-5°

Arte-Cultura

Guttuso, impegno e vita quotidiana

Guttuso, impegno e vita quotidiana
0

Pier Paolo Mendogni

Dopo la rassegna  romana che, lo scorso anno,  ne celebrava il centenario della nascita, anche Aosta ricorda  Renato Guttuso (1912-1987) con una mostra di singolare interesse in quanto molti dipinti provengono da gallerie d'arte e non da musei e pertanto non sono fra i più noti pur interpretando alcuni dei momenti più significativi della sua produzione. «Renato Guttuso. Il Realismo e l’attualità dell'immagine» si intitola la rassegna allestita (fino al 27 settembre) nella sede del Museo Archeologico Nazionale a cura di Flaminio Gualdoni con Franco Calarota e la collaborazione di Alessia Calarota ai quali si deve pure il catalogo della Silvana Editoriale. «Vivere è partecipazone, dipingere è partecipare. Cercare la bellezza significa cercare la libertà. Perciò credo che l’arte sia anche, di necessità, politica (non ideologica), coscienza (non falsa coscienza), comunicazione, continuo rapporto di dare e avere». Così l’artista ha interpretato col suo calore siciliano la fermentante stagione del neorealismo, come Pier Paolo Pasolini e Vittorio De Sica in campi paralleli. Le scene, gli avvenimenti attraverso l'irruenza gestuale e cromatica assumono spesso significati allegorici, costituiscono un veicolo mediante il quale «la idee ci raggiungono e ci commuovono». I temi trattati da Guttuso riguardano l’impegno sociale e politico, il lavoro, la quotidianità, il mondo femminile, ma anche il paesaggio e la natura morta nella sua concretezza. Fin dalle prime opere esposte, risalenti agli anni prebellici, l’artista dimostra di cogliere le cose nella loro corposa matericità, nella loro percettiva tangibilità, nei loro caratterizzanti colori. «Con pennellate vivaci sulla tela – ha scritto Franco Calarota – quella forma diventa altro da sé fino a svelare la sua essenza, la sua energia vitale rimasta nascosta nel momento vissuto, trova una sua ragione d’essere nello spazio del dipinto legandosi agli altri elementi e dando la vita ai significati, facendo venire alla luce un’emozione». E la sua alta capacità espressiva eccelle già in quella «Donna alla finestra» (1942) in cui il rosso caldo della maglietta infonde energia a tutta l’opera e trova un raffinato contrappunto nei riflessi delle bottiglie sul tavolo. «Case fra gli alberi» dell’immediato dopoguerra ci documenta come anche Guttuso sia stato colpito dalle nuove sperimentazioni sulla libertà del linguaggio, dall’informale, subito però abbandonate per seguire il realismo sociale imposto dal Partito Comunista che con lo stesso Togliatti «scomunicava» l’astrattismo e l’informale considerandoli borghesi e non impegnati. Ecco quindi la celebrazione dell’«Eroina» (1954), la vigorosa partigiana assassinata, caduta nuda per terra stringendo l’asta con la bandiera rossa. Dello stesso periodo sono l’umile «Sterratore» che si affatica su un arido terreno e la «Discussione» che vede i compagni dibattere i problemi seduti nel circolo politico. A questo filone legato ai temi sociali si collega «Comizio di quartiere» che, nonostante il palese intento celebrativo politico, non assume i caratteri di una pittura oleografica per la capacità di cogliere con spirito acuto i vari particolari che animano la scena. «Senza dubbio – commenta Daria Jorioz – il merito di Guttuso rimane quello di essere riuscito nella difficilissima operazione di dipingere nel modo più facile e comunicativo, rispettando in pari tempo la intrinseca difficoltà semantica dell’arte moderna». Significativa la tela intitolata «Omaggio agli impressionisti» che, in realtà, è un omaggio ai «postimpressionisti» in quanto si trovano chiari riferimenti a Van Gogh (nel sole e nell’orecchio), al divisionismo di Seurat, a Cézanne (giocatori di carte), al cubismo di Picasso. Negli anni Ottanta riesce ancora a comunicare sensazioni di gioiosa fragranza materica attraverso le succulenti nature morte ma anche di accentuato erotismo con seducenti forme femminili. La donna, nella sua provocante sensualità, è stata uno dei soggetti più rappresentati da Guttuso anche nei disegni in cui talvolta si richiama a Grosz nel rappresentarla giovane e nuda, «preda» delle voglie di attempati danarosi borghesi. E sempre giovane e nuda è la protagonista di una serie di litografie dedicate ai segni zodiacali con la presenza inquietante di animali di un’aggressiva mascolinità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

14commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto