18°

28°

Arte-Cultura

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"
0

Anna Ceruti Burgio
Quest’anno ricorre il 150° della nascita di Gabriele D’Annunzio, il Vate d’Italia, che tra la fine dell’Ottocento e
 l’inizio del Novecento caratterizzò la letteratura, la vita pubblica, la politica e il costume. Poeta, scrittore, combattente, diede inizio al mito del superuomo, che ebbe conseguenze poi nel formarsi del fascismo.
 D’Annunzio, nella sua vita turbolenta e movimentata, venne a contatto con vari personaggi della nostra città, e in particolare col musicista Ildebrando Pizzetti e con lo scultore traversetolese Renato Brozzi. Con Pizzetti ebbe oltre all’amicizia una intensa collaborazione artistica, iniziata nel 1905 con «La Nave», continuata in seguito
con «I Pastori» e con la «Fedra» trovando il punto più alto con «La Pisanella».
 Pizzetti ha raccontato le vicende inerenti la frequentazione col Vate descrivendoci i particolari dei loro incontri alla Capponcina, a Marina di Pisa e ad Arcachon. D’Annunzio nel 1915, prima dell’andata in scena della «Fedra», scrisse un articolo sul "Corriere della sera" nel quale si soffermava anche su Parma, tracciando col suo stile inconfondibile un ritratto della nostra città. Pizzetti lo accolse nella sua casa, che D’Annunzio, abituato al lusso sfrenato, trovò spoglia. Il musicista ricorda in un suo scritto questo episodio: "Abitavo allora una casa, in viale allo Stradone, che esiste tuttora (ma rialzata, ora, di un piano). Si chiamava Casa Corazza. D’A., se ben rammento, scrisse che non c'erano tappeti, in casa mia. Non c'era neanche la luce elettrica, e c'erano soltanto i mobili indispensabili, oltre al pianoforte! C'era in più la giovinezza che se n'è andata...".
Nel 1920 iniziarono i rapporti del poeta con Brozzi, al quale affidò la realizzazione delle spalline per i legionari di Fiume; la loro amicizia durò molti anni, durante i quali lo scultore allietò D’Annunzio con le sue artistiche realizzazioni: non solo sculture, ma anche spille, anelli, oggetti particolari, come la tartaruga, "la meravigliosa Chele", formata da un guscio naturale al quale Brozzi aggiunse parti fuse con il bronzo.
Resta una fitta corrispondenza che testimonia l’armonia e la collaborazione tra i due, da cui deduciamo che il poeta forniva l’indicazione e indicava il soggetto che puntualmente l’artista realizzava. D’Annunzio scrisse anche l’epigrafe per la Vittoria angolare di Traversetolo: "In questa terra che ha i lineamenti dei suoi grandi secoli per orizzonti del suo certo avvenire/è oggi innalzata dal popolo vivo/la figura angolare della Vittoria/sopra le fondamenta della sua città e delle sua anima/moltiplicate entrambe dai suoi morti/6 aprile 1923".
Nella numerosa corrispondenza col Brozzi affiora un risvolto curioso: il poeta dimostra di apprezzare moltissimo il nostro culatello, che lo scultore traversetolese si premurava di recapitargli. Il suo entusiasmo per il nostro prodotto traspare in frasi quali: "Grazie per quella salata e rossa compattezza porcina, che senza pudore tu chiami Culatello". Molto strana è una lettera che riportiamo qui sotto, nella quale si trova l’accenno al nostro dialetto e ancora al culatello: “Caro caro Renato, non ti stupire di un pazzo ammattito. Rendimi un gran servigio. Traducimi in parmigiano - nel più sboccato dialetto - queste domande e risposte. Mettici qualche esclamazione tradizionale parmense - nel numero 2 e nel numero 4 (Per Cristo! Per S. Giovanni! Per ... il culatello!...). (?). Il breve dialogo avviene nella stupenda Sagrestia di S. Giovanni - stupenda per le patine dei legni. Forse te ne ricordi. Grazie. Ti abbraccio. A più tardi. Abbiamo musica di quartetto. Dillo a Giancarlo. 29/12. Pensaci con comodo. Portami la traduzione all’ora del quartetto”.
Che D’Annunzio apprezzasse il nostro vernacolo, da lui definito "ricco armonioso e barbaresco", risulta qui evidente; per questo il poeta dialettale Giovanni Casalini fu da lui fregiato con l’insegna di Cavaliere del "Gal d’or", consistente in una spilla uscita dalle abili mani dell’"artiere" traversetolese. Casalini indirizzò al Vate un sonetto pungente e ironico, che così inizia: "J'o vist la Spilla d’Or con su el galett/ch’a fatt Renato Brozzi, o Testa d’fer;/a par ch’al canta, e 'l brilla, cme n'elmett/in sima a la gran picca d’un guerier./..."
D’Annunzio ebbe rapporti con Parma anche per motivi politici e conobbe vari personaggi di quell'ambiente, tra cui Cornelio Guerci (il quale tra l’altro a sua volta era amico del Brozzi), ma di questo argomento non parliamo nel presente scritto. Il Comune di Parma ha intitolato una strada a Gabriele D’Annunzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Rimini maxischermo per concerto di Vasco con sorpresa finale

sabato

A Rimini maxischermo per concerto di Vasco con sorpresa finale

Autista ferma bus per fare sesso con passeggera, denunciato

como

Autista ferma bus per fare sesso con passeggera, denunciato

1commento

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Trattoria da Leo», generosa cucina della tradizione

CHICHIBIO

«Trattoria da Leo», generosa cucina della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Vento forte a Salsomaggiore: piante cadute in strada

MALTEMPO

Vento forte a Salsomaggiore: piante cadute in strada

serie b

Parma, il mercato inizia a parlare cinese: oggi incontro Crespo-Faggiano

Calciomercato crociato: ecco tutte le ultime novità

polizia

Paura in Ghiaia: minaccia un negoziante con le forbici. Denunciato

2commenti

AEROPORTO

Salta il Parma-Cagliari: giornata di passione per i parmigiani. Ryanair: "Notte in hotel e partenza da Bologna"

La cancellazione del volo era dovuta al maltempo

Langhirano

Manca la corrente: disagi a Cozzano

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

8commenti

emilia romagna

Calano gli incidenti stradali con gli autocarri: a Parma il dato migliore in regione

gazzareporter

Acqua nella Parma (finalmente)

4commenti

incendio

Furgoncino in fiamme in tangenziale (via Traversetolo) 

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

4commenti

Lutto

L'ultima lezione di Angela

gdf

Gara per i bus: si indaga per turbativa d'asta Video

curiosità

Spazzino 2.0: per la pilotta arriva il drone Video

1commento

Siccità

Più acqua per l'agricoltura nei bacini del Taro e del Trebbia

musica

Francesco Papageorgiou, un cantantautore collecchiese a Musicultura Video

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Google, l'algoritmo diventa monopolista

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

paura

Ordigno alla scuola di polizia locale a Modena. Il sindaco: "Non rovinerà la festa di Vasco"

VERMICINO

E' morto Nando, il pompiere che parlò con Alfredino

SOCIETA'

Siria

La combattente curda sfiorata dal proiettile sorride

gazzareporter

Parcheggi creativi in via Borsari

SPORT

Moto

Biaggi ringrazia Bianca: "Ero in fin di vita e tu..."

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat