19°

Arte-Cultura

Soneri indaga nei misteri nascosti nel «grande fiume»

Soneri indaga nei misteri nascosti nel «grande fiume»
0

di Giuseppe Marchetti
Imperterrito, Valerio Varesi segue il suo commissario Soneri in  un'altra  avventura, «La casa del comandante» edito come sempre da Frassinelli, e scende con lui in riva al Po. Magico fiume,  magica atmosfera, questa, che ha dato spirito, forma e immagini  a centinaia di racconti e romanzi, e a quella specie di leggenda  delle «strie» e della «leggera» che Alberto Bevilacqua ha magistralmente usato in molte sue pagine di una trentina d'anni fa.  Ma Varesi va ben presto al sodo e comincia a parlare di cadaveri.  Il Po ne nasconde di ogni razza e categoria, suicidi, assassinati,  fucilati, annegati imprudenti, giustiziati ai tempi del Triangolo  Rosso e giovani di ogni fuggiti da chissà dove e finiti tra le acque  limacciose del fiume che tutti li custodisce e li seppellisce.
Ma non per sempre. Accade poi anche che Varesi, innamorato  com'è della propria terra, non esiti a specchiarvisi completamente sino ad una vera e propria visita di luogo in luogo, di  memoria in memoria, di casa in casa. E, se è vero come dice  Varesi, che il suo commissario non si abitua mai al senso di  assurdità che ogni morte porta con sé, è pur vero anche che  questo «habitat» di fiume consente allo scrittore di rimettere in  circolazione tutti o quasi gli elementi del «giallo» tradizionale.  Con una distinzione, però, non di poco conto. Ancora una volta,  infatti, il narratore cammina per luoghi noti, anzi notissimi e  approfitta di nomi che perfettamente conosce, e conosciamo  anche noi. C'è il ristorante di Bruno a Sacca, lo «Stendhal» (una  delle trovate più clamorose degli Anni Cinquanta, quando a  Parma si tenne il famoso convegno su «La Chartreuse» e il suo  autore); c'è l'ex comandante partigiano Manotti morto di solitudine e di vecchiaia; c'è la nebbia che mantiene il buio, gli odori  e le puzze persistenti; ci sono gli argini, i pioppeti; c'è l'Angela che  tra un rimprovero e l'altro accompagna finalmente il suo Soneri  sul Po «presa dalla smania di correre via da ogni situazione per  vivere tutto quello che era possibile nello spazio di una notte»; ci  sono gli ormai famigliari collaboratori del Soneri; e c'è persino  Zavattini in un ritratto «rivolto verso il Po». La storia si dipana  poco alla volta, Varesi è abilissimo nel dosare incontri e scontri,  spesso si nasconde dietro il proprio protagonista un po' sornione  e affamato sempre, altre volte gli scarica addosso l'ira degli agenti  o quella di Capuozzo, o l'angoscia che gli trasmettono le indagini  e gli interrogatori, specialmente quando riguardano le donne e i  giovani. Ma in sostanza l'arte narrativa di Varesi-Soneri è netta,  precisa e calcolata. La Bassa che si intravvede tra queste nebbie è  un canone elegante e carico di allusioni e di inviti anche quando  si riempie di pioggia e sopraggiunge la piena. In questo particolare e straordinario momento di congiuntura negativa,  Varesi colloca una  novità, cioè il fatto che per la prima volta nelle  vicende che racconta Angela viene ad assumere un ruolo di  primo piano. Lei e il Frescaroli. Lei e l'omicidio Guidotti. Lei, il  Nocio e il giro sotto l'acqua fino alle  Vedole per mangiare col  commissario un piatto di rane o di lumache. E' spesso l'Angela  che anticipa o conclude segmenti d'indagini e di sospetti.
 Questo arricchirsi dall'avventura - arricchimento che è tuttavia anche una complicazione - salva «La casa del comandante»  dal configurarsi solo come un romanzo giallo legato ai soliti  stacchi, alle solite alternanze e all'avvicendarsi dei ruoli previsti  dal meccanismo consolidato. Varesi appare qui sempre più consapevole della necessità che le vicende non scivolino mai verso le  soluzioni più scontate, e quindi il ritmo del suo racconto si salva  connaturandosi a esiti sempre più razionali, e al tempo stesso più  imprevedibili della realtà.
La realtà e la storia - quella di ieri e di oggi - risultano alla fine  come gli elementi più solidi e drammatici della vicenda che  Soneri impersona e vive. Lui, il commissario, si troverà davanti  accusati che si considerano prigionieri politici «come i partigiani  che vennero catturati qui nel '44. Adesso come allora il compito è  lo stesso, contro questo Stato borghese»  afferma Consolini. Ma  Soneri non crede più a questo tipo di affermazioni che sanno di  volantini e di indottrinamenti libreschi. Soneri è già lontano e  conta di perdersi nella nebbia della propria umiltà la sua più cara  abitudine, il suo rifugio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze

feste e giovani

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze Gallery

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

3commenti

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Teramo-Parma

lega pro

Teramo vicino al gol in due occasioni: 0-0  Foto

 Le formazioni (Video) - Segui le altre partite (Pordenone e Padova sotto)

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

politica

Primarie Pd: in Emilia alle 12 avevano votano in 100.450. Parma: le foto dai seggi

musica e cultura

A Parma l'opera scende in piazza (per riqualificare l'Oltretorrente)

L'idea di una soprano islandese

1commento

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

2commenti

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

4commenti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

1commento

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

2commenti

parma

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

1commento

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Lutto

Addio a Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

controlli

Autovelox e autodetector: la "mappa" della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

BOLZANO

Alpinismo: Ueli Steck muore sull'Everest

Economia

Chiusa un'impresa su due nei primi 5 anni Video

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula 1

Gp di Russia: vince la Mercedes (di Bottas.) Le due Ferrari sul podio

wembley

Boxe, Joshua sul tetto del mondo. Klitschko ko

MOTORI

Economia

E' Fiesta l'auto piu' venduta d'Europa Video

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento