19°

Arte-Cultura

Guareschi e "il Piave mormorò..."

Guareschi e "il Piave mormorò..."
0

Egidio Bandini
A sentirla nominare, la data, in chi ha i capelli bianchi, qualcosa evoca ancora. Ai ragazzi, ai giovani, ai trentenni, dice nulla, o poco più. 24 maggio: l’entrata in guerra dell’Italia contro l’impero Austro-ungarico, nel 1915. «Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio dei primi fanti il 24 maggio...».  Un tempo era festa nazionale, ma dal 1956 è stata abolita e pure l’altra data riferita alla grande guerra, il 4 novembre, oggi è la «Giornata dell’Unità Nazionale» e, in second’ordine «Festa delle Forze Armate». Della vittoria, di quella guerra che restituì Vittorio Veneto al nostro Paese, nessuno parla più. Eppure il Piave era il «fiume sacro»: Trento, Trieste, Ala, Monfalcone, Avio erano le località per le quali l’Italia si batteva attraversando il Piave «...per raggiunger la frontiera per far contro al nemico una barriera...».
 Oggi rimane poco o niente di quella memoria, di quella canzone che, tutti lo ricorderanno, aveva commosso alle lacrime il battagliero Peppone nel suo comizio contro le guerre e aveva fatto piangere anche don Camillo, che dagli altoparlanti della chiesa sparava le note del «Piave» sulla piazza.
Su «Candido» numero 23 del 1956, Giovannino Guareschi scriveva, a proposito di quella «Canzone del Piave»: «Mormorò anche dopo quel 24 maggio. A ogni 24 maggio noi lo udimmo mormorare, lo udimmo raccontare la patetica storia. Ma adesso l’ha finita di mormorare: la Repubblica gli ha tolto la parola perché, a conti fatti, quella del 24 maggio è risultata una data aggressiva. Il calendario segna in rosso ancora la data del 4 novembre, ma, o non si pronuncia approfittando del fatto che, quest’anno, il 4 novembre cade in domenica, oppure si limita a spiegare che si tratta della Giornata dell’Unità Nazionale. Hai finito di raccontarci la tua patetica storia, o vecchio Piave, fra le musiche e le bandiere del 24 maggio. Oggi anche il 24 maggio è un “ex” perché il fante di cui racconta la tua canzone, il povero fante che, alla fine della guerra vittoriosa veniva liquidato con un taglio d’abito e un fazzoletto giallo recante impressa la carta geografica d’Italia, e se ne tornava a casa a lavorare senza neppur sognarsi di pretendere qualcosa d’altro, è un superatissimo. [...] o vecchio Piave, che un tempo, fosti il fiume sacro. Oggi il fiume sacro non sei più tu e non lo è neppure Il biondo Tevere che, sotto sotto, puzza di impero e di quadrate legioni. Il fiume sacro è un altro. Galleggiano su quelle acque, il cadavere dell’Agricoltura italiana, il cadavere dell’Italia di Vittorio Veneto, il cadavere dell’Economia nazionale, il cadaveruccio dell’Onestà. Fra i gorghi di quelle acque limacciose si dibattono disperatamente l’Iniziativa Privata, la Libertà di Stampa, la Libertà di Parola. Seduti sull'una e su l’opposta sponda del fiume cupo gli uni contro gli altri armati (di lenza), gli uomini di parte nera e gli uomini di parte rossa, pescano nell’acqua torbida e si buttano in faccia le porcherie uncinate dall’amo, conservando invece i pesci grassi che poi vanno a mangiare assieme in Trastevere. Questo è il fiume sacro dell’Italia dei politicanti: l’acqua torbida puzza di sangue e di petrolio e il suo nome è Cloaca Massima. Il fiume sacro scorre fra l’Italia ufficiale e l’Italia reale: di lì non passa lo straniero. E lo straniero siamo noi, gli italiani dell’Italia reale. Cosa possono le nostre barchette di carta contro le massicce galere dell’Italia ufficiale? Addio, vecchio Piave: ti salutiamo noi, profittatori della guerra 15-18 perché, con la stoffa del pacco di nostro padre, ci facemmo il primo vestito nuovo. Ma non ci soffiammo mai il naso col fazzoletto giallo recante impressa la carta d’Italia, perché ci pareva dì commettere un sacrilegio».  Era il 24 maggio 1956, o è il 24 maggio 2013?
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

4commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Incidente mortale a San Secondo: muore un automobilista

parmense

Incidente a San Secondo: muore un automobilista

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

5commenti

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

borgotaro

Oggi i funerali di Danilo Savani

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

CALCIO

Buffon a quota 1000

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

LEGA PRO

Parma, Ferrari: "Crediamo nei play-off, servono nuovi stimoli" Video

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

2commenti

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

8commenti

Via Cavagnari

Ragazzino morsicato da un cane: scoppia una lite violenta

2commenti

foto dei lettori

"Scene di ordinaria... stazione: la sosta che blocca decine di bus" Foto

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Regno Unito

Attacco al Parlamento di Londra: 7 arresti in tutto il Paese

Protesta

Oggi sciopero nazionale dei taxi. Uber: "Decreto deludente"

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

PGN

In campo con la Polisportiva gioco

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano