Arte-Cultura

America, nuove emozioni

America, nuove emozioni
0

di Edda Lavezzini Stagno
Palazzo delle Esposizioni di Roma, di scena l’arte newyorkese. La mostra «Empire State. Arte a New York oggi» presenta al pubblico venticinque artisti che i due curatori, Alex Gardenfeld e Sir Norman Rosenthal, hanno selezionato nell’arco di tre anni visitando 150 studi. Sono artisti di diverse generazioni, alcuni emergenti, altri affermati, ma ognuno di loro presentato in modo approfondito anche grazie ai lavori esposti per la prima volta e alcuni addirittura realizzati per l’occasione. La mostra in corso in via Nazionale fino al 21 luglio è imponente, e nel complesso colpisce la nuova forma estetica lontana dai canoni creativi di matrice europea. Ma diciamo subito che «Empire State. Arte a New York oggi» non è una mostra di facile lettura. Occorre partire dal titolo che richiama, non a caso, la città americana come sede di ricchezza e risorse dello stato, considerata da George Washington la sede dell’impero. Inoltre il riferimento è all’inno hip-hop creato nel 2009 dal re del rap Jay-Z, e «Empire State» può essere considerata la risposta del XXI secolo al celebre ciclo pittorico «The Course of Empire» di Thomas Cole, un artista americano nato in Inghilterra che con le tele realizzate a New York tra il 1833 e il 1836, raffigura l’ascesa e il declino di una città immaginaria situata, proprio come Manhattan, alla foce di un bacino fluviale. Oggi nell’esposizione romana si leggono allegorie simili per illustrare le trasformazioni socio-economiche degli Stati Uniti e le loro ripercussioni sul ruolo, la fiducia in sé e la distribuzione del potere nella nazione. La rassegna si apre al centro della Rotonda del Palazzo delle Esposizioni con l’opera di Keith Edmier che più di tutte lega l’Empire State all’antico Impero Romano. Si tratta di una scultura alta sei metri, larga e profonda quattro, che rappresenta un ciborio, un baldacchino costruito sull’altare, un portale e allo stesso tempo un reliquiario personale. Quest’opera, Penn Station Ciborium, accomuna due stazioni ferroviarie ormai distrutte: l’antica stazione Termini della Capitale, edificata sopra le Terme di Diocleziano e demolita nel 1937, e la Pennsylvania Station, pietra miliare della mitologia newyorkese. Progettata da McKim, Mead & White, realizzata nel 1910, all’apice della rivoluzione industriale americana, la «Penn Station» era un capolavoro di architettura neoclassica d’impronta romana che attestava il ruolo di New York quale capitale culturale e commerciale del Nuovo Mondo. Demolita nel 1963, al culmine della smania newyorkese per la «modernità», sopravvive nell’immaginario collettivo come testimonianza perduta di un impero passato e futuro. Vale la pena di soffermarsi su Penn Station Ciborium per descrivere alcuni dettagli piuttosto significativi: sotto i piedi del visitatore l’artista ha posto un tratto di binario proveniente dalla Penn Station originale, e alla base delle colonne Edmier ha abbarbicato grappoli di ostriche in resina, simbolo di un mollusco una volta molto diffuso nelle acque di New York, oggi decimato dall’inquinamento, simbolo dunque del declino. Gli artisti dell’ambiziosa rassegna, attraverso quadri, sculture, fotografie, video e installazioni, esaminano il ruolo di New York nel contesto globale. Rob Pruit presenta sculture cromate di dinosauri che fissano iperrealistiche nature morte raffiguranti montagne di spazzatura. Il percorso prosegue con tre opere di Jeff Koons, della serie Antiquity nei quali l’artista, manifestando il suo interesse nei confronti del classicismo e della mitologia greca e romana, raffigura statue riconducibili ad Afrodite, dea dell’amore, molestata da Pan, dio dal piede caprino. Julian Schnabel ha scansionato una serie di pannelli di carta da parati della metà dell’Ottocento francese ingrandendo le immagini e stampandole su poliestere. Le nature morte di Takeshi Murata, realizzate con strategie classiche, rappresentano oggetti contemporanei, dall’auricolare iPod, a vermetti gommosi, a tastiere elettroniche, oggetti appartenenti a quel sistema dei consumi che ha caratterizzato Murata e la sua generazione. Si legge nel catalogo SKIRA ricco di testi scritti da esperti di fama internazionale, che Murata non chiede al pubblico di capire, ma chiede che le sue opere siano osservate e contemplate. Una tecnica, questa, che può rivelarsi di grande aiuto nel visitare una mostra che racconta una città dove immagini e simboli diventano icone universali.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti