15°

29°

Arte-Cultura

Camilleri: "Montalbano? Successo misterioso"

Camilleri: "Montalbano? Successo misterioso"
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Mannoni

Il commissario Montalbano, dopo i grandi successi televisivi, torna anche in libreria con una vicenda più che complicata, e sono scintille e turbamenti a catena: «Un covo di vipere»(Sellerio, pag. 272,14,00). Il ragioniere Cosimo Barletta, un vedovo poco più che sessantenne, è stato ammazzato nel villino di sua proprietà appena fuori Vigata. 
Qualcuno gli ha sparato alla testa mentre era seduto in cucina sorseggiando un caffè che in parte si è rovesciato sulla tovaglia. 
La vittima aveva due figli, Arturo, più preoccupato di trovare il testamento paterno che afflitto dalla scomparsa del genitore, e Giovanna Barletta in Pusateri che «era ’na gran beddra fìmmina trentacinchina... biunna, àvuta, occhi con riflessi virdastri, di coscia longa e assà aliganti nei sò jeans firmati. Montalbano, che non se l’aspittava accussì, ristò ’mparpagliato per qualichi secunno a taliarla. Macari Fazio era chiaramenti strammato».
Le indagini portano alla luce le attività prive di scrupolo e di morale del vedovo e la sua continua ricerca di compagnia femminile. L’uomo non era molto amato nel circondario anche perché prestava soldi  «a strozzo»  e più d’una persona se avesse potuto l’avrebbe ucciso volentieri. Dell’immoralità che lo contraddistingueva, Montalbano trova subito nel villino dei riscontri imbarazzanti per molte persone: foto intime in cui sono ritratte giovani ragazze e lettere compromettenti. L’affare si presenta ingarbugliato anche per via del disaccordo tra i due figli di Cosimo Barletta che, pur mascherando tutto dietro un fair play di facciata, intimamente sono pronti a sbranarsi per il testamento introvabile. E Giovanna, non perde occasione con Montalbano per lasciar cadere delle insinuazioni sul fratello che ha sposato una delle amanti del padre: sprecone, nullafacente e intrigante. Montalbano ascolta e insacca un po’ sopraffatto dalla bellezza della donna, finché dall’autopsia non risulta che Cosimo Barletta è stato ucciso due volte: il ragioniere è stato prima avvelenato e poi qualcuno gli ha sparato alla testa.
Ma si tratta dello stesso assassino o di due assassini differenti? Montalbano troverà le prime indicazioni nelle foto. Da quel ciarpame volgare che coinvolge tante ragazze del paese, comincia a farsi strada in lui, aiutato anche dall’incontro con un singolare barbone, un percorso preciso. Abbiamo incontrato e intervistato Andrea Camilleri, sempre disponibile a parlare del suo eroe  dalle maniere brusche.
La famiglia in questo romanzo è al centro di un intrigo pazzesco, in un momento in cui questa istituzione presenta molte falle. E’ diventata davvero un nido di vipere?
Chiaramente la famiglia di oggi presenta molti aspetti in crisi, basti pensare che l’altissima percentuale di violenza sulle donne avviene da parte di  mariti o fidanzati. Nel caso specifico del mio libro non credo che costituisca un vero punto di crisi. E’ uno spunto più che altro romanzesco. La vittima è un uomo senza morale e senza scrupoli, un genere di persone di cui la nostra società è abbastanza prolifica. 
Una caratteristica dei nostri tempi sottosopra? 
Il proliferare della corruzione quasi esponenziale è un segno del moltiplicarsi di persone prive totalmente di scrupoli. Questa moltiplicazione è per fortuna messa in luce di continuo e oggi la situazione, di per sé grave, è amplificata dalla stampa e diventa quindi ancora maggiore attraverso le casse di risonanza mediatica. Indagando sull’omicidio, Montalbano scopre aspetti insoliti di una società ristretta che nasconde molte cattiverie. Dappertutto, ma in Sicilia soprattutto, sembra che la facciata vada assolutamente preservata da ogni macchia. 
Ma quello in cui viviamo è solo un mondo di facciata?
No, diciamo che soprattutto nella provincia, non necessariamente siciliana e non necessariamente italiana (vedi Simenon), la facciata pulita è uno status symbol e serve a  coprire realtà assai diverse. Questo fenomeno è leggermente  meno avvertibile nelle grandi città. Però oggi sento una minore ipocrisia in proposito, può darsi che mi sbagli, ma si comincia a dare una minore importanza alla facciata anche perché l’informazione così penetrante è una sorta di sostituzione del diavolo Asmodeo che aveva la capacità di scoperchiare le case e far vedere quello che capitava al loro interno.
Il barbone, che nella soluzione del caso ha un ruolo importante, sembra essere la coscienza buona del Paese, se vuole dell’Italia che nonostante tutte le batoste conserva una dignità che la riscatta. Una metafora possibile?
Sì, sono perfettamente d’accordo con la sua riflessione. Anche perché ho voluto dichiarare le motivazioni morali per le quali quel personaggio si è autopunito diventando barbone. Il Montalbano di questo romanzo sembra un po’ più sensibile al fascino femminile nonostante la presenza di Livia. 
A 58 anni si risvegliano giovanili furori di desiderio?
Sì, è un’età terribile per un uomo, e il commissario vive il suo tempo...ma ho fiducia in Montalbano.
Mi hanno colpito le considerazioni che nel libro riguardano la burocrazia, identificata quasi come un male sociale. Lo è davvero?
Secondo me sì e non scherzo, la burocrazia in Italia è assolutamente una remora, basti pensare che molte delle sovvenzioni europee non sono messe in circolo solo per questioni burocratiche.
Il successo di Montalbano è ormai un fenomeno consolidato. Anche in TV, le novità e le repliche dei suoi film ottengono sempre un successo strepitoso. E’ una specie di contagio. Lei che ha creato questo personaggio, può dirci cosa lo rende così affascinante e carismatico, o anche per lei comincia a essere un piacevole mistero?
Il successo di Montalbano è sempre stato un piacevole mistero tant’è che non ho mai saputo rispondere alla domanda «qual è il segreto della fortuna di Montalbano?». Si vede che c’è stata una miscela causale che ha costituito un personaggio  con una tale quantità di aspetti attraenti che ha funzionato.
Quanto contribuisce secondo lei alla fortuna televisiva del personaggio, la caratterizzazione di Zingaretti?
Molto, Zingaretti è un attore bravissimo. 

Un covo di vipereSellerio, pag. 272,14,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti