20°

Arte-Cultura

La scomparsa di Federico Belicchi

La scomparsa di Federico Belicchi
1

Bruno Zanardi

E’ morto Federico Belicchi, uno degli importanti artisti di Parma degli ultimi decenni. Aveva 76 anni. Figura inquieta, perciò protagonista di una vita inquieta, si rivelò fin da giovanissimo come uno dei più bravi allievi dell’Istituto d’arte Paolo Toschi. La scuola che già nel titolo si proclamava costola della gloriosa Accademia di belle arti di Parma, che fu una delle più importanti d’Europa.

Al “Toschi” Federico studia con due importanti pittori, entrambi figure “disperse”, come lui stesso fu. Bruno Giandebiaggi, autore in giovinezza di dipinti, nudi femminili, bellissimi, che non faceva vedere a nessuno, e Renato Vernizzi, che solo per un attimo – la vittoria del “Premio Bergamo”  nel 1941 – fu considerato quel che è stato e che prima o poi tornerà a essere, uno dei grandi pittori italiani di margine nel secondo Novecento.

Un inizio di carriera che bene spiega perché Belicchi sia stato, come Giandebiaggi e Vernizzi, un artista che mai ha rinunciato nella propria arte alla radice figurativa storica dell’arte italiana. Radice che in Federico coincideva con una capacità manuale a dir poco stupefacente. Non c’è un disegno suo che sia sbagliato, non c’è ritratto che non abbia colto nel profondo dell’anima, impietosamente, cioè nel bene e nel male, chi veniva raffigurato.  E non a caso parlo dei suoi disegni, perché fu nel disegno, madre e padre di ogni arte, fin che pittura, scultura e architettura sono state figurative, che Federico soprattutto eccelse. Suoi sono disegni di leggendaria bellezza, realizzati quando fu uno dei migliori allievi dell’Accademia di Brera, a Milano. Disegni assoluti perché resi in uno stupefacente filo nero continuo creato con uno stuzzicadenti intinto nell’inchiostro di china, con un effetto finale degno d’un grande pittore cinese. I disegni esposti alla metà degli anni ’60 alla “Galleria Camattini”, allora la più importante di Parma, per la quale si mosse da Milano perfino il “Corriere della Sera”, tale era la fama che aveva assunto nella città lombarda l’allora giovanissimo Federico.

Una Parma e un mondo d’artisti, quelli di allora, di cui oggi non esiste più nemmeno la polvere. Ricordo, sempre intorno agli anni di quella mostra, le polemiche sulla pulitura della “Schiava turca” di Parmigianino, con Lorenzo Antonelli, un grande decoratore professore del Toschi, che dentro quella che ancora era “La Pinacoteca” guardava il dipinto con una grande lente per verificare la qualità del lavoro fatto su una delle glorie della città. Come ricordo lo scalpore, quasi la paura di un “furto dell’anima”, che aveva destato in città la bellissima copia della “Madonna di San Gerolamo” che andava eseguendo, davanti al dipinto, una giovane e bravissima pittrice modenese. Così come ricordo le molte discussioni nei tardi pomeriggi d’estate tra Federico, Benassi, Spattini, Tessoni, una strana figura d’artista che girava in Lambretta e che, mi pare, lavorasse alle Poste, in provincia, e Luigi Calloni, allora sacerdote salesiano, davanti a un grandissimo dipinto su tela con un San Giuseppe che lo stesso Calloni aveva eseguito per una chiesa salesiana lombarda.

Un dire e un accapigliarsi, ma sempre nel rispetto delle  reciproche abilità esecutive, che aveva ancora un piede nelle discussione fatte nelle botteghe fiorentine di metà Cinquecento raccontate da Benvenuto Cellini. Discussioni, quelle nel grande studio di Luigi Calloni dentro il complesso del San Benedetto,  che finivano sempre con il parlare di pittura. Discorso su cui Federico era ferratissimo perché aveva visitato per lunghi giorni molti dei grandi musei internazionali. Prado, Louvre, il Rijksmuseum di Amsterdam, Harlem, Bruxelles, Gand, New York, Washington e il suo parlare non solo di Raffaello, Correggio o Tiziano, ma anche di Bosch. El Greco, Vermeer, Rembrandt, Manet, Monet, nomi allora ancora poco divulgati, nonostante la fortuna immensa che subito aveva arriso a “I Maestri del colore”, le dispense settimanali d’arte di cui era stato regista occulto Roberto Longhi, che si vendevano nelle edicole.

