10°

20°

Arte-Cultura

Nella polveriera turca

Nella polveriera turca
0

Sergio Caroli

Mentre si celebrano i novant’anni della Repubblica, possenti manifestazioni di protesta e una grave crisi politica dagli esiti incerti scuotono la Turchia. Le violenze delle ultime settimane, culminate con le uccisioni di quattro manifestanti e un soldato, sono la prova irrefutabile di una situazione di profonda instabilità politica ed istituzionale. Le massicce adunate popolari contro la distruzione ad Istanbul dell’area verde di Gezi Park, per dare spazio a nuovi edifici commerciali, non sono che il detonatore che ha innescato l’esplosione della collera contro il governo, accusato di calpestare lo spirito laico della Repubblica kemalista in favore di una politica di latente islamizzazione. Della crisi e dei suoi possibili sviluppi parlo con Domenico Fracchiolla, docente di Dinamiche della Globalizzazione presso la Luiss Guido Carli, autore del saggio «La democrazia in Turchia tra oriente mussulmano e occidente europeo» (Rubbettino, pagine 101, euro 12).   
 
Professor Fracchiolla, in che modo la primavera araba ha influenzato gli orientamenti politico-diplomatici della Turchia verso i Paesi dell’area? 
La primavera araba ha modificato il quadro dell’azione politica e diplomatica assertiva della Turchia in Medio Oriente. Le rivolte delle società arabe hanno aggravato lo iato che la Turchia conosce tra la scelta di accogliere le istanze di rinnovamento politico e di democratizzazione di quei paesi e gli interessi nazionali di realpolitik, anche alla luce del rischio di un possibile riflusso del movimento, un “inverno arabo” condotto dalle élite vecchie e nuove al potere, che tradisca le aspettative delle popolazioni. Negli ultimi venti anni la politica turca si è arricchita di alcune dimensioni, in passato messe da parte ad opera della politica di laicizzazione dello Stato voluta da Ataturk e dagli equilibri della guerra fredda. Queste sono rinvenibili in politica interna nell’affermazione della piattaforma programmatica dell’Akp, il partito di Erdogan, ed in politica estera nella politica assertiva e di ampio respiro, multiforme e multidirezionale, di cui il ministro degli esteri Davutoglu è il principale rappresentante.
 
Le chiavi per comprendere la politica estera di Ankara risiedono nella sua politica interna…
Certamente. La possibilità che la Turchia diventi un modello per i paesi interessati dalla primavera araba dipende dagli esiti del processo di consolidamento democratico. Le tensioni in corso pongono un serio pregiudizio alle credenziali di stabilità, affidabilità e alla funzione d’indirizzo che Ankara potrebbe svolgere. 
 
Insieme al Akp, l’esercito è uno dei due pilastri fondamentali del sistema politico turco. Finora non ha preso posizione di fronte allo sviluppo degli eventi, ma, prima o poi – scontri proseguendo - dovrà uscire allo scoperto. 
L’Esercito, protagonista fondamentale della vita della Repubblica in tutti i passaggi significativi, è intervenuto nelle situazioni d’instabilità politica e sociale, con scadenza quasi periodica (ogni dieci anni) fin dagli anni ’60. Oggi si trova ad affrontare la crisi da una posizione di partenza di debolezza, in seguito al fallimento del colpo di stato del 2007 e alla politica di Erdogan di limitazione delle sue prerogative di controllo politico e di interessi economici. Tuttavia, le risorse di cui dispone, insieme al forte spirito di corpo e ad un livello ancora considerevole di autonomia, possono essere delle risorse preziose capaci di indirizzare gli esiti della crisi. Il silenzio di questi giorni, ineccepibile sul piano formale e di rispetto istituzionale, non riflette la reale natura dei rapporti di forza e ha creato un clima di attesa per la posizione che i militari potrebbero prendere. 
 
Che peso hanno i cosiddetti “riformatori islamici moderati” nella società turca? 
La straordinaria e duratura affermazione elettorale dell’Akp in tre successive tornate elettorali nazionali, con un continuo incremento di voti (34% nel 2002, 46% nel 2007 e 49,83% nel 2011) sono la cartina di tornasole del peso considerevole che hanno acquisito i riformatori islamici moderati nella società turca e dopo un decennio di permanenza nelle istituzioni e nell’apparato statale del paese.
 
In che misura la violazione di diritti fondamentali di manifestazione ha leso l’autorevolezza internazionale dell’Akp e di Erdogan?
Il prestigio internazionale dell’Akp e di Erdogan sono stati fortemente ridimensionati. Il premier ha goduto per anni di un bonus di credibilità concesso dall’Ue per la capacità dimostrata di riformare il paese in senso democratico. Le criticità sul rispetto dei diritti umani, contenute anche nell’ultimo Progress Report del 2012 della Commissione Ue sulle violazioni delle Convenzioni internazionali sui diritti umani e sulle minoranze, potrebbero irrigidire lo stato delle relazioni della Turchia con l’Ue e frustrare le aspirazioni dell’Akp di assimilazione ideale alla famiglia dei grandi partiti europei membri del Ppe, di cui l’Akp, ammesso già come osservatore, vorrebbe essere il corrispettivo islamico.
 
Ritiene che le tensioni sociali e politiche nella società turca siano destinate ad acutizzarsi?
Da una parte, la mobilitazione spontanea della popolazione è espressione di una coscienza civica e della presenza diffusa di valori laici e liberali nella cultura politica e civica della società turca. D’altra parte, però, la reazione delle forze dell’ordine, la mancata copertura delle manifestazioni dei media nazionali e la violazione di diritti fondamentali di manifestazione gettano un forte discredito sulle credenziali del partito di governo dell’Akp e di Erdogan come leader dal respiro internazionale. Il rischio che le tensioni si acutizzino è reale, molto dipenderà dalla linea politica che Erdogan deciderà di tenere e dalle frizioni interne al suo partito. Di sicuro la linea di fermezza e di scontro frontale tenuta dal primo ministro fino a questo momento ha suscitato molte critiche ed è efficace solo per conservare il potere nel breve periodo. 
La democrazia in Turchia tra  oriente mussulmano e occidente  europeo -    Rubbettino, pag. 101,   12,00 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport