15°

Arte-Cultura

Bacchini, l'Oscar con tutte le liriche

Bacchini, l'Oscar con tutte le liriche
0

di Giuseppe Marchetti

Non è senza emozione che anche noi frequentatori di poesia da almeno cinquant'anni, prendiamo in mano l'Oscar Mondadori  di Pier Luigi Bacchini, «Poesie 1954-2013», curato da Alberto Bertoni con un apparato bibliografico molto puntuale opera di Camillo Bacchini affettuoso interprete del padre. 
Non è senza emozione che scorriamo titoli e pagine: un giorno per calcolare quanto ancora restava da suggerire ad un certo Novecento che giungeva  alla metà della sua strada, e ora, invece, per cercare di capire  dove questa strada ci ha condotti, e perché siamo giunti sino a qui,  e dove ancora saremo se il viaggio continuerà. «Le mie  poesie iniziano con felicità, con gioia» - scrive il poeta. Non  sempre però fu così. In fondo a questo volume dove s'annidano  «Prime e ultime», cioè le scelte da «Dal silenzio d'un nulla» e  da «Canti familiari» (1954 e 1968) i testi hanno soprattutto una vibrazione drammatica, contenuta, sofferta: «Ho la guerra in me / e riporto sconfitta; / non ho pugno serrato, / la vita sospinge, è autunno».
 Ma poi, mano a mano che ci si addentra nelle raccolte successive,  quello che porteranno Bacchini a concepirsi «un pesce nel ventre  di mia madre / nel buio», in una perenne «gestazione» che coincide  con la volontà di nascere al mondo per toccare «combinazioni d'infinitesimi equilibri verso l'ultima forma» - siamo in «Distanze fioriture» (1981) - l'Io delle prime raccolte si stempera in un più  argomentato universo sul perimetro del quale il poeta osserva appunto il moto d'infiniti astri, sassi, fiori, metope arcaiche, pianeti, pulsioni di acque e terre, di giardini e di cuori: il tutto unito a tratti da un fremito funebre: «Morte. Nel silenzio della farmacia ogni sostanza / è disposta  aloé, nelle scansie, vasi / in penombra, dosature. Veleni e chiavi». Si preparavano i contatti con «Visi e foglie» ('93, Premio Viareggio) ricercando una voce altra: «Qui ha voce il pianeta. / I raggi di rifrazione / nell'acqua», e gli uccelli e i fiori dentro quella «destrutturazione»; come la definisce Bertoni, che culminerà strano a dirsi, nel romanzo «Ultima passeggiata nel parco» ('03) dove Guido e Carla trovano un antefatto esplicito nell'archetipo romanzesco degli «Indifferenti»  di Moravia - suggerisce ancora  Bertoni, scantonando  così vistosamente dalle regole dell'Officina parmigiana dominata da Bertolucci. E qui la strada si biforca: «Guardo la mia mano, divenuta un po' nodosa, / un po' dolente. Il tuo  volto di morta, / pallido, nell'ombra. Un quadro / di defunte corolle, non odorose. Tra poco / accenderemo il fuoco, come fosse inverno». 
E' il paesaggio ibseniano di Bacchini, il suo Nord, è la regione  della solitudine che si spacca in due territori, in due fasi di «Scritture vegetali» ('99) là dove appaiono  le carie delle ossa vicino al «succo amaranto del mosto», mentre «il vento porta odori di camini spenti». Rifugiato in campagna e in casa, Pier Luigi si immerge  nella propria piccola «urna d'acqua», come immaginava Ungaretti, e vi riposa in un grande affresco che non ha più nulla di sentimentale, e che anzi si contempla finito - giusto  in tempo per la resa - col suo angusto regno di memoria, ma contemporaneamente  liberato dei sotterfugi del lirismo e del compianto.
 Un nuovo poeta, dunque, quasi un personaggio degli antichi e nobili «dialoghi» cinquecenteschi: «Qui vennero persone che profondamente / sapevano  delle distanze degli astri, / e nutrivano il problema della conoscenza / ma discorrevano con tranquillità e una certa allegria. / Ne vado orgoglioso, / erano venute a trovarmi, e la loro allegria non era  che un adattamento alla vita». Qui si tocca il nucleo di una nuova consapevolezza. Siamo alla fine del secolo e del millennio, il poeta percepisce il proprio luogo naturale («Quando ero  albero») e il suo essere creatura soffre di una forma elementare  di paganità: «Gli angeli / immagino che siano vicini ai vegetali / nella loro freschezza»: una forma che lo seduce e lo lascia stranito. Nelle «Contemplazioni» del 2005 tale forza appare poi meravigliosamente  risarcita in effetti e metafore: «Attendo l'ottobre che ha il suono appena percettibile / delle sue spoliazioni. / Giorni  di malattia. / Di quello che con tanta lentezza ho pensato / mi rimane una confusa immagine del divino. / Forse ho scritto parole che  valgono qualcosa, / - la mia poesia specola del pianeta; / ma fra tutto preferisco l'incoscienza giovanile, / quelle nuotate al largo  grandi onde / il mio corpo cioè, / quando ero immortale». 
E Bacchini  fa seguire il nome, il nome magico, che ancora lo conforta, Lucrezio, con il suo universo che si espande segnato di volta in volta in quel «taccuino» che egli porta con sé «da consegnare forse ad altri». 
Proprio questa estrema virtù della poesia segna il ritmo  dei «Canti territoriali» ('09) dedicati al figlio e dunque innestati  nella volontà di quella consegna prima annunciata. 
Noi stessi, che  abbiamo accompagnato il poeta dalla metà dello scorso secolo a  oggi, dal lirismo fermo degli inizi alla contemplazione della «tremenda concretezza del mondo», dalla vaghezza degli indici scientifici delle parole e delle immagini alla «messa in moto» del presente più che mai inquieto, noi stessi adesso avvertiamo,  oltre l'usura degli anni, l'eredità di questa poesia  incessantemente erede di se stessa, chiamata a testimoniare per vocazione alla vita e alla «stagione la meno dolente / d'oscuramenti e di crisi», come scriveva Cardarelli, in grazia di una memoria che non si è mai arresa. 
Poesie 1954-2013Mondadori, pag. 366,  18,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv