21°

33°

Arte-Cultura

1913, quando Parma scoprì il calcio

1913, quando Parma scoprì il calcio
Ricevi gratis le news
0

Giorgio Gandolfi
Fu un certo Ciano Ricotti ad indossare per primo la maglia a croce e a dire: «Se la nostra squadra un giorno si farà onore, noi saremo chiamati i Crociati». Anche perché all’esordio ufficiale sul duro e sassoso terreno di Piazza d’Armi, adibita alle esercitazioni militari dei soldati provenienti dalla vicina Cittadella, la squadra del Lento Club indossò una divisa blu con scacchi gialli. Quella originale è stata ritrovata dal figlio di Leone Uluhogian, ancora in ottime condizioni, ben custodita in una cassetta d’epoca con la barra centrale della croce che gira in continuità lateralmente. Un cimelio storico che ben figura in questi giorni del Centenario. A proposito di date: per essere precisi ce ne sono tre, quella del 27 luglio 1913, nascita del Verdi Football club; 28 settembre 1913, manifestazione per il centenario di Verdi con il torneo calcistico Coppa Verdi;  infine 16 dicembre sempre dello stesso anno con la nascita del Parma Fc che prende il posto del Verdi Fc, con maglia bianca e croce sul petto.
Per la Federcalcio la data ufficiale è quella del 27 luglio. Ce n'è comunque per ogni gusto. Come mai quella maglia, si chiederanno i più giovani appassionati di calcio nostrano ma la risposta non è semplice. Furono due personaggi molto importanti ad idearla, così raccontano le cronache dei tempi, vale a dire Ugo Betti, prima calciatore e poi famoso commediografo e l’ing. Torquato Rossini di cui parliamo ampiamente a parte. Due intellettuali che facevano galoppare la loro fantasia mescolandola coi miti, appunto i crociati e che si riallacciarono alla tradizione parmigiana. Memori di alcune immagini rimbalzate dal calcio inglese e riguardanti il Nottingham, città venutaci cara nella giovinezza grazie ai libri di Walter Scott e del suo leggendario Robin Hood e la foresta di Sherwood, «inventarono» la maglia crociata che nel 1928 sarebbe stata indossata anche dall’Inter (con la croce rossa) e riproposta alcuni anni fa con le inevitabili polemiche da parte degli avversari di turno, i turchi del Fenerbahce secondo i quali la divisa ricordava il simbolo dei templari, loro storici nemici. In realtà la croce è quella di San Giorgio,  che è venerato anche dai musulmani come il «profeta», divenuto protettore dell’Inghilterra e che figura in tanti stemmi comunali, a cominciare da Parma per finire a quello di Genova. Lo stemma di Parma risale al Mille anche se successivamente la croce fu affiancata dal Torello (del podestà pavese Torello Da Strada). Infine la croce azzurra in campo giallo. Come a dire che hanno ragione i fautori del gialloblù  e dei crociati. E questo vale anche per la Sampdoria.
La storia del calcio a Parma inizia già nel 1912 quando il Lento Club Ciclistico di Colorno invia una lettera al Comune di Parma nel quale si chiede l’autorizzazione «per un convegno interprovinciale di ciclismo con gare di fanfara e di football con intendimento altamente patriottico e per affratellare i giovani delle varie regioni». Firma il presidente Antonio Tagliavini. Nel 1912 in Piazza d’Armi la prima sfida fra Pro Verdi e Juventus di Salsomaggiore, caldo afoso, 34 gradi «un pallone ripetutamente afflosciatosi - scrive la ''Gazzetta''  - e dunque rigonfiato, un’invasione di campo da parte dei 37 spettatori e un gol a favore dei salsesi». Giocavano Rossini I, Casalotti, Rossini II, Bosi, Furlotti, Ramacca, Ghini, Lisoni, Fadiga, Rossini III, Ghini. Poi Ramacca divenne portiere e quando scattò la Coppa Verdi in porta c'era lui nel torneo disputato domenica 28 settembre 1913 in Piazza d’Armi e annunciato dal quotidiano «il Presente» in prima pagina con le varie formazioni, Reggio, Modena, Bologna, Brescia, Cremonese e Parma subito impegnato nel derby in quattro riprese.
Nella prima fase i giocatori con la maglia a scacchi gialloblù di Parma e i violetti di Reggio non riescono a segnare. Nel finale il gol di Accorsi su passaggio di Ghini poi il pareggio dei reggiani su rigore e il gol della vittoria del Reggio nel primo derby ufficiale di una lunga storia. Le vicende del campo furono romanzesche per i poveri appassionati di «foot-ball» perché li ritroviamo dopo sei anni sempre impegnati nel braccio di ferro col Comune per l’affitto di un pezzo di terreno. Così il 30 settembre del 1919, la guerra è ancora nel cuore e nelle menti della gente, Rhaul Violi, sempre lui, si accordò col Comune per avere il sospirato fazzoletto di terra "nei prati ex Marchi lungo il viale Umberto I, delle dimensioni di m. 140 per 106 e così complessivamente di mq. 148, 40 ad ovest dell’area attualmente occupata con catasta di legno di proprietà dell’Autorità militare, alle seguenti condizioni: a) appena rimossa la catasta di legno dall’Autorità militare , il Parma Foot Ball Club dovrà, a sua cura e spese, spostare il proprio campo da gioco impiantandolo sull'area stessa; b) l’affitto è fatto pel canone annuo di lire 360 da pagarsi alla Cassa Comunale per semestri anticipati; c) La concessione si intende, per parte del Comune, revocabile ad nutum col preavviso di un mese; per cui, in caso di vendita dei terreni, il Club dovrà restituire entro tale termine l’area occupata, facendosi luogo, da parte del Comune, alla sola restituzione del rateo di affitto pagato; d) agli effetti della registrazione, si intende il presente contratto duraturo da oggi sino al 31 dicembre 1920». Le firme sono dell’assessore Ettore Borsari e del Prefetto. Evidentemente un contratto capestro, d’altronde prendere o lasciare. L’area era praticamente quella fra il Petitot e la Cittadella.
Fra poco comunque ci sarà l’intervento dell’avvocato Ennio Tardini e la storia prenderà un’altra strada, esattamente quella attuale. Violi fu importante nella fase pionieristica, Tardini lo era di più a livello politico. Lo Stadio Tardini, venne realizzato dall’architetto Ettore Leoni, dopo che il premio per il concorso del progetto era stato vinto da Anton Atanasio Soldati che divenne caposcuola dell’astrattismo geometrico e da Riccardo Bartolomasi,  futuro progettista (1927) dell’Asilo-Monumento ai Caduti in guerra di San Lazzaro Parmense. Venne a costare la bellezza di 337 mila lire, 140 mila il terreno, le tribune 70 mila lire. Naturalmente occorre fare un rapporto col valore della lira nell’epoca. Comunque il dado era tratto. Con lo stadio ci sarebbe stato lo spareggio con la Novese per la promozione in prima Divisione, l’equivalente della serie A, ripartita in due gironi. E l’esordio dei crociati sarebbe avvenuto con la Juventus, proprio come si verificò col Parma di Scala esattamente sessantacinque anni dopo...
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima breve telefonata con mamma (Diana)"

