Arte-Cultura

Provincia americana, ombre e misteri

Provincia americana, ombre e misteri
0

Aprire un libro di Stephen King è come recarsi a un appuntamento con un vecchio amico. Sai già cosa aspettarti, eppure lui, l’amico di sempre, è ancora in grado di stupirti, raccontandoti di qualcosa che ti sconvolge e che ti tiene avvinto alle sue parole. In realtà, a voler essere del tutto onesti e obiettivi, l’ultimo romanzo di King, «Joyland» (Sperling & Kupfer, pag. 350, euro 19,90), non inizia proprio col piede sull'acceleratore. Bisogna superare le prime centocinquanta, duecento pagine prima di arrivare all’esordio delle peripezie. Ma tant'è. Alla fine il meccanismo, anche se tardivo, s'innesca ed è allora che parte una corsa contro il tempo, in cui il desiderio di sapere come andranno le cose confligge inevitabilmente con la velocità, meccanicamente limitata, con cui l’occhio riesce a scorrere pagine e parole. Uscito in contemporanea internazionale (e al momento senza una versione e-book), «Joyland» rappresenta un lungo flashback, in cui il protagonista, Devin Jones, ripercorre nei ricordi l’estate trascorsa a Heaven's Bay, nella Carolina del Nord, nel 1973, quando, studente squattrinato, si era fatto assumere a Joyland, un luna park preso d’assalto ogni estate da orde di bifolchi affamati di divertimento. E Jonesy aveva dovuto occuparsi proprio di loro: essere simpatico e divertente, mentre moriva di caldo impersonando il cane-mascotte Howie dentro un soffocante costume di pelo sintetico. Ma Devin aveva accettato tutto di buon grado, perché aveva il cuore a pezzi dopo essere stato lasciato dalla sua ragazza e così, anche se la paga era misera e il lavoro sfiancante, Joyland era divenuto la sua casa. Ma presto Dev aveva anche scoperto che quel luna park nascondeva un terribile segreto: la Casa degli Orrori era abitata dal fantasma di una donna selvaggiamente uccisa proprio lì quattro anni prima. Il Perturbante era allora entrato nella vita di Jonesy e lo aveva trasformato per sempre. Ma un orrore ben più spaventoso e concreto si nascondeva a Joyland. E le ultime pagine del romanzo sono proprio il racconto di quell'orrore. Bella davvero questa storia, così dolcemente immersa nell’atmosfera ovattata della provincia americana e al contempo piena d’ombre e di mistero. Bella la struttura a Bildungsroman, cioè a romanzo di formazione, in cui si racconta la frattura, il rito di passaggio, che ferocemente, sanguinosamente precipita il protagonista nell’età adulta. E bello, soprattutto, l’innesto della ghost story sull'impianto della crime & detective story. Lo stesso editore americano del romanzo, Charles Ardai della Hard Case Crime, ha infatti definito questo libro un «whodunit», e cioè una sorta di «giallo deduttivo». Tutto questo, d’altra parte, ci riporta con prepotenza ai grandi «luoghi» della narrativa kinghiana, a quei nuclei tematico-strutturali che caratterizzano l’intera produzione narrativa dello scrittore del Maine. E stiamo pensando non solo alla scelta dell’estate come momento liminale, di soglia (elemento che si ritrovava già, ed esempio, nello splendido racconto lungo «Stand by me», anch’esso parabola struggente sulla violenza della crescita e della maturazione). Ma pensiamo altresì alla scelta degli anni Settanta, decennio cronologicamente privilegiato da King per l’ambientazione dei suoi romanzi, quello in cui iniziò peraltro la sua carriera di scrittore di successo. E ricordiamo poi la traccia decisa che lasciano anche in questo romanzo (che pure non è affatto una storia horror) la componente orrifica e soprannaturale. Inoltre, la presenza nel romanzo di un ragazzino portatore di un handicap fisico ma dotato di un terzo occhio che gli permette di vedere oltre il visibile è un potente filo rosso che ritroviamo in moltissime altre opere kinghiane. Ma c'è qualcos'altro su cui vale la pena riflettere e cioè il valore simbolico e significante che acquisiscono spazio e tempo nel romanzo, uno spazio e un tempo che portano con sé anche una ben precisa immagine di uomo e della realtà stessa. In effetti l’ambientazione nel periodo estivo (tempo d’elezione per svago e vacanza) in un parco di divertimenti diviene luogo dell’orrore in modo potentemente ossimorico perché contraddittorio. E racconta di una spensieratezza che mai può essere priva di inquietudine perché il Perturbante, spettrale o materico che sia, si cela con perversa malizia nella più inopinata e svagata quotidianità. Perché il Male vive dietro (e dentro) la più apparentemente innocua amabilità.
Joyland - Sperling & Kupfer, pag. 350, euro 19,90

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)