-2°

10°

Arte-Cultura

Ue, sogno diventato incubo

Ue, sogno diventato incubo
Ricevi gratis le news
0

Christian Stocchi

Ai nostri giorni, Prometeo – scriveva profetico Cioran nei Sillogismi dell’amarezza – sarebbe un deputato dell’opposizione». O forse no. Il titano benefattore dell’umanità, che secondo il mito donò all’uomo il fuoco, le scienze e le arti, sarebbe persino espulso dal Parlamento, colpevole di essere estraneo al pensiero unico dominante, che riduce le scelte della politica alle ragioni dell’economia. Ma oggi nessuno ama assumersi la responsabilità dei sacrifici che richiede.
E allora ecco il tormentone: «Ce lo chiede l’Europa». Ripetuto di continuo: da destra a sinistra. Cantato all’unisono persino nella popolare satira degli «Sgommati», dai pupazzi di Alfano, Bersani, Casini, Monti e Napolitano.
Scelto ora, provocatoriamente, da Luciano Canfora, filologo, storico, firma di punta del «Corriere della Sera», come titolo del suo nuovo libro («È l’Europa che ce lo chiede! Falso!», Laterza, pag. 87, 9 euro), che punta l’indice contro falsi miti e riti infondati, dall’europeismo d’accatto all’idolatria del profitto a ogni costo.
Professor Canfora, qual è il senso di questo luogo comune, che sembra chiudere le porte a qualsiasi possibilità di discussione politica?
Dietro questa frase si cela un enorme equivoco. Un conto è che l’Europa ci chieda qualcosa, un altro è che si debba obbedire. Mai come oggi, di fronte al disagio crescente di larga parte dei cittadini, si percepisce la necessità di ridiscutere vincoli e richieste. Non solo in Italia: probabilmente l’inquietudine francese renderà meno rigida questa gabbia.
Sembra che abbia vinto l’Europa della finanza e abbia perso l’Europa dei popoli.
Non è un caso che oggi si parli sempre più di Eurozona e sempre meno di Unione Europea. Un concetto puramente monetario vince su un’idea politica che non si è mai consolidata. Il fallimento dell’euro è esemplare: una moneta senza Stato, un processo economico senza un radicamento nella realtà.
In un fortunato saggio, Luciano Gallino ha denunciato una nuova lotta di classe, condotta dai ceti dominanti contro i ceti subalterni. Come nota anche lei, si restringono i diritti, crescono le povertà. E ogni scelta politica, specialmente se improntata al rigore, appare necessaria, inevitabile. Indiscutibile.
Le tesi di Gallino, supportate da dati difficilmente contestabili, spiegano bene la realtà in cui viviamo. E la politica è prona al pensiero unico. Le divaricazioni tra i partiti non avvengono più su temi sociali, bensì su questioni etico-individuali. Intanto, le parole cambiano il loro significato e vanno a riplasmare una realtà profondamente deteriorata. D’altra parte, mentre inseguiamo il mito della governabilità, ignoriamo quel che accade intorno a noi: ad esempio, il fatto che il capitalismo trova nella schiavitù una delle condizioni fondamentali del profitto. Come si può constatare anche riguardo all’ecatombe di operai avvenuta in Bangladesh. Impressiona la perdita della coscienza di classe, della consapevolezza di una condizione comune: così si generano i nuovi schiavi.
Che responsabilità hanno i mezzi di comunicazione?
Enormi. L’opinione pubblica viene plasmata dal coro compatto dei media.
La rete , d’altra parte, ha aperto nuove frontiere.
Ma resta un fenomeno marginale. Si pensi alla scarsa capacità di mobilitazione del Movimento Cinque Stelle quando ha consultato i suoi iscritti riguardo all’elezione del presidente della Repubblica: a che titolo circa 48mila persone avrebbero dovuto incoronare Rodotà?
A proposito di Grillo e del suo movimento...
Un bluff. Non durerà a lungo. Il caso Parma, con le evidenti difficoltà dell’attuale amministrazione, è significativo.
In un contesto complessivo così difficile, qual è lo stato di salute della scuola e dell’università?
Pessimo. I salari dei professori sono bassi, la considerazione sociale modesta, le strutture e le risorse insufficienti.
Anche la formazione dei docenti, che avrebbe dovuto segnare una svolta nella costruzione della scuola del futuro, resta un cantiere aperto. Le polemiche sui Tfa, i tirocini che consentono di ottenere l’abilitazione all’insegnamento, lo confermano.
Quanto è accaduto l’anno scorso è qualcosa di molto grave. I quiz dei test d’ingresso erano indegni: puramente nozionistici, pieni di strafalcioni. Ma non è finita qui. Alla fine del suo mandato, il ministro Profumo, con il suo consueto stile democristiano, ha deciso di firmare la sanatoria dei Tfa speciali, corsi riservati a chi possiede tre anni di anzianità di servizio. Tutto questo in barba a ogni logica di programmazione e a qualsiasi criterio realmente fondato sul merito.
Ma quando è cominciato, a suo giudizio, il deterioramento della scuola e dell’università?
L’inizio della fine coincide con le riforme di Berlinguer nella seconda metà degli anni Novanta. La logica di fondo era sostanzialmente quella di abbassare il livello per aumentare il numero di laureati. Ne ha fatto le spese la qualità dell’istruzione. Letale è stata poi l’azione del ministro Gelmini, che ha tagliato senza alcun criterio e ha aggiunto anche diverse scelte improvvide come la marginalizzazione della geografia. Ecco, volendo fare un confronto storico, si potrebbe tracciare un parallelo con due personaggi decisivi per la fine dell’Impero romano d’Occidente.
Quali?
Berlinguer ricorda Massimino il Trace, l’imperatore che segnò l’inizio della decadenza. Maria Stella Gelmini, invece, Attila, il re degli Unni, che, invadendo l’Italia, assestò il colpo di grazia all’Impero. Il danno, insomma, è grave. Riprendersi sarà un’impresa.
E' l'Europa che ce lo chiede! Falso! - Laterza, pag. 87, euro 9,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luca Guadagnino

Luca Guadagnino

cinema

Oscar: quattro nomination per il film di Luca Guadagnino

Ascolti tv: Romanzo Famigliare vince ancora, L'isola dei famosi debutta con il 25% di share

TELEVISIONE

Ascolti tv: Romanzo Famigliare vince ancora, L'isola dei famosi debutta con il 25% di share

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

gran bretagna

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

NOSTRE INIZIATIVE

Domani lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

1commento

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

4commenti

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

3commenti

chiozzola

Sorprendono il ladro in cortile. Il sindaco: "Cittadini, ingrassate le navette"

4commenti

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

1commento

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

polemica

Eramo: "Sulla sicurezza la giunta non si auto-assolva: mancano scelte coraggiose"

"Perché non avete chiesto ai vigili di fermare i consumatori di droga?"

1commento

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

1commento

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

SORBOLO

Parma-Brescello: bus sostitutivi fino a fine estate

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

IL VINO

Gin Mi e Gin Ti, semplicemente «miti» per distillati d'autore

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Politica

Grillo separa il suo blog dal M5S: "Parliamo di futuro"

MILANO

Il pm chiede la confisca della casa di Fabrizio Corona

SPORT

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

tv parma

Le pagelle in dialetto di Cremonese-Parma Video

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video