19°

30°

Arte-Cultura

Stupefacente pittore

Stupefacente pittore
Ricevi gratis le news
0

Di Pier Paolo Mendogni

L'anno dedicato ad Antonio Allegri da Correggio, illuminato dalla straordinaria mostra ancora in corso e dal convegno internazionale di studi conclusosi con brillanti risultati, riserva agli amanti dell’arte e della bellezza una eccezionale sorpresa, dovuta all’iniziativa di Cariparma Crédit Agricole: uno splendido volume su «Correggio e le sue cupole», progettato con raffinata eleganza da Franco Maria Ricci, curato da Laura Casalis, che ha valorizzato le limpide fotografie di Carlo Vannini, e stampato col consueto nitore dalle Grafiche Step. Verrà presentato domani  alle ore 18,30 nell’Auditorium del Carmine. Il grande pregio di questa pubblicazione, riccamente illustrata, è che raccoglie il meglio di quanto è stato scritto sulla Camera della badessa del monastero di San Paolo, sulla cupola di San Giovanni Evangelista e sulla cupola del Duomo dal Vasari ai nostri giorni: una vasta antologia dei più autorevoli studiosi curata da Anna Maria Anversa e introdotta da Lucia Fornari Schianchi e da una guida iconografica per ognuno dei tre monumenti dovuta a Pier Paolo Mendogni (San Paolo), Giuseppe M. Toscano (San Giovanni), Alfredo Bianchi (Duomo). Completano il panorama alcune curiose testimonianze di viaggiatori e scrittori (da Ortensio Landi a Stendhal, Ruskin, Verdi, Arbasino) e una cronologia ragionata. Si ha così una panoramica ampia e variegata delle emozioni, delle riflessioni, degli entusiasmi, delle reazioni che i capolavori correggeschi hanno suscitato nel corso dei secoli; dei brani lirici che hanno ispirato; delle interpretazioni illuminanti o svianti, ma sempre brillantemente sostenute. Indubbiamente nei giudizi hanno influito nel passato le condizioni delle opere e la loro leggibilità. Annibale Carracci (1580) è rimasto entusiasta della cupola del Duomo «io rimasi stupefatto a vedere una così gran macchina, così ben intesa ogni cosa, così ben veduta di sotto in su con si gran rigore ma sempre con tanto giudizio e con tanta grazia, con un colorito ch’è di vera carne». Due secoli dopo Edward Gibbon osserva sconsolato che «non si vedono che colori sbiaditi, contorni confusi, figure imperfette. Ci vogliono occhi acuti e molto prevenuti per vedervi ancora il pennello di quel grande maestro». Ma per Stendhal «la cupola della Cattedrale di Parma è sicuramente la più bella di tutte le cupole dipinte prima e dopo di lei, anche se talmente rovinata che a fatica se ne distinguono le figure». Se si eccettuano Vasari, Mengs, Affò e pochi altri, gli storici dell’arte di cui si riportano i giudizi risalgono al secolo scorso e soprattutto alla seconda metà quando gli affreschi erano già stati oggetto di restauro e illuminati artificialmente così da potere essere chiaramente visibili e qui documentati impeccabilmente dalle immagini. Il Mengs, arrivato a Parma (1774) piuttosto scettico, è «rimasto innamorato avendo trovato cose di molto superiori alla mia gran prevenzione per il meraviglioso Correggio. Sono salito due volte a vedere da vicino le pitture della cupola, e mi sono consolato, osservando che non erano tanto rovinate, come paiono dal basso». E’ il primo che dopo due secoli e mezzo di clausura può entrare nella Camera di San Paolo a vedere i dipinti dell’Allegri «eseguiti nello stesso modo di quelli di Raffaello: il che sempre più mi persuade che il Correggio studiasse le opere greche, ed abbia veduto Roma». Roberto Longhi è rimasto incantato dalla «sovrana eleganza tra intellettuale e arcadica, venatoria e conviviale di cui non è altro esempio paragonabile nel nostro Rinascimento». I tentativi di dare una spiegazione al programma iconografico cripticamente espresso con le immagini è iniziato con Arnaldo Barilli (1906) seguito da altri studiosi come Panofsky molti dei quali, però, nelle loro interpretazioni non hanno tenuto conto del fondamentale legame con la religione cristiana delle figure dipinte in un monastero. Anche la cupola di San Giovanni continua ad essere talvolta male interpretata nonostante la chiara e documentata spiegazione di padre Toscano (Cristo viene a prendere l’Evangelista morente). Roberto Tassi ne ha colto l’altissima poesia: «Nelle teste degli apostoli quel modo di aprire la forma, di fonderla col colore, si fa massimo: sembrano blocchi possenti di roccia trapunti di luce guizzante, inteneriti d’ombre lievi, passati d’aria: come se un Monet avesse voluto premere le sue suggestioni più profonde di natura su un volto sacro». Immagini di un intenso fascino che trovano un’eco pure per la cupola del Duomo, l’opera più emozionante e innovativa del Correggio che incuriosì talmente Cristina di Svezia da affrontare i 120 ripidi gradini per vederla da vicino e constatare che i bordi marmorei non erano in rilievo ma dipinti.
E la vorticosa Assunzione della Vergine con la sua illusionistica teatralità continua a incantare e sconcertare toccando la sensibilità di storici dell’arte e uomini di cultura le cui riflessioni, assai diverse quando non contrastanti, poste a confronto conferiscono alla avvincente pubblicazione un tocco di intrigante sapidità. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

America si infuria con Phelps, gara squalo 'truffa'

il caso

L'America s'infuria con Phelps: la gara con lo squalo è una "truffa" Video

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

concorso

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima telefonata con mamma Diana" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

parma

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

Il padre accusato di abbandono di minore

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, io ho perso la testa»

Nuove rivelazioni dell'ex fidanzato

3commenti

anteprima gazzetta

Pusher, la città adesso chiede risposte

3commenti

MERCATO

Dezi e Insigne jr, doppio colpo del Parma

1commento

tg parma

Rapina un'anziana sul treno durante la sosta a Parma: arrestato Video

Aveva anche molestato altri viaggiatori e spaventato tutti azionando il freno d'emergenza

3commenti

langhirano

Un "dolce" Festival del Prosciutto: arriva Ernst Knam Foto

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

46commenti

Fraore

Black-out programmato. Ma nessuno lo sapeva

1commento

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

fontevivo

Schianto tra furgone e bicicletta: un ferito

UN MACEDONE

Ricercato per condanna a Parma, arrestato al confine a Trieste

INTERVISTA

Bonatti, utili triplicati e maxi-commessa in Egitto

Intervista al presidente Paolo Ghirelli: il 90% dei ricavi (saliti a 800 milioni) all'estero. E il portafoglioordini sale a 1,4 miliardi di euro

tortiano

Vede scappare i ladri sull'auto della cliente. Ora il lieto fine

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

8commenti

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

2commenti

RUGBY

Ufficiale: le Zebre tornano «federali»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

LONDRA

I genitori di Charlie si arrendono, "Vai con gli angeli" Video

torino

Assalti ai bancomat, presi i banditi mascherati da Trump Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Cassano: "Mia moglie ha sbagliato, mi ritiro"

PARMA CALCIO

Open Day femminile il 2 agosto

SOCIETA'

FRANCIA

Il leader degli U2 Bono ricevuto da Macron Video

il caso

Bibbia in ebraico, Verde respinge le accuse di Klaus Davi

MOTORI

BMW

Serie 2 Coupé e Cabrio, debutta il restyling

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori