Arte-Cultura

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea
0

Luca Pollini

Cinquant’anni fa il calcio milanese inizia la sua scalata sul tetto del mondo. È il 1963 quando il Milan vince la sua prima Coppa dei Campioni (quella che oggi è chiamata Champions League) e, pochi mesi dopo, l’Inter s’aggiudica lo scudetto.
Nei sei anni successivi la Milano calcistica vince altre tre Coppe dei Campioni (1964 e 1965 i nerazzurri, 1968 i rossoneri),  tre Coppe Intercontinentali (due consecutive l’Inter, 1964 e 1965, il Milan nel 1969), 4 scudetti (due ciascuno), una Coppa delle Coppe (l’odierna Europa League, il Milan nel 1968) e una Coppa Italia.
Una stagione magica e irripetibile. Certo, in campo c’erano campioni come Mazzola e Rivera, Corso e Altafini, Prati e Jair.
Ma a fare a differenza con il resto del mondo sono soprattutto gli allenatori: Nereo Rocco, detto il Paròn, che siede sulla panchina rossonera, e Helenio Herrera, detto il Mago, all’Inter.
 In due non sono solo vincenti, ma si rivelano veri fenomeni della comunicazione e reinventano il mestiere di allenatore (allora in pochi conoscono i nomi di chi siede in panchina) personalizzandolo e rendendolo, economicamente e mediaticamente, remunerativo.
Due personalità lontane anni luce dai vari «mister»  che oggi riempiono giornali e tv, pettinati, con look curatissimi, capaci solo di rispondere con frasi fatte e sempre scortati da pierre, manager, procuratori, uffici stampa e addetti alla comunicazione.
Milano, i milanesi, i tifosi, e tutti gli amanti del calcio non hanno mai dimenticato Rocco e Herrera. La conferma viene dalla mostra «Quelli che… Milan Inter ’63. La leggenda del Mago e del Paròn», curata da Gigi Garanzini e allestita nelle sale di Palazzo Reale di Milano.
Un’esposizione di 1200 metri quadrati dove il fulcro sono proprio le diverse personalità degli allenatori e sulla loro presunta rivalità – tema presente sin dall’ingresso della mostra dove il visitatore può scegliere l’ingresso nerazzurro o quello rossonero - che forse, a ben vedere, non c’è mai stata. Anzi, pare che i due si stimassero molto.
Gli opposti, si diceva: Rocco, triestino, amante della buona bottiglia, di poche parole e comunque più abile col dialetto che con l’italiano; Herrera, argentino, meticoloso non solo in campo ma anche nell’alimentazione (sua e dei giocatori) e di lingua sciolta; uno pronto alla battuta con i suoi ragassi; l’altro che chiede una disciplina quasi militare, tanto da far giurare impegno e fedeltà alla squadra sul pallone prima di ogni partite.
Per capire la distanza che c’è tra i due basta leggere alcune frasi che pronunciavano negli spogliatoi: Herrera «chi non dà tutto, non dà niente», «il desiderio di vincere si trasmette», «tacalabala»; Rocco: «Demo ragassi, dài», «mona mi che te fasso zogàr», «chi ga paura no smonti».
Nelle sale i loro cimeli sono uno accanto all’altro: le scarpe da gioco, la lavagna tattica da viaggio di Herrera con le pedine magnetiche, alcuni vecchi appunti di Rocco, le loro tute da allenamento e altri oggetti culto.
E poi una rassegna di un centinaio di fotografie d’autore, filmati d’epoca, la ricostruzione dei vecchi spogliatoi di San Siro, per finire con la sala dei trofei – veri, prestati per l’occasione dalle due società – conquistati dal Mago e dal Paròn.
 Che in comune, oltre ad essere stati vincenti, hanno il merito (?) di aver cambiato il calcio: è grazie a loro, infatti, se oggi gli allenatori sono diventati famosi (e strapagati); stesso discorso vale per i calciatori, di cui prima se ne sapeva a stento il nome.
Una mostra destinata a tre generazioni: quella che ricorda le loro imprese, quella che ne ha sentito solo parlare e quella che ne scoprirà le straordinarie doti attraversando le sale del Palazzo Reale.
La mostra allestita a Palazzo Reale (piazza Duomo) è aperta tutti i giorni fino all’8 settembre, ingresso 8 euro.
Orari: tutti i giorni dalle 9,30 alle 19,30; lunedì dalle 14,30; giovedì e sabato l’orario si prolunga fino alle 22.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Traversa di Ricci, occasione gol con Nocciolini: il Parma inizia in avanti Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

6commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

3commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

3commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery