-5°

Arte-Cultura

E Psiche sposò Amore

E Psiche sposò Amore
0

Pier Paolo Mendogni

Una mostra su Amore e Psiche non poteva avere migliore sede di Palazzo Te a Mantova dove Giulio Romano ha trasformato una stanza in un capolavoro scenico, dipingendo l’avventurosa storia mitologica narrata nel II secolo d. C. da Apuleio nelle «Metamorfosi» o «L’asino d’oro». Avvocato colto, studioso cosmopolita, filosofo seguace del medioplatonismo, impregnato di un forte misticismo, Apuleio ha voluto descrivere il tribolato viaggio dell’anima (Psiche) per staccarsi dalla materia e raggiungere attraverso l’amore la sublimazione eterna. La rassegna (aperta fino al 10 novembre) si propone si approfondire il mito di Amore e Psiche – ha sottolineato la curatrice Elena Fontanella - «basandosi sull’interpretazione che ne venne data nell’Umanesimo in chiave platonica» per cui il percorso è una lettura iconografica delle vicende di questa «favola dell’anima» attraverso opere che vanno dalle statue votive greche del V secolo a. C. a opere di Tintoretto, Candlelight Master (detto Trophime Bigot), Jacopo Palma il Vecchio, Canova, Salvador Dalí e altri. Infatti il mito di Amore e Psiche ha sempre goduto di una larga popolarità. Psiche era figlia di un re ed aveva due sorelle maritate; lei invece non veniva chiesta in sposa nonostante fosse così bella da essere paragonata ad Afrodite, suscitando l’ira della dea che chiedeva al figlio (Amore, Eros) di farla innamorare di un uomo abominevole. Sennonché il ragazzo si pungeva con la freccia ed era lui ad innamorarsi di Psiche. E’ l’orologio molle di Dalí a scandire il tempo languido dei sentieri dell’anima nei quali vaga, elegante nel suo peplo e con gli occhi velati di malinconia, una marmorea fanciulla romana: Psiche nuova Afrodite; la dea è lì a poca distanza, simile come bellezza. Apollo aveva predetto a Psiche il matrimonio con un essere «non umano» e i genitori la portavano sulla cima di un monte (Giulio la fa deporre tra erbe e fiori), ma Eros la faceva rapire da Zefiro e trasportare nel suo palazzo, dove l’incontrava solo di notte. A turbare la felicità di Psiche erano le sorelle invidiose, che le insinuavano il sospetto che il marito fosse un mostro che l’avrebbe uccisa per cui lei doveva anticiparlo, andando a colpirlo di notte. E Psiche con lucerna e coltello nel buio si avvicinava al talamo e scopriva Eros, giovane e bellissimo: la sorpresa era tale da sconvolgerla e una goccia d’olio bollente cadeva dalla tremante lucerna su di lui svegliandolo e facendolo fuggire. E’ questa una delle scene più rappresentate del mito: anche Giulio la descrive con toni inquietanti come il francese Trophime Bigot, artista barocco specializzato in scene al lume di candela. Psiche in quel momento prendeva coscienza completa del proprio amore per Eros e si disperava: ecco «Psiche abbandonata» di Giovanni Cappelli (1846) e il magmatico «Concetto spaziale» in terracotta di Lucio Fontana che coi suoi buchi scuri richiama l’angoscia panica della giovane che va, pellegrina, nei santuari delle dee a chiedere vanamente aiuto, arrivando infine in quello di Afrodite. La dea non era tenera verso di lei e le imponeva quattro difficilissime prove che Giulio Romano descrive. La prima consisteva nel dividere un’enorme quantità di sementi; la seconda nel raccogliere la lana d’oro del gregge delle pecore del sole; la terza nel prendere acqua sulla cima di un monte impervio: tutte superate con l’aiuto anche di Giove. Nella quarta doveva scendere tra gli inferi e chiedere a Proserpina l’elisir della perenne giovinezza, racchiuso in un’anfora che la giovane, incuriosita, apriva durante la risalita, respirando il fluido e cadendo in un sonno profondo. Dalí con la sua Venere bronzea ritmata dalla perfezione dell’ovo sottolinea l’implacabilità primordiale della dea mentre la giovane Psiche (qui in un statua dell’età imperiale), risvegliata da Eros, ha la compresa serenità di chi ha compiuto il viaggio iniziatico giungendo ad uno stadio di superiore illuminazione.Giove, commosso, donava a Psiche l’immortalità di dea consentendole di unirsi in matrimonio con Eros, festeggiato con un sontuoso banchetto, che costituisce il punto focale della strepitosa stanza di raffinata sensualità godereccia, dipinta da Giulio tra il 1527-28. Amore e Psiche, semicoricati su un triclinio, osservano la movimentata scena, che ha al centro una splendida piattaia con raffinato vasellame, intorno alla quale si muovono satiri vogliosi, turgide ninfe in una ricca simbologia non priva di elementi alchemici, così da realizzare una gioiosa, vivacissima apoteosi dell’anima e della felicità. E l’incanto di questa stanza mitologica viene moltiplicato dalla singolare installazione di Alfredo Pirri che ha trasformato il pavimento in una superficie specchiante con sorprendenti effetti suggestivi. Il percorso si chiude con un gesso del Canova: Amore e Psiche in piedi, teneramente accostati, accarezzano una farfalla – per gli antichi simbolo dell’anima – per sottolineare come la trasformazione da larva in crisalide e farfalla sia simile a quella dell’anima attraverso la vita, la morte e la resurrezione. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, la decisione è ufficiale: "Mi ricandido". Il video-annuncio. E Dall'Olio si ritira dalle primarie: "Sostengo Scarpa"

10commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

6commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

MODENA

Donna di 53 anni trovata mummificata in casa a Modena

si scava ancora

Rigopiano: si cercano tracce dei cellulari, è corsa contro il tempo

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto