12°

Arte-Cultura

Fasti e nefasti sotto la cenere

Fasti e nefasti sotto la cenere
0

di Francesco Mannoni

Alle tante grida d’allarme che in questi giorni allertano il mondo culturale sulla drammatica situazione di Pompei, s’aggiunge anche quello della giurista e grecista Eva Cantarella, e dell’archeologa Luciana Jacobelli. In un saggio intitolato «Pompei è viva» (Feltrinelli) le due studiose - già autrici anche di altri due saggi sul sito archeologico, «Un giorno a Pompei»  (1999) e «Nascere, vivere e morire a Pompei» (2011) - percorrono storia passata e presente e nel raccontare i fasti della città ne denunciano le deficienze, gli errori e l’incuria irresponsabile, colpevole di un disastro annunciato. Ma nonostante gli affreschi scompaiano, i muri crollino e tutto sembra scivolare in un declino inarrestabile, per le due studiose Pompei è viva.
«E’ viva perché Pompei è l’unica città antica che noi possiamo visitare e che ci restituisce la sensazione di vivere insieme ai romani dell’epoca – spiega la professoressa Cantarella -. A differenza di tutte le altre città che sono dei monumenti spettacolari, Pompei ci dà anche una serie d’informazioni sulla vita quotidiana, come si divertivano, come eleggevano i loro magistrati, come scrivevano le poesie d’amore sui muri o gli avvisi degli spettacoli. La descrizione della vita quotidiana degli abitanti ci fa davvero immaginare di vivere in mezzo a loro, come se duemila anni non fossero trascorsi. Tra noi e loro c’è solo una differenza fondamentale: loro erano pagani e noi siamo cristiani, e questo cambia tutto».
«Pompei è un caso emblematico perché parliamo di una delle più grandi e antiche città romane sopravissuta – precisa la professoressa Luciana Jacobelli che insegna metodologia della ricerca archeologica all’università del Molise, e da vent’anni segue gli scavi di Pompei -, ma tutta l’area archeologica di Pompei è a rischio, perché anche gli interventi che richiedono tanti soldi, servono fino a un certo punto».
Qual è al momento la situazione di Pompei?
«Con i suoi 66 ettari di case e di edifici pubblici, e ventimila metri quadri di pitture e mosaici, Pompei - spiega  Jacovelli - è un sito archeologico unico, perché non esiste al mondo una città romana così ben conservata in tutti i suoi aspetti. Ma mentre prima tutto era gelosamente custodito, negli ultimi vent’anni, sono andati in pensione i custodi, i manutentori e i restauratori, e il sito è rimasto sguarnito di persone che valutavano quotidianamente le sue necessità, e che intervenivano prontamente quando accertavano dei pericoli. Adesso la Soprintendenza deve provvedere con delle ditte esterne, e tutto questo significa burocrazia, appalti da fare che si allungano nel tempo e magari alla prima pioggia scompare la pittura sulla quale si doveva intervenire, o crolla il muro da rinforzare».
Che cosa è andato perduto?
«Ho fatto parte di un apposito gruppo di controllo durato tre anni che ha censito tutte le pitture e i mosaici che erano stati scavati - spiega  Jacovelli -  e abbiamo accertato che il novanta per cento di questi tesori è andato perduto. Pompei, che nel 1944 fu bombardata dagli americani che sganciarono sugli scavi 150 bombe, negli ultimi decenni ha subito molti danneggiamenti. Al momento servirebbero meno soldi ma più programmi con muratori, restauratori e custodi fissi per frenare un degrado inarrestabile. Occorre personale interno motivato che controlla tutti i giorni un sito precario. Se il Colosseo è stato costruito guardando ai millenni, le case di Pompei no. Tocca a noi farle durare nel tempo. Allo Stato attuale non ci sono grandi possibilità di ripresa».
Quali gli interventi più urgenti da attuare?
«Ci vorrebbe uno sforzo comune serio e importante - afferma  Cantarella - con una gestione patrimoniale molto attenta, che controlli come vengono spesi i soldi delle priorità. Se si continua a buttare soldi per rimettere a posto distruggendo è inutile. Bisogna conservare e proteggere, trovare i soldi per la manutenzione e per i guardiani. Ce ne devono essere parecchi che vanno avanti e indietro per evitare che i turisti si prendano il pezzettino di mosaico oppure anche il ciottolo della strada e facciano dei danni. Senza una seria manutenzione, Pompei non è destinata solo a deteriorarsi, ma a sparire. Grazie e Dio gran parte della città non è stata ancora scavata».
 Quali gli elementi preponderanti che riassumono più di altri la Pompei dell’epoca?
 «Personalmente trovo interessantissime tutte le iscrizioni - dice  Cantarella - perché ci fanno conoscere aspetti della vita dei pompeiani che altrimenti non potremmo conoscere. Si va dagli avvisi commerciali, ai decreti onorifici, agli onori funebri, alle dichiarazioni d’amore, all’annuncio che ci sarà uno spettacolo di gladiatori, fino alla propaganda politica: in sostanza quello che avviene ancora oggi. Sono delle informazioni preziose, delle provvidenziali testimonianze sul modo di vivere dei pompeiani che le iscrizioni ci raccontano come una cronaca che riflette la loro vita. I pompeiani andavano a vedere i gladiatori come noi oggi andiamo a vedere le partite di calcio. Non a caso a Pompei una volta, durante uno spettacolo di gladiatori successe un tale pasticcio che l’anfiteatro venne chiuso per ordine dell’imperatore. C’erano le tifoserie come negli stadi di oggi. I gladiatori che sopravvivevano diventavano degli eroi idolatrati come tanti Maradona o Pelè».
 Il vostro libro è un grido di speranza o l’ennesimo allarme su Pompei la cui sorte pare segnata?
«E’ entrambe le cose. Oggi - spiega Cantarella - è molto difficile affrontare il problema di Pompei, che non è solamente quello degli scavi. E’ il problema della città, del circondario, dell’organizzazione che sta attorno agli scavi, e della politica che ha un ruolo non secondario in tutto questo. E poi le situazioni e i fatti che hanno portato a disperdere una enorme quantità di denaro, buttato via facendo cose orripilanti. E’ una situazione dalla quale è molto difficile uscire.
Pompei è viva Feltrinelli, pag. 218, 16,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

Novara

Auto sui binari travolta da un treno: il conducente riesce a salvarsi

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv