Arte-Cultura

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"
Ricevi gratis le news
0

Anna Ceruti Burgio
Quest’anno ricorre il 150° della nascita di Gabriele D’Annunzio, il Vate d’Italia, che tra la fine dell’Ottocento e
 l’inizio del Novecento caratterizzò la letteratura, la vita pubblica, la politica e il costume. Poeta, scrittore, combattente, diede inizio al mito del superuomo, che ebbe conseguenze poi nel formarsi del fascismo.
 D’Annunzio, nella sua vita turbolenta e movimentata, venne a contatto con vari personaggi della nostra città, e in particolare col musicista Ildebrando Pizzetti e con lo scultore traversetolese Renato Brozzi. Con Pizzetti ebbe oltre all’amicizia una intensa collaborazione artistica, iniziata nel 1905 con «La Nave», continuata in seguito
con «I Pastori» e con la «Fedra» trovando il punto più alto con «La Pisanella».
 Pizzetti ha raccontato le vicende inerenti la frequentazione col Vate descrivendoci i particolari dei loro incontri alla Capponcina, a Marina di Pisa e ad Arcachon. D’Annunzio nel 1915, prima dell’andata in scena della «Fedra», scrisse un articolo sul "Corriere della sera" nel quale si soffermava anche su Parma, tracciando col suo stile inconfondibile un ritratto della nostra città. Pizzetti lo accolse nella sua casa, che D’Annunzio, abituato al lusso sfrenato, trovò spoglia. Il musicista ricorda in un suo scritto questo episodio: "Abitavo allora una casa, in viale allo Stradone, che esiste tuttora (ma rialzata, ora, di un piano). Si chiamava Casa Corazza. D’A., se ben rammento, scrisse che non c'erano tappeti, in casa mia. Non c'era neanche la luce elettrica, e c'erano soltanto i mobili indispensabili, oltre al pianoforte! C'era in più la giovinezza che se n'è andata...".
Nel 1920 iniziarono i rapporti del poeta con Brozzi, al quale affidò la realizzazione delle spalline per i legionari di Fiume; la loro amicizia durò molti anni, durante i quali lo scultore allietò D’Annunzio con le sue artistiche realizzazioni: non solo sculture, ma anche spille, anelli, oggetti particolari, come la tartaruga, "la meravigliosa Chele", formata da un guscio naturale al quale Brozzi aggiunse parti fuse con il bronzo.
Resta una fitta corrispondenza che testimonia l’armonia e la collaborazione tra i due, da cui deduciamo che il poeta forniva l’indicazione e indicava il soggetto che puntualmente l’artista realizzava. D’Annunzio scrisse anche l’epigrafe per la Vittoria angolare di Traversetolo: "In questa terra che ha i lineamenti dei suoi grandi secoli per orizzonti del suo certo avvenire/è oggi innalzata dal popolo vivo/la figura angolare della Vittoria/sopra le fondamenta della sua città e delle sua anima/moltiplicate entrambe dai suoi morti/6 aprile 1923".
Nella numerosa corrispondenza col Brozzi affiora un risvolto curioso: il poeta dimostra di apprezzare moltissimo il nostro culatello, che lo scultore traversetolese si premurava di recapitargli. Il suo entusiasmo per il nostro prodotto traspare in frasi quali: "Grazie per quella salata e rossa compattezza porcina, che senza pudore tu chiami Culatello". Molto strana è una lettera che riportiamo qui sotto, nella quale si trova l’accenno al nostro dialetto e ancora al culatello: “Caro caro Renato, non ti stupire di un pazzo ammattito. Rendimi un gran servigio. Traducimi in parmigiano - nel più sboccato dialetto - queste domande e risposte. Mettici qualche esclamazione tradizionale parmense - nel numero 2 e nel numero 4 (Per Cristo! Per S. Giovanni! Per ... il culatello!...). (?). Il breve dialogo avviene nella stupenda Sagrestia di S. Giovanni - stupenda per le patine dei legni. Forse te ne ricordi. Grazie. Ti abbraccio. A più tardi. Abbiamo musica di quartetto. Dillo a Giancarlo. 29/12. Pensaci con comodo. Portami la traduzione all’ora del quartetto”.
Che D’Annunzio apprezzasse il nostro vernacolo, da lui definito "ricco armonioso e barbaresco", risulta qui evidente; per questo il poeta dialettale Giovanni Casalini fu da lui fregiato con l’insegna di Cavaliere del "Gal d’or", consistente in una spilla uscita dalle abili mani dell’"artiere" traversetolese. Casalini indirizzò al Vate un sonetto pungente e ironico, che così inizia: "J'o vist la Spilla d’Or con su el galett/ch’a fatt Renato Brozzi, o Testa d’fer;/a par ch’al canta, e 'l brilla, cme n'elmett/in sima a la gran picca d’un guerier./..."
D’Annunzio ebbe rapporti con Parma anche per motivi politici e conobbe vari personaggi di quell'ambiente, tra cui Cornelio Guerci (il quale tra l’altro a sua volta era amico del Brozzi), ma di questo argomento non parliamo nel presente scritto. Il Comune di Parma ha intitolato una strada a Gabriele D’Annunzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Ceravolo e Calaiò in recupero. Ma non sono al 100%" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"