E proprio qui, in questo corto circuito tra arte figurativa e arte astratta, credo si sia giocato il destino di Belicchi. Troppo figurativamente bravo si mise a fare progetti per il passato. A difendere accanitamente l’arte figurativa. E a farlo seguendo l’anima romantica, ottocentesca, del fare artistico, quella più adatta alla sua orgogliosa timidezza. Fu il più bravo dei ritrattisti della piazzetta di Montmartre, vicina al Moulin Rouge di Tolouse Lautrec, nella quale s’erano aggirati, tra i molti, Pissarro, Modigliani, Picasso o Utrillo; ad esempio, come mi aveva raccontato lui stesso, tra i molti della piazzetta venne scelto da un grande attore americano d’allora, Jack Palance, per fare il ritratto al figlio: e chissà dove sarà finito quel prezioso disegno a carboncino. Magro, piccolo, torno a dire, timidissimo,  proprio sulla piazzetta incontrò una ragazza messicana di cui s’innamorò perdutamente. La seguì a Città del Messico, dove, grazie anche alle importanti conoscenza della famiglia di quella ragazza, fece molti ritratti. Fu però un amore sfortunato, come l’intera sua vita.

Tornò in Italia, chiamato insegnare disegno dal vero al Toschi. Ma non divenne il Giandebiaggi o il Vernizzi della situazione. Troppo cambiati i tempi. Quindi via dal Toschi, di nuovo a Parigi, in Messico, poi ancora in Italia, a Santa Margherita Ligure, dove finalmente si fermò, anche perché assistito amorevolmente nel suo anarchismo fatto solo di bontà, generosità e insicurezza, dal suo grande amico degli ultimi tempi, Lucio Rossi.

Sola cosa a cui Federico restò fedele per l’intera vita fu il ritratto di sua madre, che sempre portava con sé. La madre da lui vista solo con la coda dell’occhio, perché morta quando era piccolissimo. Una condizione di orfano peggiorata dal non aver avuto il padre, che incontrò solo una volta in età adulta.
La condizione che lo fece così fragile e insieme così duro. Il ritratto della madre, eccezionalmente un dipinto. Un dipinto da lui ripreso mille volte e mai finito. Ripreso da una foto in bianco e nero su una tavola di “faesite”, di quel ritratto io stesso ho visto molte versioni. Da un inizio, bellissimo, figurativo tra Manet e Bonnard, fino a un lento disfarsi e a divenire un insieme di macchie prive di senso formale. Non però nella direzione dell’arte astratta, ma nel seguire un suo personalissimo e misterioso percorso interiore fatto di continue ricerche e riflessioni. Una forma che si fa sogno. Lo stesso insieme di macchie, lo stesso sogno, del ritratto della modella Gillette che il pittore Fenhofer presenta a Poussin e Porbus come proprio capolavoro, nel “Capolavoro sconosciuto” di Balzac.

Addio Federico, che ti sia lieve la terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianni di gregorio

    29 Giugno @ 22.55

    Caro Bruno hai ricordato con accorato affetto e profonda conoscenza un periodo della nostra vita e gli antichi legami che la morte di un amico e maestro aiutano a meglio comprendere. Il tempo come sempre saprà valorizzare un artista che ha fatto della sua vita la rappresentazione della sua opera. Gianni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ai David trionfa «La pazza gioia»

CINEMA

Ai David trionfa «La pazza gioia»

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

Lavoro

Agricoltori contro l'abolizione dei voucher

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Fontanellato

L'ultimo saluto a Fernando Virgili, decano dei geometri

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

NUORO

Sgominata banda: progettava il furto della salma di Enzo Ferrari

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017