22°

34°

Arte-Cultura

Delvaux, poesia del mistero

Delvaux, poesia del mistero
0

Pier Paolo Mendogni

La lunga vita di Paul Delvaux (1897 – 1994) tra la fine degli anni Venti e l’inizio dei Trenta è stata traumatizzata da un cocente dramma interiore che ha sconvolto anche la sua arte, portandolo verso un surrealismo poetico del tutto personale, che si discosta dalle teorie espresse nel «Manifesto» di André Breton del 1924. «Paul Delvaux – ha scritto Emile Langui - non ha più vissuto tra noi, ma in un mondo che lui stesso si è creato pezzo per pezzo». E la straordinaria mostra, ricca di capolavori, in corso alla Fondazione Magnani Rocca (fino al 30 giugno) – realizzata in collaborazione col Museo d’Ixelles e col contributo della Fondazione Cariparma e di Cariparma Crédit Agricole – documenta in modo esemplare la lunga vicenda del pittore belga e i suoi rapporti con gli altri artisti che più l’hanno interessato, come viene evidenziato nel titolo «Delvaux e il Surrealismo. Un enigma tra De Chirico, Magritte, Ernst, Man Ray». Il curatore Stefano Roffi – cui si deve pure il catalogo della Silvana Editoriale contenente anche un saggio di Arturo Carlo Quintavalle – è riuscito a raccogliere ben ottanta opere e quelle del protagonista vanno dal 1920 al 1974: un ampio arco temporale che consente di cogliere i diversi passaggi stilistici e tematici. Nato in una famiglia agiata – il padre era un noto avvocato – Paul François Ernest è stato notevolmente influenzato dalla madre Laure, soprano dal carattere forte e protettivo. A Bruxelles, dove la famiglia si era trasferita, durante gli studi di greco e latino si è appassionato alla mitologia e ha iniziato a disegnare mostrando un precoce talento cosicché a 19 anni si è iscritto alla facoltà di Architettura.
La sua passione però era la pittura e all’Accademia prendeva quella strada, studiando soprattutto la natura e il paesaggio che nei primi lavori esposti affronta in termini impressionistici (La source de l’Empereur) e postimpressionistici (Le chemin vers Rouge-Cloître). Un particolare interesse gli suscitavano le stazioni coi compatti vagoni che si riempiono di merci e lo sferragliare ansimante delle fumanti vaporiere. Lo stesso tema lo riprenderà negli anni Cinquanta quando il corposo realismo si astrae in una silente notturna «Solitude» (1955) mentre la ragazza nuda in primo piano che volge le spalle al tram che corre in un’atmosfera senza tempo allude al passato ormai perduto. Un passato che si fa onirico (1975) nella vecchia locomotiva musealizzata, seppur sbuffante, in un giardino popolato di ragazze nude dai corpi di un acerbo pruriginoso erotismo alla Balthus e dallo sguardo assorto e straniante. Nel 1929 conosceva Anne Marie de Marteleare, da lui chiamata Tam e ritratta seduta compuntamente in un ambiente castamente raggelato. La loro relazione veniva fortemente ostacolata dalla madre e Paul la lasciava iniziando però ad inseguire la «donna» sulla tela: dapprima nella sua prorompente fisicità («Jeune Femme nue» 1930) poi nella pienezza di una giovanile sensualità che la gente guarda con occhi diversi (riprovazione, curiosità, ostentata indifferenza, golosità) nell’intrigante «Venus endormie» (1932). 
La svolta decisiva avveniva nel ’34 allorché visitando la mostra «Minotaure» conosceva le opere di De Chirico, Dalí, Magritte, Ernst, rimanendone affascinato, e qui riproposte con «Le chasseur» di Ernst, le acute «reinterpretazioni» fotografiche dei surrealisti di Man Ray, lo straniante e misterioso «Visage du genie» di Magritte, il classicheggiante «Enigma della partenza» di De Chirico. Da questo momento Delvaux ha liberato i suoi sogni, le sue represse pulsioni verso il mondo femminile con una fantasia che supera i confini del reale senza però aderire alla casualità inconscia dei  surrealisti. «Per me – ha dichiarato – la cosa che mi interessa è l’accostamento di elementi differenti che non hanno alcun rapporto tra loro ma che, per una qualche associazione, provocano uno choc poetico». E della metafisica di De Chirico è rimasto colpito non dai soggetti, ritenuti troppo letterari, ma dalla «straordinaria poesia del silenzio». E in un poetico silenzio è avvolta la giovane donna distesa il cui sogno (Le Rêve) si materializza in una sottile inquietudine: un turbamento che si riflette nella difficoltà di comunicazione delle «Dames en dentelles», le «Femmes aux Salon» e altri disegni. Sempre negli anni Trenta la visita al Musée Spitzner, dove sono esposti scheletri e modelli di organi deformi, gli ha ispirato una serie di disegni che hanno per protagonisti gli scheletri che eseguono danze macabre, duelli e che negli anni Cinquanta li troviamo usati in soggetti religiosi come il grande olio della discussa, tormentata «Crocifissione» dove il dramma è acuito dalla presenza degli scuri elmi metallici dei soldati.
Ma il tema principale delle sue opere resta sempre la donna, sogno ossessivo. Si sposa nel 1937 con Suzanne Purnal ma il matrimonio naufraga presto. Divorzia nel 1949 e ritrova il primo amore, Tam che sposa nel ’52. Negli stessi anni ha cominciato a viaggiare e le sue visite in Italia a Firenze, Roma e Napoli si riflettono nel paesaggio in cui ambienta le sue donne splendide in un’astratta incomunicabilità. Il Quattrocento toscano con le sue scandite architetture fa da sfondo alle «Femmes nues» (1944); un colonnato classicheggiante col Vesuvio sullo sfondo ritma la studiata gestualità delle «Courtisanes»;  su un incantevole palcoscenico che si prolunga sul mare, tra antiche colonne dove il tempo si è trasformato in magia, due giovanette nude «dialogano» («Le Dialogue» 1974) senza parlare né guardarsi: poesia suprema di mistero. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

2commenti

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Siccità mai così grave dal 1878

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

vacanze

A1, traffico intenso tra Piacenza-Fidenza. Ad Aulla sull'Autocisa la coda ora è di 7 km

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

1commento

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

3commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

fiamme gialle

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

cina

Frana, 141 persone sepolte vive

Lutto

E' morto il giurista Stefano Rodotà

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...