-0°

12°

Arte-Cultura

Illica, il progressista

Illica, il progressista
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Martini

Col senno del poi, pensando a Gramsci che si chiedeva perché in Italia letteratura e arti figurative non fossero popolari come in Francia – e si dava la risposta: perché l’opera le sostituiva agli occhi degli italiani e i suoi librettisti diventavano i volgarizzatori dei grandi scrittori stranieri – ci si potrebbe allora domandare perché uno come Luigi ìllica non sia mai stato gratificato di una biografia ricca come questa che gli ha preparato da poco Gaspare Nello Vetro per l’editore Aracne di Roma («Vissi d’arte. Luigi Illica librettista»). Scarne ragioni, come la mancanza della focosa teatralità di certi versi alla Piave o alla Cammarano (la parola scenica invocata da Verdi...), impallidiscono di fronte all’entusiasmo dello stesso Verdi per i celebri versi di Cavaradossi, come da aneddoto riportato da Vetro, e in fondo non era quello richiesto dal mondo ripiegato degli operisti in carica negli anni di Illica. 
Non resta quindi che imputare la lacuna alla solita pigrizia della cultura italiana, impresa di norma sugli estremi di o ritoccare all’infinito il già noto o baloccarsi nei minuetti accademici. Illica poi di suo non offre le problematiche «strutturali» verdiane, per cui agli studiosi incliti un Piave o un Somma che rifanno versi sotto tortura del compositore diventano interessanti solo sulla misura degli stratagemmi predisposti dal musicista (o in funzione comparatista con i soggetti di riferimento, questo ancora più chic), negando così implicitamente la loro personalità letteraria; mentre per Boito, a cui di prassi vanno maggiori rispetti, s’allega la competenza di musicista e d’inventore un poco tortuoso di lemmi desueti, ed è fatta. È più naturale invece relegare Illica a campione di aloni esotici e decadentismi di provincia dietro i quali si nascondono le inconsistenze morali della coscienza italiana; il che peraltro ha una sua verità, che però sarebbe iniquo sminuire: guardato alla lente, il mondo di Illica appare più progressista del nostro. 
Questa è in fondo la morale di Vetro che, sempre con stile leggibilissimo e coinvolgente, non ama fare dei suoi biografati degli eroi e anzi incoraggia ad accettarne pregi e difetti nell’ottica del loro tempo. Il suo Illica ha la malinconia del ragazzino rammaricato di essere nato troppo tardi per vivere gli ardori risorgimentali (nel 1857) e l’aria fra il caposcarico e il guascone con cui si presentava ventiduenne nei salotti letterari al Caffè Manzoni di Milano, i cambi d’umore del ragazzino inquieto di Castell’Arquato e la disinvoltura con la quale caricherà i cavalli delle nuove tendenze artistiche. Persino le sue idee di trasporre rappresentazioni teatrali nella nuovissima invenzione del cinematografo, come annota in prefazione Marco Capra, fanno segno al suo vulcanico progressismo, riflesso nelle ridondanti didascalie dei libretti, quasi da sceneggiatura filmica. Pure, i suoi libretti di sempiterna gloria («La Wally», «Manon Lescaut», «La bohème», «Tosca», «Madama Butterfly», «Andrea Chénier») sembra non bastino a compensare i numerosi parti di minor successo per Mascagni, Gnecchi o Mascheroni, ma è proprio lì che la ricerca critica di Vetro, condotta al setaccio di giornali d’epoca e pubblicazioni dimenticate – c’è in coda anche un’antologia critica – coglie l’essenza di Illica: il tentativo di riscattare nella componente letteraria un malato ormai preoccupante come il melodramma. Non solo giapponeserie di superficie, e neppure definizioni limitative e sbrigative (Illica poeta «verista»), ma captare l’indefinito con il vocabolario dell’estrema semplicità o della desuetudine, superando la banalità del racconto. 
Ciò non lo salvò dal fare e rifare, specie per l’incontentabile Puccini: a differenza di D’Annunzio e Pascoli, scrittori che nonostante tutto difficilmente s’intendevano con i musicisti, Illica provava a mediare con la componente letteraria le ambizioni sceniche che la nuova musica faceva sempre più fatica a concretizzare. Negli ultimi anni il suo artigianato era divenuto industria, la «fabbrica dei libretti» di casa sua, si era anche arruolato alla Grande Guerra, sessantenne, unico a mantenere una promessa guascona di gioventù. Morirà l’anno dopo la fine del conflitto: ma ormai il mondo stava cambiando così rapidamente che per l’opera italiana ormai al traguardo poco avrebbe potuto fare il suo intuito formidabile.
Vissi d’Arte. Luigi Illica librettista Aracne, pag. 254,14,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Enza verso i livelli storici: il ponte resterà chiuso fino a domani

Preoccupa il Baganza nel Bercetese

2commenti

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

1commento

maltempo

Vetroghiaccio, disagi in Appennino. Berceto, tante case senza luce Le foto

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

20commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

1commento

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

legambiente

Ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d'Italia. C'è anche la Brescia-Parma

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

SPORT

Basket

Pugno all'avversaria: cestista squalificata per tre mesi

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS