10°

22°

Arte-Cultura

Quando il Reinach cambiò volto

Quando il Reinach cambiò volto
0

CRISTINA LUCCHINI

Nell’aprile 1913 il teatro Reinach concluse il suo primo ciclo di vita. Cleofonte Campanini, che era da poco diventato proprietario, decise una completa ristrutturazione dell’interno, mantenendo inalterato l’involucro esterno. L’edificio era stato costruito negli anni tra il 1867 e il 1871 su disegno dell’architetto Pancrazio Soncini e con un finanziamento del banchiere tedesco Oscar Reinach. In seguito alla generosa offerta, il banchiere poté fregiarsi del titolo nobiliare di barone e il teatro prese il suo nome. Il nuovo politeama sorse presso la Pilotta, sull'area della distrutta chiesa di San Pietro martire e a lato all’ex palazzo Ducale. La struttura aveva una capienza di 1500 posti: contava quattro ordini di palchi, incluso il loggione, mentre la platea era attrezzata con panche mobili per consentire all’impianto di ospitare le più svariate rappresentazioni.
Il Reinach fu, com'è stato scritto, "una specie di alter ego più domestico del Regio". Sul suo palcoscenico passarono spettacoli di ogni tipo: opere, operette, concerti, commedie, tragedie, recite in dialetto, proiezioni cinematografiche, nonché serate con illusionisti, saltimbanchi e maghi. Occorre inoltre ricordare almeno due avvenimenti speciali. Il 6 marzo 1910 Gabriele D’Annunzio tenne al Reinach la conferenza "Per il dominio dei cieli" alla presenza di un pubblico foltissimo. Il 21 giugno 1911 il teatro ospitò una memorabile serata futurista con la partecipazione di esponenti di spicco del movimento quali Marinetti, Carrà, Boccioni, Russolo e Pratella. 
Colpito dai bombardamenti del 13 maggio 1944, il Reinach fu poi completamente demolito. Della sua prima versione (quella di Soncini) restano alcune foto d’epoca e un disegno acquarellato del progettista che mostra una piacevole facciata neoclassica. Qualche scatto fotografico ne rivela gli interni caratterizzati dall’impiego di strutture metalliche e dall’adozione di un apparato formale del tutto privo di enfasi decorativa. L’elemento più interessante doveva essere la tettoia piramidale con serramenti in ferro e vetro scorrevoli, posta a copertura della platea e schermata da un velario in tela. 
L’unica nota di colore era data dal sipario in stoffa, opera dello scenografo Girolamo Magnani. Per il resto tutta la sala era connotata da tinte chiarissime, tanto che il teatro passò alla cronaca come "candido politeama". Tale candore e rigore geometrico sembrava quasi anticipare il raffinato protorazionalismo della Vienna primo Novecento.
 Una curiosità: nel giardino adiacente ad alcuni locali del piano terra fu creato, nel 1877, un teatrino all’aperto da utilizzare nella stagione estiva. Il teatro del giardino, usato anche per spettacoli di marionette, comprendeva il sipario in tela, una scena, le quinte e i relativi panneggiamenti, il tutto dipinto dal Magnani.
Nel 1886 l’interno del Reinach, così all’avanguardia, venne profondamente mutato con l’introduzione di sfarzosi ornati pittorici eseguiti da Enrico Terzi che segnavano decisamente un passo indietro. Il successivo intervento del 1913, più che un restauro, si rivelò una pesante trasformazione che finì per alterare completamente il primitivo progetto di Soncini. Tutto l’interno venne abbattuto, modificate le scale, abbassato il piano della platea, rifatto il palcoscenico. Ricorrendo a una struttura in ferro, si eliminarono i palchi di seconda e terza fila per realizzare una loggia a gradoni in grado di ospitare un maggior numero di spettatori. Un grappolo di lampade con globi in vetro colorato sostituì il lucernario di cui si è detto in precedenza. Anche l’atrio venne ricostruito come pure caffè, fumoir, servizi igienici. 
I tempi di realizzazione del progetto elaborato dall’ingegnere Alessandro Fontana furono strettissimi in quanto bisognava riaprire in occasione delle celebrazioni per il primo centenario verdiano. E così fu. L’inaugurazione del rinnovato teatro Reinach si tenne la sera dell’8 ottobre 1913 con una rappresentazione del "Rigoletto" diretta dallo stesso Cleofonte Campanini. Il Reinach si presentò al pubblico adorno di luci, di specchi e di decori, ma alcune imperfezioni all’interno della sala saltarono subito agli occhi, come le molte colonne che disturbavano la visuale degli spettatori. Pochi anni dopo sopraggiunse la guerra e nel 1919 la morte prematura del maestro Campanini. 
Durante il periodo fascista il teatro cambiò nome e venne intitolato a Paganini. Cambiarono anche i proprietari che divennero i fratelli Bergonzi di Piacenza. Quando l’edificio andò distrutto in seguito ai bombardamenti si propose più volte la ricostruzione. Negli anni Sessanta del Novecento fu indetto un concorso a inviti per trovare un’idonea soluzione progettuale e ancora nel 1985 Federico Zeri parlava di ricostruire il teatro, segno evidente che non si era affatto persa la memoria di questo luogo. La sistemazione di piazzale della Pace secondo il progetto Botta pose fine ad ogni velleità di rifacimento e il politeama Reinach-Paganini appartiene ormai definitivamente alla Parma che non c'è più.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'abbraccio di Samuele Bersani

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

Anno 2016

Emilia-Romagna, distretti industriali in crescita. I salumi di Parma tra i migliori

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

3commenti

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

3commenti

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

2commenti

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

cinema

Morto Jonathan Demme, il regista del "Silenzio degli Innocenti"

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

TECNOLOGIA

Smartphone, i giovani italiani sono meno "dipendenti" in Europa

SPORT

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport