-5°

Arte-Cultura

Bacchini, l'Oscar con tutte le liriche

Bacchini, l'Oscar con tutte le liriche
0

di Giuseppe Marchetti

Non è senza emozione che anche noi frequentatori di poesia da almeno cinquant'anni, prendiamo in mano l'Oscar Mondadori  di Pier Luigi Bacchini, «Poesie 1954-2013», curato da Alberto Bertoni con un apparato bibliografico molto puntuale opera di Camillo Bacchini affettuoso interprete del padre. 
Non è senza emozione che scorriamo titoli e pagine: un giorno per calcolare quanto ancora restava da suggerire ad un certo Novecento che giungeva  alla metà della sua strada, e ora, invece, per cercare di capire  dove questa strada ci ha condotti, e perché siamo giunti sino a qui,  e dove ancora saremo se il viaggio continuerà. «Le mie  poesie iniziano con felicità, con gioia» - scrive il poeta. Non  sempre però fu così. In fondo a questo volume dove s'annidano  «Prime e ultime», cioè le scelte da «Dal silenzio d'un nulla» e  da «Canti familiari» (1954 e 1968) i testi hanno soprattutto una vibrazione drammatica, contenuta, sofferta: «Ho la guerra in me / e riporto sconfitta; / non ho pugno serrato, / la vita sospinge, è autunno».
 Ma poi, mano a mano che ci si addentra nelle raccolte successive,  quello che porteranno Bacchini a concepirsi «un pesce nel ventre  di mia madre / nel buio», in una perenne «gestazione» che coincide  con la volontà di nascere al mondo per toccare «combinazioni d'infinitesimi equilibri verso l'ultima forma» - siamo in «Distanze fioriture» (1981) - l'Io delle prime raccolte si stempera in un più  argomentato universo sul perimetro del quale il poeta osserva appunto il moto d'infiniti astri, sassi, fiori, metope arcaiche, pianeti, pulsioni di acque e terre, di giardini e di cuori: il tutto unito a tratti da un fremito funebre: «Morte. Nel silenzio della farmacia ogni sostanza / è disposta  aloé, nelle scansie, vasi / in penombra, dosature. Veleni e chiavi». Si preparavano i contatti con «Visi e foglie» ('93, Premio Viareggio) ricercando una voce altra: «Qui ha voce il pianeta. / I raggi di rifrazione / nell'acqua», e gli uccelli e i fiori dentro quella «destrutturazione»; come la definisce Bertoni, che culminerà strano a dirsi, nel romanzo «Ultima passeggiata nel parco» ('03) dove Guido e Carla trovano un antefatto esplicito nell'archetipo romanzesco degli «Indifferenti»  di Moravia - suggerisce ancora  Bertoni, scantonando  così vistosamente dalle regole dell'Officina parmigiana dominata da Bertolucci. E qui la strada si biforca: «Guardo la mia mano, divenuta un po' nodosa, / un po' dolente. Il tuo  volto di morta, / pallido, nell'ombra. Un quadro / di defunte corolle, non odorose. Tra poco / accenderemo il fuoco, come fosse inverno». 
E' il paesaggio ibseniano di Bacchini, il suo Nord, è la regione  della solitudine che si spacca in due territori, in due fasi di «Scritture vegetali» ('99) là dove appaiono  le carie delle ossa vicino al «succo amaranto del mosto», mentre «il vento porta odori di camini spenti». Rifugiato in campagna e in casa, Pier Luigi si immerge  nella propria piccola «urna d'acqua», come immaginava Ungaretti, e vi riposa in un grande affresco che non ha più nulla di sentimentale, e che anzi si contempla finito - giusto  in tempo per la resa - col suo angusto regno di memoria, ma contemporaneamente  liberato dei sotterfugi del lirismo e del compianto.
 Un nuovo poeta, dunque, quasi un personaggio degli antichi e nobili «dialoghi» cinquecenteschi: «Qui vennero persone che profondamente / sapevano  delle distanze degli astri, / e nutrivano il problema della conoscenza / ma discorrevano con tranquillità e una certa allegria. / Ne vado orgoglioso, / erano venute a trovarmi, e la loro allegria non era  che un adattamento alla vita». Qui si tocca il nucleo di una nuova consapevolezza. Siamo alla fine del secolo e del millennio, il poeta percepisce il proprio luogo naturale («Quando ero  albero») e il suo essere creatura soffre di una forma elementare  di paganità: «Gli angeli / immagino che siano vicini ai vegetali / nella loro freschezza»: una forma che lo seduce e lo lascia stranito. Nelle «Contemplazioni» del 2005 tale forza appare poi meravigliosamente  risarcita in effetti e metafore: «Attendo l'ottobre che ha il suono appena percettibile / delle sue spoliazioni. / Giorni  di malattia. / Di quello che con tanta lentezza ho pensato / mi rimane una confusa immagine del divino. / Forse ho scritto parole che  valgono qualcosa, / - la mia poesia specola del pianeta; / ma fra tutto preferisco l'incoscienza giovanile, / quelle nuotate al largo  grandi onde / il mio corpo cioè, / quando ero immortale». 
E Bacchini  fa seguire il nome, il nome magico, che ancora lo conforta, Lucrezio, con il suo universo che si espande segnato di volta in volta in quel «taccuino» che egli porta con sé «da consegnare forse ad altri». 
Proprio questa estrema virtù della poesia segna il ritmo  dei «Canti territoriali» ('09) dedicati al figlio e dunque innestati  nella volontà di quella consegna prima annunciata. 
Noi stessi, che  abbiamo accompagnato il poeta dalla metà dello scorso secolo a  oggi, dal lirismo fermo degli inizi alla contemplazione della «tremenda concretezza del mondo», dalla vaghezza degli indici scientifici delle parole e delle immagini alla «messa in moto» del presente più che mai inquieto, noi stessi adesso avvertiamo,  oltre l'usura degli anni, l'eredità di questa poesia  incessantemente erede di se stessa, chiamata a testimoniare per vocazione alla vita e alla «stagione la meno dolente / d'oscuramenti e di crisi», come scriveva Cardarelli, in grazia di una memoria che non si è mai arresa. 
Poesie 1954-2013Mondadori, pag. 366,  18,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

10commenti

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

3commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

2commenti

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

3commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

4commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta