15°

28°

Arte-Cultura

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea
Ricevi gratis le news
0

Luca Pollini

Cinquant’anni fa il calcio milanese inizia la sua scalata sul tetto del mondo. È il 1963 quando il Milan vince la sua prima Coppa dei Campioni (quella che oggi è chiamata Champions League) e, pochi mesi dopo, l’Inter s’aggiudica lo scudetto.
Nei sei anni successivi la Milano calcistica vince altre tre Coppe dei Campioni (1964 e 1965 i nerazzurri, 1968 i rossoneri),  tre Coppe Intercontinentali (due consecutive l’Inter, 1964 e 1965, il Milan nel 1969), 4 scudetti (due ciascuno), una Coppa delle Coppe (l’odierna Europa League, il Milan nel 1968) e una Coppa Italia.
Una stagione magica e irripetibile. Certo, in campo c’erano campioni come Mazzola e Rivera, Corso e Altafini, Prati e Jair.
Ma a fare a differenza con il resto del mondo sono soprattutto gli allenatori: Nereo Rocco, detto il Paròn, che siede sulla panchina rossonera, e Helenio Herrera, detto il Mago, all’Inter.
 In due non sono solo vincenti, ma si rivelano veri fenomeni della comunicazione e reinventano il mestiere di allenatore (allora in pochi conoscono i nomi di chi siede in panchina) personalizzandolo e rendendolo, economicamente e mediaticamente, remunerativo.
Due personalità lontane anni luce dai vari «mister»  che oggi riempiono giornali e tv, pettinati, con look curatissimi, capaci solo di rispondere con frasi fatte e sempre scortati da pierre, manager, procuratori, uffici stampa e addetti alla comunicazione.
Milano, i milanesi, i tifosi, e tutti gli amanti del calcio non hanno mai dimenticato Rocco e Herrera. La conferma viene dalla mostra «Quelli che… Milan Inter ’63. La leggenda del Mago e del Paròn», curata da Gigi Garanzini e allestita nelle sale di Palazzo Reale di Milano.
Un’esposizione di 1200 metri quadrati dove il fulcro sono proprio le diverse personalità degli allenatori e sulla loro presunta rivalità – tema presente sin dall’ingresso della mostra dove il visitatore può scegliere l’ingresso nerazzurro o quello rossonero - che forse, a ben vedere, non c’è mai stata. Anzi, pare che i due si stimassero molto.
Gli opposti, si diceva: Rocco, triestino, amante della buona bottiglia, di poche parole e comunque più abile col dialetto che con l’italiano; Herrera, argentino, meticoloso non solo in campo ma anche nell’alimentazione (sua e dei giocatori) e di lingua sciolta; uno pronto alla battuta con i suoi ragassi; l’altro che chiede una disciplina quasi militare, tanto da far giurare impegno e fedeltà alla squadra sul pallone prima di ogni partite.
Per capire la distanza che c’è tra i due basta leggere alcune frasi che pronunciavano negli spogliatoi: Herrera «chi non dà tutto, non dà niente», «il desiderio di vincere si trasmette», «tacalabala»; Rocco: «Demo ragassi, dài», «mona mi che te fasso zogàr», «chi ga paura no smonti».
Nelle sale i loro cimeli sono uno accanto all’altro: le scarpe da gioco, la lavagna tattica da viaggio di Herrera con le pedine magnetiche, alcuni vecchi appunti di Rocco, le loro tute da allenamento e altri oggetti culto.
E poi una rassegna di un centinaio di fotografie d’autore, filmati d’epoca, la ricostruzione dei vecchi spogliatoi di San Siro, per finire con la sala dei trofei – veri, prestati per l’occasione dalle due società – conquistati dal Mago e dal Paròn.
 Che in comune, oltre ad essere stati vincenti, hanno il merito (?) di aver cambiato il calcio: è grazie a loro, infatti, se oggi gli allenatori sono diventati famosi (e strapagati); stesso discorso vale per i calciatori, di cui prima se ne sapeva a stento il nome.
Una mostra destinata a tre generazioni: quella che ricorda le loro imprese, quella che ne ha sentito solo parlare e quella che ne scoprirà le straordinarie doti attraversando le sale del Palazzo Reale.
La mostra allestita a Palazzo Reale (piazza Duomo) è aperta tutti i giorni fino all’8 settembre, ingresso 8 euro.
Orari: tutti i giorni dalle 9,30 alle 19,30; lunedì dalle 14,30; giovedì e sabato l’orario si prolunga fino alle 22.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti