-5°

Arte-Cultura

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"

Gli amici parmigiani del "Vate d'Italia"
0

Anna Ceruti Burgio
Quest’anno ricorre il 150° della nascita di Gabriele D’Annunzio, il Vate d’Italia, che tra la fine dell’Ottocento e
 l’inizio del Novecento caratterizzò la letteratura, la vita pubblica, la politica e il costume. Poeta, scrittore, combattente, diede inizio al mito del superuomo, che ebbe conseguenze poi nel formarsi del fascismo.
 D’Annunzio, nella sua vita turbolenta e movimentata, venne a contatto con vari personaggi della nostra città, e in particolare col musicista Ildebrando Pizzetti e con lo scultore traversetolese Renato Brozzi. Con Pizzetti ebbe oltre all’amicizia una intensa collaborazione artistica, iniziata nel 1905 con «La Nave», continuata in seguito
con «I Pastori» e con la «Fedra» trovando il punto più alto con «La Pisanella».
 Pizzetti ha raccontato le vicende inerenti la frequentazione col Vate descrivendoci i particolari dei loro incontri alla Capponcina, a Marina di Pisa e ad Arcachon. D’Annunzio nel 1915, prima dell’andata in scena della «Fedra», scrisse un articolo sul "Corriere della sera" nel quale si soffermava anche su Parma, tracciando col suo stile inconfondibile un ritratto della nostra città. Pizzetti lo accolse nella sua casa, che D’Annunzio, abituato al lusso sfrenato, trovò spoglia. Il musicista ricorda in un suo scritto questo episodio: "Abitavo allora una casa, in viale allo Stradone, che esiste tuttora (ma rialzata, ora, di un piano). Si chiamava Casa Corazza. D’A., se ben rammento, scrisse che non c'erano tappeti, in casa mia. Non c'era neanche la luce elettrica, e c'erano soltanto i mobili indispensabili, oltre al pianoforte! C'era in più la giovinezza che se n'è andata...".
Nel 1920 iniziarono i rapporti del poeta con Brozzi, al quale affidò la realizzazione delle spalline per i legionari di Fiume; la loro amicizia durò molti anni, durante i quali lo scultore allietò D’Annunzio con le sue artistiche realizzazioni: non solo sculture, ma anche spille, anelli, oggetti particolari, come la tartaruga, "la meravigliosa Chele", formata da un guscio naturale al quale Brozzi aggiunse parti fuse con il bronzo.
Resta una fitta corrispondenza che testimonia l’armonia e la collaborazione tra i due, da cui deduciamo che il poeta forniva l’indicazione e indicava il soggetto che puntualmente l’artista realizzava. D’Annunzio scrisse anche l’epigrafe per la Vittoria angolare di Traversetolo: "In questa terra che ha i lineamenti dei suoi grandi secoli per orizzonti del suo certo avvenire/è oggi innalzata dal popolo vivo/la figura angolare della Vittoria/sopra le fondamenta della sua città e delle sua anima/moltiplicate entrambe dai suoi morti/6 aprile 1923".
Nella numerosa corrispondenza col Brozzi affiora un risvolto curioso: il poeta dimostra di apprezzare moltissimo il nostro culatello, che lo scultore traversetolese si premurava di recapitargli. Il suo entusiasmo per il nostro prodotto traspare in frasi quali: "Grazie per quella salata e rossa compattezza porcina, che senza pudore tu chiami Culatello". Molto strana è una lettera che riportiamo qui sotto, nella quale si trova l’accenno al nostro dialetto e ancora al culatello: “Caro caro Renato, non ti stupire di un pazzo ammattito. Rendimi un gran servigio. Traducimi in parmigiano - nel più sboccato dialetto - queste domande e risposte. Mettici qualche esclamazione tradizionale parmense - nel numero 2 e nel numero 4 (Per Cristo! Per S. Giovanni! Per ... il culatello!...). (?). Il breve dialogo avviene nella stupenda Sagrestia di S. Giovanni - stupenda per le patine dei legni. Forse te ne ricordi. Grazie. Ti abbraccio. A più tardi. Abbiamo musica di quartetto. Dillo a Giancarlo. 29/12. Pensaci con comodo. Portami la traduzione all’ora del quartetto”.
Che D’Annunzio apprezzasse il nostro vernacolo, da lui definito "ricco armonioso e barbaresco", risulta qui evidente; per questo il poeta dialettale Giovanni Casalini fu da lui fregiato con l’insegna di Cavaliere del "Gal d’or", consistente in una spilla uscita dalle abili mani dell’"artiere" traversetolese. Casalini indirizzò al Vate un sonetto pungente e ironico, che così inizia: "J'o vist la Spilla d’Or con su el galett/ch’a fatt Renato Brozzi, o Testa d’fer;/a par ch’al canta, e 'l brilla, cme n'elmett/in sima a la gran picca d’un guerier./..."
D’Annunzio ebbe rapporti con Parma anche per motivi politici e conobbe vari personaggi di quell'ambiente, tra cui Cornelio Guerci (il quale tra l’altro a sua volta era amico del Brozzi), ma di questo argomento non parliamo nel presente scritto. Il Comune di Parma ha intitolato una strada a Gabriele D’Annunzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

2commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

7commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

13commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery