12°

22°

Arte-Cultura

Delfini, "re" disperato

Delfini, "re" disperato
0

Giuseppe Marchetti

Sulle «Poesie della fine del mondo, del prima e del dopo» di Antonio Delfini non si finirebbe mai di scrivere, di ridere, di pensare e di stupirsi. L'occasione che oggi ce le ripropone è l'uscita di questa raccolta nella collana bianca di poesie dell'editore Einaudi a cura di Irene Babboni e con una prefazione di Marcello Fois. Come si sa, il libro uscì da Feltrinelli nel '61, due anni prima della morte del suo autore. A quei tempi (non si era ancora sparso l'umore maligno del Gruppo 63) il libro non suscitò altro che occasionali recensioni, non fu capito, né tantomeno amato, ma neanche cinicamente deriso. Fu, tutt'al più, sopportato. A Modena, a Firenze, a Viareggio e a Roma (ma solo occasionalmente) Antonio Delfini era considerato «una mácia» - detto alla modenese - cioè  un tipo particolare, un originale scrittore ricco e sfaccendato. Riproposto nel '95 da Quodlibet, la raccolta presentò alcune aggiunte escluse prima dall'Antonio. Ma adesso questa terza edizione arricchisce di molto la percentuale degli inediti - ci informa l'editore - con un nucleo di testi degli anni Trenta e Quaranta tratti dagli autografi in possesso di Giovanni Delfini; e così il percorso si allunga, la curiosità si dilata e la storia del poeta possidente Antonio Delfini si completa dentro la propria dissacrante e dissacrata verità. Verità che è, come scriveva lui stesso, «mala poesia», cioè poesia di pena, di sberleffo o  di disperazione.
Le «Poesie della fine del mondo, del prima e del dopo» sono, infatti, un libro unico nella letteratura del nostro Novecento: non sono, in sostanza, una vera e propria raccolta così come comunemente la si intende, ma semmai un lungo poema composto per lasse, per strofe, per successivi accrescimenti, per incitamenti, accuse, rimpianti, dileggi e sordide miserie: un canzoniere, se si vuole, ma un canzoniere «dei nostri irricordabili ricordi di ieri», con penose confessioni e irritanti provocazioni che poi gli si aprivano dentro a rovinargli il sangue. E nonostante tutto, Delfini si mostrava come un uomo felice, un uomo che alla vita chiedeva tutto ma che poi sapeva sorridere di autocompatimento se la vita gli faceva marameo facendolo precipitare in quel freddo inferno dei confronti con gli altri scrittori che gli sembravano più fortunati e più accarezzati dalla buona sorte. Le poesie dicono tutto questo mondo con simpatica ferocia: sono sì «la fine del mondo», ma, in verità, il mondo di Delfini è precipuamente l'essere se stesso, pagliaccio e gentiluomo di una società che l'ignora e di una letteratura che lo sopporta. A Firenze litiga con Landolfi e con Montale, ma di nascosto li imita, il suo gran finale è, come osserva giustamente Fois nell'Introduzione, quello del Giudizio Universale che piacque anche al fantasioso Zavattini, benché Delfini non vedesse che il trionfo del Nulla in fondo al proprio cammino. E le poesie sono l'anticipata vendetta di questo correre verso la morte; sia da solo sia in compagnia (spesso una compagnia malvagia e scempia!)  il poeta non molla mai la rabbia che lo tiene in vita. La rabbia, da amore che era per la terra, per la letteratura, per il benessere e, infine, per la Luisa amata e poi perduta, la rabbia lo assiste, lo pungola, lo seduce, lo convince: «Non posso più pensare/ alla città a colei delle industrie del merdastrame./ Fa solo, mio vero dio, che io possa tornare in quel ch'è mio!/ Chiedo l'oblio... l'oblio... l'oblio...». Il Delfini dei Racconti, del «Ricordo della Basca», de «La Rosina perduta», del «Fanalino della Battimonda» è un altro Delfini, è un narratore temperato, dolcemente rassegnato; ironico. Il poeta, invece, non perdona: «Parlando di te parla il vuoto./ Già tu non senti. E' il vuoto sul vuoto./ Io solo ormai vivo e non più morente/ posso sentire il vuoto che te morta/ vai vuotando nel vuoto del morto».
Tutto l'arco poetico delfiniano batte su questi timbri dal primo testo qui raccolto, 1930, all'ultimo datato ottobre 1961 come specifica con puntuale rigore la Nota di Irene Babboni, nota che è una storia di questa poesia così legata al proprio autore da sembrare quasi un'appendice, un arto, un pensiero fisso, ossessivo, un suicidio sempre programmato e mai attuato, temuto e deriso allo stesso tempo. Ma Delfini era così: in lui, chi l'ha conosciuto vedeva il signore di campagna che s'è fatto una cultura da solo, magari leggendo Baudelaire e Soffici, Céline e Landolfi, Pietro Aretino e Gozzano senza crederci troppo, e vedeva anche quello dell'autoritratto: «Sono un re della foresta/ non sono un leone/ nemmeno un coglione/ sono un re/ un grande re/ non del verso/ sono re del tempo perso/ Come ce n'è tanti/ perché stanotte la notte/ mi ha baciato in bocca/ poi mi ha scacciato/ e gridò/ Sotto a chi tocca!». Ecco il suo «senso virile del dolore», come diceva Carlo Bo, e queste poesie lo ricordano sino alla disperazione. 

Poesie della fine del mondo,  del  prima e del dopo

 Einaudi ed.,   pag.  229,   15,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

ravanelli

GUSTO LIGHT

La ricetta - Sformato di carote e ravanelli

di Silvia Strozzi

Lealtrenotizie

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

2commenti

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

politica

Bilancio di fine mandato, Pizzarotti: "Attuato il 73% del programma" Video

3commenti

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

1commento

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

1commento

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

1commento

sos animali

Bocconi sospetti ritrovati al Montanara: parco chiuso  Foto

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

INCIDENTI

Scontro tra mezzi ferroviari: due operai morti sulla Bolzano-Brennero Foto

SOCIETA'

torino

Stamina, nuova inchiesta: fermato Vannoni. Stava per lasciare l'Italia

gran bretagna

10 anni dal caso Maddie. E ora Scotland Yard segue una nuova pista

SPORT

36^Giornata

Parma - Sudtirol 0-1: gli highlights del match Video

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

1commento

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport