22°

32°

Arte-Cultura

Più cultura per star meglio

Più cultura per star meglio
Ricevi gratis le news
0

Christian Stocchi

Chi ha detto che con la cultura non si mangia? Giulio Tremonti a parte, naturalmente. Ricorderete le sue parole di qualche anno fa, così come le polemiche che ne erano seguite. Va, d’altra parte, rilevato che molti esponenti della nostra classe dirigente, per quanto non lo affermino in modo netto, sembrano esserne piuttosto convinti. Almeno considerando le politiche degli ultimi anni e i peccati di omissione. Come il silenzio, pressoché unanime, sulla cultura nella recente campagna per le elezioni politiche. Peraltro, i numeri dimostrano il contrario: «La cultura si mangia!», come sostengono, fin dal titolo di un loro recente saggio, Bruno Arpaia e Pietro Greco.
La tesi di fondo è supportata dai dati: i Paesi che investono di più in cultura hanno un notevole ritorno in termini di crescita e di Pil. Lasciando da parte gli Stati Uniti, si possono portare esempi forse meno noti ma certamente altrettanto significativi: in Corea del Sud l’industria culturale vale il 15% del Pil, senza contare il 25-30% rappresentato dall’industria hi-tech.
Ma che cosa si intende per cultura? Industria culturale, ricerca e sviluppo tecnologico (da sola rappresenta il 30% del Pil mondiale), formazione (classificazione di Umberto Eco). Vanno poi abbattuti alcuni luoghi comuni: la classifica sul patrimonio culturale censito dall’Unesco vede in testa l’Italia, ma con il 4,75%, non il 75% che si sente spesso citare. Non solo: la storia del «made in Italy» come eccellenza inarrivabile va ridimensionata. Tradotto: siamo in declino anche qui. Secondo una classifica mondiale stilata nel Duemila, abbiamo fatto molti passi indietro rispetto all’inizio del Novecento: persino nel settore del lusso, dove siamo stati a lungo leader indiscussi.
Morale: gli altri avanzano, mentre noi arranchiamo, dimenticando di essere ormai pienamente immersi nell’economia della conoscenza. Se in Asia si investe molto in formazione, ricerca e sviluppo, «l’Europa predica bene, ma razzola male». Basti pensare alla strategia di Lisbona (2002), quando si pensava di raggiungere l’obiettivo del 3% del Pil per l’investimento in ricerca entro il 2010. Si partiva dall’1,9%. Sfida miseramente fallita. Insomma, l’Europa sembra arrancare, anche se non rinuncia a rilanciare la sfida della ricerca e a scommettere su progetti innovativi nel campo della creatività. Peraltro, nel Vecchio continente, ci sono città che, puntando sulla cultura, hanno cambiato il loro volto e la loro storia. Ad esempio, Bilbao, che si è rilanciata nel segno dell’architettura contemporanea. E l’Italia? Che cosa deve fare per valorizzare meglio le sue potenzialità? Secondo gli autori, lo Stato deve farsi parte attiva nella promozione della cultura. Occorre soprattutto sostenere giovani laureati e ricercatori, «la classe creativa»; investire nell’impresa ad alto contenuto tecnologico; evocare «una domanda di beni e servizi ad alta tecnologia e servizi ad alto tasso di conoscenza aggiunta»; favorire la nascita di città e regioni che puntino sull’innovazione. Serve una mentalità nuova e si deve, tra l’altro, riscoprire le potenzialità dei beni culturali e la centralità delle idee, sostenere la fruizione culturale, tagliare la burocrazia in quest’ambito. Le proposte non mancano, insomma. Occorre che la politica batta un colpo. Prima che sia troppo tardi.
La cultura si mangia! - Guanda, pag. 176, euro 12,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti