15°

Arte-Cultura

Ecco l'altro Mattioli, lo scultore

Ecco l'altro Mattioli, lo scultore
0

di Stefania Provinciali

E' insolito pensare a Carlo Mattioli scultore. La sua vita è stata la pittura ma proprio per questo, come ogni buon artista di talento, sincero e appassionato, ha voluto «toccare» con mano la materia ed i materiali, rendendo loro immagine concreta. Poche opere, fatte di legni scavati, poche ceramiche decorate coi colori dei fiori e della natura, lo delineano e lo definiscono per questa sua necessità di andare oltre: oltre la pittura, oltre canoni già definiti e scoprire l’altra «arte» ovvero l’agire manuale in tutte le sue forme. «Carlo Mattioli scultore» è la mostra che, fino al 12 luglio, presenta negli splendidi e suggestivi spazi del Musma, il Museo della scultura contemporanea di Matera, diretto da Giuseppe Appella, sculture, ceramiche, disegni, acquarelli e tempere, dal 1938 al 1993, aprendo ad una più completa lettura l’iter dell’autore. Nelle Sale della Caccia e nella Biblioteca Vanni Scheiwiller sono visibili, per la prima volta tutti assieme, i nudi di donna, in legno, cemento e ceramica, in piedi o coricati, scolpiti negli anni ’70. Diversi sono i materiali su cui l’artista interviene il meno possibile. Materiali «trovati» in natura; una natura a cui si affida così da liberarne tutta la bellezza in essi insita, che si fa materia scultorea, trama incisa ma mai privata della primordiale essenza. Le opere risultano così intense e cariche di significato tanto che ci si può domandare se siano nudi o colline disabitate, oppure figure di antichi romani distesi sui loro triclini o ancora rilievi funerari pronti per un banchetto ormai finito. E in ogni nudo, che sia inciso nella ceramica morbida, ricavato da un tronco di legno o creato dal cemento fresco, c’è l’amatissima moglie Lina. La nipote dell’artista, Anna Zaniboni Mattioli, scrive nel volume (Edizioni della Cometa Roma) edito per l’occasione, un toccante saggio, fatto di conoscenze famigliari e di interpretazioni dell’agire sulla materia così come l’artista, nato a Modena nel 1911 e scomparso a Parma nel 1994, delinea. «Si tratta di toccarlo, quel legno, ''violarlo'' il meno possibile, perché la storia e il suo calore bruciante è essa stessa arte» scrive. Una indicazione univoca del sentire quella materia, «di non poter perdere la possibilità di scavarla oltre che di utilizzarla sulla tela, sui legni, sulle carte». I ritratti in gesso raffigurano personaggi della città, di una Parma in cui Mattioli è parte del dibattito culturale. Sono gli amici letterati, scrittori e storici dell’arte, Pier Carlo Santini, Giorgio Torelli, il pittore Bandieri, Ubaldo Bertoli, scolpiti a partire dal 1966, con i loro «volti terrigni e umorali», colmi di materia e di vita, forse realizzati mentre il l’artista osservava in loro non solo il tratto fisionomico ma anche leggeva dentro se stesso. Le ceramiche, risalenti agli anni ’50-’60, sono vasi, brocche e piatti, dipinti spesso con personaggi di romanzi e racconti stendhaliani (La Certosa di Parma, Vanina Vanini e la Badessa di Castro). Mattioli rinnova così, in un nuovo medium, il grande interesse per la letteratura che lo accompagnò per tutta la vita. Tra il 1960 e il 1968, infatti, si dedica a studi, incisioni, litografie per illustrare i Ragionamenti di Pietro Aretino (1960-1964), Vanina Vanini di Stendhal (1961), i Sonetti del Cavalcanti (1963), gli Epigrammi erotici (1963), le Novelle del Sermini (1963), il Belfagor di Machiavelli (1967), il Canzoniere del Petrarca (1968), il Decameron del Boccaccio, la Divina Commedia e la Venexiana (1968). Le opere su carta (disegni, tempere e acquarelli), consentono di osservare l’evoluzione del suo lavoro: dagli studi di figura degli anni Quaranta alle illustrazioni per i libri, ai nudi, ai delicati ritratti della figlia Marcella, della moglie Lina e della nipote Anna, degli amici De Chirico e Manzù, fino ad arrivare ai diversi cicli di paesaggi che caratterizzeranno l’opera dagli anni Settanta in poi: i Notturni, i Cieli, le Spiagge, i Campi di papaveri, i Campi di lavanda, le Ginestre, i Boschi verdi con gli intrichi di vegetazione e i ponti rovinati, le Nature morte. 

La mostra è completata, nella Biblioteca Scheiwiller, da fotografie, volumi e documenti che contribuiranno a ricostruire la figura di un artista dalla cultura figurativa vastissima (il Romanico padano, il manierismo, Rembrandt, Goya, l’Espressionismo tedesco, Fautrier), raffinato e sensibile e pur tuttavia schivo e riservato.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv