-6°

Arte-Cultura

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea

Rocco e Herrera: due miti, un'epopea
0

Luca Pollini

Cinquant’anni fa il calcio milanese inizia la sua scalata sul tetto del mondo. È il 1963 quando il Milan vince la sua prima Coppa dei Campioni (quella che oggi è chiamata Champions League) e, pochi mesi dopo, l’Inter s’aggiudica lo scudetto.
Nei sei anni successivi la Milano calcistica vince altre tre Coppe dei Campioni (1964 e 1965 i nerazzurri, 1968 i rossoneri),  tre Coppe Intercontinentali (due consecutive l’Inter, 1964 e 1965, il Milan nel 1969), 4 scudetti (due ciascuno), una Coppa delle Coppe (l’odierna Europa League, il Milan nel 1968) e una Coppa Italia.
Una stagione magica e irripetibile. Certo, in campo c’erano campioni come Mazzola e Rivera, Corso e Altafini, Prati e Jair.
Ma a fare a differenza con il resto del mondo sono soprattutto gli allenatori: Nereo Rocco, detto il Paròn, che siede sulla panchina rossonera, e Helenio Herrera, detto il Mago, all’Inter.
 In due non sono solo vincenti, ma si rivelano veri fenomeni della comunicazione e reinventano il mestiere di allenatore (allora in pochi conoscono i nomi di chi siede in panchina) personalizzandolo e rendendolo, economicamente e mediaticamente, remunerativo.
Due personalità lontane anni luce dai vari «mister»  che oggi riempiono giornali e tv, pettinati, con look curatissimi, capaci solo di rispondere con frasi fatte e sempre scortati da pierre, manager, procuratori, uffici stampa e addetti alla comunicazione.
Milano, i milanesi, i tifosi, e tutti gli amanti del calcio non hanno mai dimenticato Rocco e Herrera. La conferma viene dalla mostra «Quelli che… Milan Inter ’63. La leggenda del Mago e del Paròn», curata da Gigi Garanzini e allestita nelle sale di Palazzo Reale di Milano.
Un’esposizione di 1200 metri quadrati dove il fulcro sono proprio le diverse personalità degli allenatori e sulla loro presunta rivalità – tema presente sin dall’ingresso della mostra dove il visitatore può scegliere l’ingresso nerazzurro o quello rossonero - che forse, a ben vedere, non c’è mai stata. Anzi, pare che i due si stimassero molto.
Gli opposti, si diceva: Rocco, triestino, amante della buona bottiglia, di poche parole e comunque più abile col dialetto che con l’italiano; Herrera, argentino, meticoloso non solo in campo ma anche nell’alimentazione (sua e dei giocatori) e di lingua sciolta; uno pronto alla battuta con i suoi ragassi; l’altro che chiede una disciplina quasi militare, tanto da far giurare impegno e fedeltà alla squadra sul pallone prima di ogni partite.
Per capire la distanza che c’è tra i due basta leggere alcune frasi che pronunciavano negli spogliatoi: Herrera «chi non dà tutto, non dà niente», «il desiderio di vincere si trasmette», «tacalabala»; Rocco: «Demo ragassi, dài», «mona mi che te fasso zogàr», «chi ga paura no smonti».
Nelle sale i loro cimeli sono uno accanto all’altro: le scarpe da gioco, la lavagna tattica da viaggio di Herrera con le pedine magnetiche, alcuni vecchi appunti di Rocco, le loro tute da allenamento e altri oggetti culto.
E poi una rassegna di un centinaio di fotografie d’autore, filmati d’epoca, la ricostruzione dei vecchi spogliatoi di San Siro, per finire con la sala dei trofei – veri, prestati per l’occasione dalle due società – conquistati dal Mago e dal Paròn.
 Che in comune, oltre ad essere stati vincenti, hanno il merito (?) di aver cambiato il calcio: è grazie a loro, infatti, se oggi gli allenatori sono diventati famosi (e strapagati); stesso discorso vale per i calciatori, di cui prima se ne sapeva a stento il nome.
Una mostra destinata a tre generazioni: quella che ricorda le loro imprese, quella che ne ha sentito solo parlare e quella che ne scoprirà le straordinarie doti attraversando le sale del Palazzo Reale.
La mostra allestita a Palazzo Reale (piazza Duomo) è aperta tutti i giorni fino all’8 settembre, ingresso 8 euro.
Orari: tutti i giorni dalle 9,30 alle 19,30; lunedì dalle 14,30; giovedì e sabato l’orario si prolunga fino alle 22.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

14commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

4commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

19commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

14commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video