-3°

Arte-Cultura

Musica nelle notti d'estate

Ricevi gratis le news
1

Luca Cantarelli

Dalla statale, che collega il paese alla città, non si vedeva granché. Passando si notava la cancellata bianca, alta e senza soluzione di continuità, come un’unica lunga rete tesa tra le colonne fissate ai quattro angoli. Qualche passo indietro, una fitta muraglia di lecci e pini impediva ai passanti di curiosare all’interno.  Ma chi, per una ragione o per l’altra, ha vissuto la ventura di oltrepassare quell’ingresso, giura e spergiura che sembrava di essere giunti all’Eden. Chi entrava, infatti, scopriva una dolce collina di un uniforme verde crudo, a cui si giungeva percorrendo un viale in cotto, orlato da un arcobaleno di piante perenni. Perfino il sole, dalla cima del poggio, pareva colorato, come visto attraverso il rosone di una chiesa di campagna. Proprio lì, nel punto più alto del pendio, cresceva una splendida villa a tre piani.
Il primo piano comprendeva il reparto giorno, le cucine, un paio di bagni e la corte interna con piscina. Il secondo contava due camere da letto, altrettante suite per gli ospiti e i relativi servizi. Il terzo ed ultimo piano era costituito da una torretta con finestra a bovindo, e ospitava lo studio e la biblioteca. Oltre ad innalzarsi, la costruzione affondava nel cuore della collina con un seminterrato che faceva da enoteca, palestra e garage. Era una di quelle ville di cui si ammirano le foto nelle riviste specializzate, quelle con affreschi alle pareti e i soffitti in stucco veneziano, le scale in marmo e le ringhiere di ferro battuto.
Le sere dei fine settimana, nel cielo sopra la collina, saettavano luci azzurre. D’estate, le note allegre della musica e delle voci in festa aleggiavano sul parco, impigliandosi alle punte degli alberi prima di cadere all’esterno.
Tutto questo accadeva poco tempo fa. Prima della grande crisi, villa e giardino appartenevano alla famiglia dei (.), magnati di provincia nel settore alimentare. Poi le cose avevano iniziato ad andare maluccio, poi male e infine malissimo. La proprietà era stata messa all’incanto dal tribunale per soddisfare le ragioni dei creditori.
Molti dei dipendenti che lavoravano all’interno della proprietà erano stati licenziati. Tra loro anche i giardinieri. Il tappeto di erba all’inglese era diventato un trionfo di verzure selvagge. La lunga siepe d’alberi s’era ammalata e si sfoltiva progressivamente, lasciando che la gente sbirciasse sempre con minor difficoltà. E se era possibile guardare attraverso la cancellata, era altrettanto facile osservare quanto accadeva fuori. Così stava facendo un giorno il quarantenne signor (...), erede unico delle fortune di famiglia. Fissava la gente di passaggio, come la vedetta di guerra che annuncia l’invasione nemica. Le prime due aste erano andate nulle. Ma la terza, si diceva, lo diceva soprattutto il suo avvocato, sarebbe stata quella decisiva, perché il prezzo di partenza era stato abbassato a quasi la metà. La nuca poggiata al muro e i piedi a un tavolino bianco su cui il bicchiere lasciava cerchi di umidità, il signor (...) stava acculato su una sedia in precario equilibrio, ferma solo sulle gambe posteriori, a scalciare come un cavallo in impennata. L’uomo scostò lo sguardo dal mondo esterno alla moglie, a un paio di metri di distanza. Piegata sui fiori, si affaccendava a salvare il salvabile. Si intuiva buon gusto negli abiti semplici che indossava, nel loro abbinamento. Il marito la squadrò qualche secondo ancora. Poi scattò in piedi, rovesciando la sedia.
«Smettila di perder tempo!» abbaiò.  «Non è più roba nostra quella. Si arrangi chi l’avrà in sorte». Sparì in casa.  La moglie si bloccò. Passò uno straccio sulle forbici prima di riporle nel cesto, insieme ai seghetti per la potatura, lo spruzzino, la zappetta e il sarchiello. Fece anche lei per rientrare. Nel mezzo del cespuglio di rose, notò un ciuffo di gramigna. Allora tornò ad accovacciarsi. Riprese in mano le forbici, le affondò nel terreno, e cominciò a scavare, in fondo, sempre più giù, verso la radice della malerba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alberto

    01 Luglio @ 08.58

    Forse sbaglio, o forse no, però mi ricorda Il grande Gasby. Mooollto bello!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

4commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

AGROINDUSTRIA

Accordo "salva granai" tra 100 pastifici, 85 molini e oltre 1 milione di imprese agricole

Resta fuori in polemica Coldiretti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

genova

Aggredisce una donna per rapinarla, "arrestato" dai boyscout

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Voci di dimissioni per Gattuso, il Milan smentisce

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento