11°

17°

Arte-Cultura

Vittorio Sereni, elegia infinita

Vittorio Sereni, elegia infinita
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

E' l'estate del 1913, il ventisette luglio. A Luino, nasce Vittorio Sereni, mentre in Francia Alain-Fournier, che morirà l'anno dopo, pubblica «Le grand Meaulnes», storia della sua trasfigurata giovinezza, e Marcel Proust pagando le spese editoriali dà fuori «Du côté de chez Swann», il primo libro del grande ciclo della Recherche. A Firenze, intanto, sotto la spinta di Marinetti e soci, Papini, Soffici e Palazzeschi danno vita a «Lacerba» rivista futurista e Attilio Vallecchi fonda la propria casa editrice. E' tutto un nuovo mondo che si mette in moto, e un nuovo modo di concepire l'arte, anarchico e vitalistico fermento che confluirà di lì  a poco nella tremenda fornace della prima Grande Guerra. Sono giusto passati cento anni (e che anni!) e a Bocca di Magra si ricordano le estati che vi trascorreva Vittorio Sereni con la propria famiglia, avendo scelto quel luogo tranquillo e appartato per «Un posto di vacanza». E proprio così «Un posto di vacanza. Una geografia sereniana» s'intitola la giornata di studi che il Comune di Ameglia assieme ad alcuni generosi e meritevoli privati, il Ristorante Capannina da Ciccio, il cavalier Boschi, le Cantine Colli di Luni Lunae  e l'editore Mondadori, hanno organizzato per domani  pomeriggio a Bocca di Magra a Villa Romana, chiamando a parlare di Vittorio Sereni, della sua vita, delle sue «vacanze» e della sua indimenticabile opera poetica Giancarlo Meazza, Stefano Raimondi, Gabriele Scaramuzza, Sotirios Pastakas, Elena Andreani, Isa Guastalla, Laura Chiari e chi scrive. Una giornata di studi che inizierà alle 17,30 nel segno di quella fondamentale osservazione che molti anni or sono faceva Giovanni Giudici quando Bocca di Magra dedicò a Sereni una strada. Diceva  Giudici: «Sereni è stato un poeta di luoghi» e, in particolare, di quella «severa riflessione intellettuale, esistenziale e anche politica espressa nel poema ''Un posto di vacanza'', con ambizione metaforica e accorta ambiguità». Dunque, torniamo  all'infinita sua elegia, ricordandolo qui come Amico e  Maestro di alcune generazioni di scrittori nostri contemporanei, a cominciare dai ritagli dell'esistenza che in «Frontiera» e in «Diario d'Algeria» - ora ripubblicati in un prezioso volume della Fondazione Pietro Bembo/ Ugo Guanda editore, a cura di Georgia Fioroni - fondano tutti gli stati d'animo del poeta, il suo stare al mondo, il suo porsi a confronto con la natura, la storia, gli affetti familiari, i viaggi, i luoghi e la poesia naturalmente avvertita, «divinata» come scriveva Zanzotto di «Stella variabile», in una lunga contemplazione di stazioni e di «baluginanti alfabeti» (Zanzotto) a sfidare tutta la complessa attività dell'arte scrittoria in versi e in prosa. Ma poi per Sereni valgono anche gli  «immediati dintorni», cioé il suo volgersi alla memoria come ad una dolcezza che si permea di figure, voci, profili, di piani d'ascolto, di timori, di allerte improvvise e di altre improvvise conclusioni rafforzate nei simboli e nei valori. Nei valori dell'amicizia, ad esempio, così riccamente sviluppati e spasimati nell'epistolario con Attilio Bertolucci (Garzanti, '94), e resi maggiormente palpitanti, in questo caso, dalla medesima età - due anni in più per il poeta parmigiano - e dall'origine parmigiana, felinese, della moglie Maria Luisa, al ricordo della quale ora si aggiunge quella della figlia maggiore Maria Teresa, la Pigot, tenace e peritissima curatrice dell'opera paterna. Un tutt'uno, si dovrebbe dire, mischiato di dolori, speranze, rivelazioni e delusioni come accade nella vita di tutti noi, e come scriveva Attilio a Vittorio in una confessione del '65: «Da Sirio, dai quindici anni, faccio il mio lavoro per mio conto, lo sai: il bello è che sembro partecipare, è per pigrizia che lo lascio credere». E Vittorio commenterà: «divino egoista!». Ma, in fondo, il «conservatore di rovine», come definiva Sereni Giuliano Gramigna, è davvero quel poeta dello «Sguardo di rimando»,  che negli «Strumenti umani» - ora ristampato in un Oscar Mondadori di più di mille pagine a cura di Giulia Raboni e con un saggio di Pier Vincenzo Mengaldo - s'identifica nell'immagine del «tarlo nei legni,/ una sete che oscena si rinnova/ e dove fu amore la lebbra/ delle mura smozzicate delle case dissestate:/ un dirotto orizzonte di città».
Immagine che, sconvolta e capovolta, accompagna tutta la poesia di Sereni, tutta la sua maturità così improvvisa - sembrò sino dai tempi di «Frontiera» - e invece così lungamente e faticosamente posseduta come osservava Dante Isella nella prefazione a «Tutte le poesie» (Mondadori, '86) curata dalla figlia Maria Teresa, riportando la confessione del poeta stesso: «La coscienza, in me, di ciò che scrivo via via si perde ben presto. Posso dirlo senza falsa modestia: il credito che concedo a me stesso sta sempre tra l'ultima cosa scritta e la prossima da scrivere». Quindi, divino egoista anche lui benché in apparenza indifferente, ma poi non tanto, in verità, se in una lettera ad Attilio del gennaio '80 poteva scrivere: «Meglio delirare Casarola da lontano, mentre da qui immagino favolose notti luinesi che non vi sono mai state. Ma non mi spiacerebbe, scegliendo ore giuste e luce propizia, trascinare te  e Ninetta un giorno a Luino. Sarà mai possibile? In fondo un po' me lo merito». Il desiderio non si realizzò e tre anni dopo Vittorio Sereni moriva. Ancora risentiamo la sua voce: «E' un breve risveglio di vento,/ una pioggia fuggiasca./ Nel dire il mio nome non enumera/ i miei torti/ non mi rinfaccia il passato».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va