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox: i controlli della settimana

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

2commenti

Lealtrenotizie

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, ho perso la testa e l'ho ammazzata»

Fraore

Black out programmato. Ma nessuno lo sapeva

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

QUI PINZOLO

Bongiovanni: «Alleno il Parma a tavola»

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

Lutto

Alberto Greci, una vita per il museo Lombardi

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

MILANO

Sala: "Il Pd ha sbagliato a non dare credito a Pizzarotti. Forse con lui bisognava dialogare prima"

Il sindaco di Parma alla Festa dell'Unità a Milano si schiera con Gori sullìimmigrazione: "Lo Stato faccia di più"

1commento

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Giorno, debutto con gol: "Pronto a dare tutto" Video - Le prossime amichevoli (guarda) 

meteo

Il caldo intenso sta per finire, arriva aria fresca

Piogge e temporali al Nord.Centro-sud,calo termico di 8-10 gradi

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

varano

Incidente a Scarampi: ferito un motociclista

incidenti

Auto contromano in via Capelluti, frontale: ferita una donna

1commento

via Mantova

Ignoti danno fuoco alla rete della casa cantoniera

1commento

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

1commento

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

degrado

Venezia: e ora i turisti si tuffano (anche) dal ponte di Calatrava

SPORT

ATLETICA

Under 20, Scotti d'oro nella 4x400

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

1commento

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori