18°

Arte-Cultura

Za e le faccine dei suoi amici

Za e le faccine dei suoi amici
0

 di Manuela Bartolotti

Qui si vede la bravura, la capacità di sintesi, di concentrazione, di delineare il proprio essere e la propria attitudine pit-
torica in punta di pennino o di pennello. Si tratta dei 152 minimi autoritratti d’artisti della Raccolta Zavattini posseduti dalla Pinacoteca di Brera a Milano e ora esposti nella singolare mostra «A tutti i pittori ho chiesto l’autoritratto» a cura di Marina Gargiulo, sempre a Brera, fino all’8 settembre. Sono una briciola significativa della cospicua collezione di 1500 pezzi messa insieme dall’eclettico Cesare Zavattini nella sua casa romana dal 1940 al 1976.Sono rappresentati tutti i maestri del ‘900, tutti convinti dall’amicizia e dalla stima a prestarsi alla prova del formato ridottissimo, ovvero due quadretti in qualsiasi materiale e tecnica, di misura 8 x 10 cm., di cui uno necessariamente autoritratto. Alcuni anni fa era già stata fatta a Pieve di Cento un’analoga rassegna sulle minuscole opere della raccolta zavattiniana, ma il pregio di quest’ultima è quello di consegnarci le immagini dei volti degli artisti, quindi è non solo una sfida nel piccolo, ma nel “piccolo sé”. E’ inevitabile la necessità di raccogliere il condensato energetico della propria cifra pittorica, che sia contraddistinta da una capacità descrittiva quasi fiamminga (Annigoni, De Chirico, Leonor Fini, Marino Mazzacurati, Mario Radice, Diego Rivera, Gregorio Sciltian) o dalla sintesi sperimentale, cubista, astratta, surreale, come nel caso di Fontana, Tano Festa, Alberto Magnelli, Bruno Munari, Zoran Music, Claudio Parmiggiani, Mimmo Rotella, Giovanni Scheiwiller, Gillo Dorfles, Alberto Burri. Non è stato facile per artisti di forte impatto materico e ormai abituati alle grandi dimensioni come ad esempio Afro o Campigli, restringersi e rendere corporeità ed espressione in un perimetro tanto ridotto. Tuttavia emergono con forza come camei d’intensa auto-analisi psicologica, i ritratti di Carrà, Mafai, Manzù, Enrico Paolucci, Gregorio Sciltian, Mario Sironi, Ardengo Soffici, mentre sfociano dalla corposità cromatica espressionista i volti carichi d’inquietudine di Vedova, Pirandello, Morlotti, Marino Marini. E’ come sfogliare una raccolta di figurine di pregio dei grandi pittori, dove per ognuno la piccola dimensione costringe all’attenzione puntuale, a carpire la modalità espressiva, il messaggio poetico, non meno dell’interiorità e non meno che se queste caratteristiche fossero proposte in opere di formato standard. Anzi. Nel perspicace ingegno di Zavattini non c’era solo la volontà di avere una traccia dei maestri del ‘900, non solo di costringerli o stuzzicarli con il cimento miniaturistico, ma vi era forse anche il progetto di un corteo di volti trasfigurati e parlanti, una schiera di presenze in un’unica stanza a comporre il puzzle un po’surreale della vita, dell’ispirazione creativa, in un’opera omnia fantastica e concepibile solo dalla sua mente proteiforme, ironica e spavalda. Tutti insieme, come tanti fotogrammi, tanti pixels – se si volessero comporre con le tecniche informatiche – costruirebbero il suo ritratto, le sfaccettature della sua esistenza tra arte, letteratura, cinema. Perché ognuno di questi pittori ha avuto un rapporto più o meno stretto con lui, ha subito il suo fascino. E così ha lasciato non un semplice quadretto, ma un pezzo ‘e core, non un’opera autocelebrativa e autoreferenziale (come a volte può essere il ritratto), ma un dono e una confidenza riservata a chi sa e vuole guardare, stringendo gli occhi e aprendo la sensibilità all’ascolto non solo dell’arte, ma dell’umanità.C’è quindi anche qualcosa di pedagogico in questa idea e in questa mostra, insito nello sforzo di avvicinarsi, di fermarsi, d’entrare in uno spazio minimo fisicamente, quanto immenso creativamente. E’ della saggezza orientale soffermarsi sui dettagli, assecondare il breve, il piccolo, percorrere con lo sguardo non la magnificenza del grande, ma l’imperscrutabile linea che, in pochi centimetri, conduce all’anima, rivelandola nel tratto disegnato o nello sguardo concentrato, carpito da sé a sé. Zavattini aveva questa capacità, insieme a quella d’indagare e scoprire i talenti ai margini, ancora vergini seppur dirompenti (Antonio Ligabue, Rovesti, Nerone). Il motore di tutto quanto ha realizzato era la sua insaziabile curiosità.Possiamo allora capire come alla fine - o all’inizio di questa esposizione - l’artista che ultimo mette la firma sia proprio l’irripetibile Za. Tra gli altri autoritratti c’è infatti anche il suo, ironico e giocoso, quasi patafisico, in stile Baj. Grazie poi a Skira, tutte queste opere sono ingrandite e rese per sempre accessibili e fruibili da tutti in un catalogo che è come una storia dell’arte del ‘900 italiano, per immagini, per autori. Alla fine del percorso, sembrerà di aver visto un film, sceneggiato e diretto dal geniale Cesare Zavattini. Un piccolo grande capolavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

4commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

3commenti

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

usa

Sparatoria in un night a Cincinnati, un morto e 15 feriti Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017