narrazione senza ombre e recessi: ascesa mistica della nazione verso intangibili empirei. Semplicemente, furono venti mesi di eroico furore (...)». E poi c’è la narrativa. «''La bottega di Aldo'' - spiega Massari - è il secondo e ultimo romanzo di Mario; in un certo senso è il seguito di ''Boogie Woogie'', anch’esso edito da Diabasis, ambientato nel periodo della lotta partigiana a Neviano degli Arduini, dove Mario era nato. Aldo Monica era il barbiere del paese, un grande appassionato di musica. Suonava la chitarra, i suoi figli sono poi diventati musicisti di valore. Il personaggio di Aldo compare già in ''Boogie Woogie'', dove esprime un giudizio sulla musica di Verdi: ''Ti mette l’angoscia'', diceva». 
Mario Rinaldi – continua Massari – era «un pessimista, ma un pessimista romantico, di un romanticismo epico, foscoliano. O verdiano, come Manrico nel Trovatore. Sì, Mario amava Verdi. La sua passione per il melodramma era contagiosa. Era riuscito ad avvicinare all’opera anche Maurizio Landini, il segretario generale della Fiom, che gli era stato presentato dall’avvocato Centurio Frignani, ex sindaco di San Polo d’Enza». Un dramma mordeva l’anima di Rinaldi, un dramma antico. 
«Da un lato – racconta Massari – Mario viveva nel mito di una madre forte, bella e coraggiosa, Camilla, antifascista e sorella di Giacomo Ferrari ''Arta'', comandante unico delle formazioni partigiane parmensi; dall’altro avvertiva un disagio profondo, incolpevole ma incancellabile, quello di non aver forse voluto bene al padre, Vincenzo, che era segretario comunale a Neviano, una brava persona, ma fascista. E poi c’era l’ammirazione per il fratello ''Toti'', poco più che adolescente in armi, fulgidamente eroico». 
 Nitida, in «Boogie Woogie», brilla la madre quale stella polare. Come ombre inquiete, plasmate però nella materia reale, sorgono in quel primo romanzo alcune importanti figure della Resistenza («Ilio», «Pablo», «Penola», «Nardo» e altri), che Mario aveva conosciuto da bambino, testimone insieme a Camilla di eventi tragici come l’eccidio del Comando Unico a Bosco di Corniglio, nel ’44, e di effimere, sorridenti tregue. Attorno una schiera di personaggi piccoli e veri, ma non per questo minori nel perenne ruotare del mondo attorno al proprio asse obliquo, pericolosamente oscillante tra il bene e il male. La guerra è, per lo scrittore, un «marasma umano». 
Anche la più giusta, se mai possibile, condanna chi l’ha voluta e le sopravvive ad espiarla giorno per giorno. Una desolata saggezza questa di Rinaldi, un’amarezza che scava il cuore. La cifra, per Massari, anche del secondo romanzo, «La bottega di Aldo», che si svolge nel dopoguerra. E che,  senza retorica, mette davanti alle più inconsolabili durezze della vita.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti presenta la candidatura: "Una città dove le persone sono al centro" Diretta

Amministrative 2017

Pizzarotti presenta la candidatura: "Una città dove le persone sono al centro" Diretta

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

14commenti

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

2commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

Stati Uniti

Chelsea Clinton difende Barron, il figlio piccolo di Trump

SOCIETA'

Anniversari

Il frisbee compie sessant'anni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

VENEZIA

Insulto razzista a un giocatore 13enne: rissa fra genitori sugli spalti

1commento

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)